Archivio | cattivi soggetti RSS feed for this section

Predatori

26 Feb

L’uomo è la fuori. Aldo riesce a indovinarne la figura, nascosta dietro agli alberi. La voce irrazionale, che ha preso a parlargli nella testa, dice che è spacciato anche lui.  “ Puoi vedere da te, no? Claudio era un metronotte e faceva da personal trainer. Quindi un uomo forte. Gli è servito qualcosa?No.  Perché dovresti sopravvivere te?A mio avviso, poi fai come ti pare, faresti prima ad ammazzarti. Quello non va tanto per il sottile. Toh, guarda un po’ come ha ridotto il tuo amico. Cazzo, c’è tanto di quel sangue da organizzare una sbronza collettiva di vampiri!”

“Stai zitta..”Il ragazzo mormora trattenendo rabbia e paura, contro la voce che da troppo tempo lo giudica e critica.

“Ha nevicato e siete isolati. Che cliché, nemmeno un briciolo di fantasia Ora: la casa è circondata dai boschi. L’avete presa proprio perché così potevate isolarvi. Bella idea! Bellissima!  E abbassati, idiota! Non stare alla finestra ad osservare che fa quel figlio di puttana. Fa il suo mestiere: aspetta. Intanto la paura ti paralizza, e quando non riuscirai più a resistere, sai che succede? Lui entra e ti ammazza nei peggiori dei modi. Credo che sia una fine naturale, no?Sei sempre stato debole, come potresti salvarti?”

Aldo fa in tempo a scostarsi dalla finestra, che un fascio di luce illumina la stanza. L’uomo là fuori cerca di controllare i suoi movimenti.

Il ragazzo si accascia a terra. Un violento singhiozzo gli fa sobbalzare le spalle. Aldo si sente avvolgere da dolore, paura, rassegnazione. Una sensazione fisica, di calore, pensa che dovrebbe andar al cesso. Morire assassinato mentre caca sul water

“Nemmeno in un film della Troma. Comunque va bene così. Ti stai abituando alla morteNon fai l’eroe, come quasi tutti, non tenti di reagire e non hai un piano astuto. Non li hai mai avuti Ti dirò di più qui hai..Vediamo? Sul mobiletto alla tua sinistrai’è il porta biro. Volendo..  C’è anche quella cosa a forma di cuore dove metti le pile. anche quello.. Ah, c’è il camino, ma l’attizzatoio e tutte le armi come si devono ce le ha il tizio fuori. Guarda, non amo dare le brutte notizie: ma tu sei il classico che muore male. D’altronde sei in un film dell’orrore e sai che finisce sempre male per la gente come te. Oh, speriamo che usi il tesser perché..”

2

“..non sono forte se no vedi che ti faccio, stronzo! Tutti i giorni a rompermi le palle.Tutti, e io? Frigno. Gli dico: “ lasciami stare” E lui continua. Ovvio, no? Che deve fare? Quel grandissimo stronzo di Salvatore. Ti dovrei spezzare le mani e poi gettarti nella vasca da bagno, e poi con calma..Perchè me lo voglio godere, sai che faccio? Prendo la radio, la collego alla prolunga, e per tre volte fingo di gettarla nella vasca, poi..”

“Aldo? Oh, mi ascolti? Che fai? A chi stai tirando i pugni? Riprenditi. Lo so che ti è successo. Di nuovo Salvatore, vero? Domani ci parlo io. Non ti farà più male”Claudio lo abbraccia forte e gli accarezza i capelli

Aldo è contento di aver un amico così premuroso nei suoi confronti. Non un amico, ma un fratello maggiore, uno che ha promesso – al padre morente di Aldo- di occuparsi del figlio. Claudio è cresciuto in quella casa. Fin da quando, la madre di Aldo, lasciava la porta aperta, affinché il ragazzino potesse scappare dalle violenze del padre.

Aldo e Claudio erano cresciuti insieme, sarebbero morti insieme.

3

“Oh, ma che fai? Il tempo dei ricordi? Ok, vaaa bene! Salvatore era una carogna e ti ha fatto tanto male. Solo che tu, invece di reagire, piangevi, scappavi e lui ti riacciuffava e giù manate. Lui e i suoi amici.Per fortuna che Claudio gli ha spezzato le gambe.Ora lo stronzo sta su una sedia a rotelle, lo sai? Si che lo sai L’hai pure visto. Rancoroso e squallido come sempre. Però non può più lottare come un tempo. Aldo, Aldo, la tua rabbia. Io la conosco, sai quale è? Quella dei conigli. Avresti voluto far male a Salvatore, a Piero-che ti prendeva in giro quando lavoravi nella fabbrica del tuo paese- oh, e Giovanni? Te lo ricordi, Giovanni?Quello dei commenti dissacranti su facebook, che ti trovava senza pietà. Ne volevi ammazzare un bel po’. E invece? Finirai tu ammazzato. Senti questi scricchiolii. Sono i suoi passi, fuori. Cammina con calma sulla neve. Non ha fretta. Tu invece..”

4

“ Al muro! Prendete quel coglione e portatelo al muro! E ora la mia mitragliatrice. Bene, bene. Oh, Giovanni, avanti Fai una delle tue tanto divertenti battute sui morti! Fammi ridere! A me Faletti piaceva tantissimo, capito coglione? Ma tu dovevi venire a scassarmi le palle, no?Tu suoni? Canti? Sai qualcosa di musica? No, sei come me! Però non puoi far a meno di scrivere: merdaaa! Con quel sorrisetto da testa di cazzo! Crepa stronzo!”

Aldo preme i grilletti della mitragliatrice . I proiettili fanno esploder in mille pezzi la testa di Giovanni

Sullo schermo del mac di Aldo, al post dedicato alla memoria di Giorgio Faletti, c’è un commento, che dice: Merdaaaaaa

Aldo stringe i denti e irrigidisce tutto il corpo. La rabbia gli fa pulsare il cuore a mille nel petto.

Vorrebbe uccidere Giovanni e almeno altri trenta coglioni, ma non lo farà mai. Non è nato per freddare, ma per esser freddato.

5

Il ragazzo pensa di barricarsi in qualche camera.Potrebbe spostare qualche mobile, potrebbe.. No, l’uomo là fuori è forte e implacabile. Ha fatto letteralmente a pezzi ogni osso di Claudio, senza fatica. Una porta non lo fermerebbe mai.

“ Siete in tanti, sai? Perché tu sei come i leoni da tastiera. Quelli che dicono: “ Se lo avessi, io  tra le mani!” Popi si cagano addosso e pagano il pizzo, o non denunciano un delinquente alla polizia. Quelli che farebbero affondare i migranti, sai quel tipo di gente. E tu? Che sogni di far il giustiziere, ora che fai? Sei paralizzato dalla paura. Piangi, come sempre. Ti basta un “buh!”Vabbè, ci vuole poco. Mi sa che sta entrando. Ciao, è stato un piacere “

6

Il fragore dei vetri della finestra che si rompono, sembrano quelli di un temporale. O di una bomba.

Aldo si protegge  , istintivamente usando le braccia, la testa dalle schegge.  Lui è entrato. Lo vede bene. Alto, grosso, una faccia da scemo qualsiasi.

L’uomo lo afferra e solleva senza difficoltà e lo getta contro il mobile con il porta matite in legno, a forma di Gufo. Per un secondo la memoria del ragazzo si ricorda quanto piacesse a sua madre. L’aveva portato lei, qualche mese prima di morire, in quella casa

L’uomo si sta avvicinando di nuovo. Aldo sente uno scatto, forse il coltello o un ‘altra arma. Spera solo di resistere al dolore. Spera solo di resistere al dolore. Spera solo di..

7

L’urlo spezza il silenzio della notte. Un urlo di dolore e di sorpresa. L’uomo non si aspettava una reazione da parte di quella sua preda.

“Succulenta preda”Mormorava la voce diabolica che lo spingeva ad assassinare e divorare le sue vittime. Gli ha bucato una guancia e colpito la lingua.,con una biro. L’uomo si strappa l’oggetto dalla faccia e , come se nulla fosse, avanza verso quel ragazzo. Gli farà tanto male.

Il colpo al ginocchioni l’aveva calcolato. L’uomo sente che sta perdendo l’equilibrio. Cerca sostegno aggrappandosi a una sedia,  ma cade in ginocchio

Il suo occhio sinistro registra l’oggetto con cui è stato colpito. Un cuore, di plastica? Legno? Ferro? Non lo sa.Vede delle pile sparse per terra. Inspirando si rialza e..

8

“ Cazzo! Cazzo1 Cazzo!” Urla Aldo. Non sa nemmeno lui, come sia riuscito a prender il tesser dalle mani di quel folle e ora lo colpisce a cazzo. Dove coglie coglie. Mani, gambe, testa, le palle.  L’uomo però lo colpisce con un calcio e lo fa precipitare a terra malamente.

Ok, ora può an he morire. Almeno ha reagito.

Ha combattuto. Tanto la gente come lui non vincerà mai. Non merita nemmeno una vittoria. Sono nati per fare le vittime.  Anche se pensano da sempre di uccidere, di farla pagare agli altri.

Così mentre sente le mani del suo assassino premergli sul petto, come se volesse strappargli il cuore, Aldo pensa a Salvatore, Piero, Giovanni. Pensa a tutti quei giorni persi a pianificare la vendetta , a gustare la violenza e ritrovarsi sempre a subirla

“Un ometto ridicolo, che ha tentato una ridicola lotta per la sopravvivenza.” Eccola di nuovo, quella fottuta voce! Tutta la vita che la sente. Tutta la vita che lo fa vergognar di sé stesso.

“Vaffanculo!” Urla il ragazzo facendo leva colle dita sugli occhi del suo carnefice. L’uomo urla di dolore e accecato va a sbattere a destra e manca.  Inciampa e si rialza. Brancola nel buio.

L’uomo ha il respiro affannoso. Ma, con grande e amara sorpresa di Aldo, è di nuovo calmo.

“Capita una caccia assai più difficile. Ma tu sei il re delle bestie e lo sbranerai” La voce in testa all’assassino lo rassicura.. Ha le orecchie e l’olfatto. Percepisce sia la vicinanza, che la paura, della sua vittima. Ridendo sotto voce si muove verso il ragazzo.

9

“Lo vedi? L’hai ferito e anche gravemente. Non devi temer più nulla. Pensa che sia Salvatore, pensa.”

Aldo ride. Una risata nervosa, isterica e brevissima. L’uomo a tentoni si getta contro di lui. Egli persevera quel suo sorriso trionfante e sprezzante. Lo stesso che Aldo  ha visto mille volte sulla faccia delle persone che lo hanno tormentato.

Il fischio del bollitore distare l’assassino, per un secondo, ma quello che basta per permettere al ragazzo di afferrato e gettare dell’acqua bollente contro il mostro.

“ Brucia, Govanni? Brucia eh!”

Guardalo, ora! Quello tanto sprezzante dietro il video del computer. Non mi “trolli” più, ora ? Un sorriso cattivo, un respiro ampio e profondo, una sensazione di immensa gioia

Di potere

Aldo afferra la prima cosa che trova sul piano di lavoro in cucina

Il tagliere? Boh, forse potrebbe essere utile. Con quello colpisce l’uomo Un po’ in testa, un po’ sul corpo, ma quello glielo strappa via di mano senza difficolta e gli afferra la gola.

In quel preciso momento, il ragazzo, si sente spacciato. Vorrebbe piangere, pregare e implorare pietà

10

L’uomo l’ha sollevato da terra tenendolo per la gola. Aldo scaccia violentemente, terrorizzato dal pensiero di morire. Poi si sente lasciar andar all’improvviso. Cade malamente sul pavimento.

Il ragazzo si accorge di aver colpito in volto il suo aggressore.

Col cuore in gola cerca un’arma. Una qualsiasi. Trova solo tanti oggetti e .. L’uomo l’ha fatto andar a sbattere contro il piano di lavoro della cucina.. Aldo è di pancia e l’uomo preme il suo corpo contro il suo.

Il ragazzo avverte qualcosa di duro contro le sue cosce. L’uomo ha un’erezione..

11

Una bella mattina, per esser autunno. La festa dell’oratorio ha portato in città molte persone.

Aldo corre tra la gente. Ha sei anni, non gli piace la scuola, però quel bellissimo giorno tiene lontani da lui i compiti, i compagni con cui non lega , il bambino è felice.

Il campo di calcio

l’Altalena. “ Che ci fa qui?” Si domanda il bambino. Non si trova nel campo di..

Tutto improvvisamente diventa rosso. Qualcosa di duro l’ha colpito sotto la schiena.

Il bambino urla : “Ahi”

Poi tutto svanisce

12

I frullatore ha la spina nella ciabatta elettrica. Aldo azione la macchina e con forza colpisce una mano mano destra del tizio che sta cercando di violentarlo. Brandelli di carne e ossa volano per tutta la cucina. L’uomo cade per terra tenendosi il moncherino che sprizza sangue a fiotti.

“Ti stavo aspettando da tanto tempo. Da tanto, tanto tempo” Aldo mormora questa frase rivolta alla sua vittima. Guardatelo quel “poraccio”Si era illuso di sopravvivergli, ma  nessuno  scappa dalla giustizia divina di Aldo. Lui è qui per purificare il mondo. Addio Salvatore. Addio Giovanni.

Addio, testa di cazzo che mi stavi sodomizzando. Ti ho trovato, finalmente!

Aldo si sente bene. Respira con calma, è lucido e distaccato. Prende una pentola. Un’arma insolita, vero? Questa è bella grande e pesante. Quanto tempo ci vuole per ammazzare un uomo? Lo scoprirà ora.

“Ah, no! spaccagli la mano! Se no ti afferra! “

Vero, anche se ormai spacciato, costui è stato un vero e proprio fastidio. Continua a combattere, anche adesso. Colla mano sano e le gambe, tira pugni e calci all’aria.

Aldo urlando e ridendo lo colpisce alla testa con la pentola e non finisce fino quando essa si spezza , rompendo sia le sue dita che la testa dell’uomo.

13

I soccorsi sono giunti tre giorni dopo. Il ragazzo si trovava tra la veglia e il sonno. Confuso, ferito, borbotta frasi senza senso. Accanto a lui il cadavere di un uomo ridotto a brandelli, . In soggiorno un altro morto

Aldo si sente afferrare e porre sulla barella . Poi l’autoambulanza parte

“ Ora devi riposarti. Prenditi tutto il tempo che ti serve.Devi riprendere le forze, tornare a vivere di nuovo. Cercati un lavoro, una ragazza. Ti serve tanto tempo e una buona copertura. Ti servono perché ti aiuteranno quando prenderai tutti gli altri”

La voce nella sua testa, dopo averlo rassicurato, gli canta una canzoncina dolce dolce.

Aldo sorride

Annunci

la vergogna

27 Lug

Giunto a metà  frase, Matteo, si bloccò.  Sulle prime non capì. Controllò il post, niente. Le solite cose, le sue classiche invettive contro quei dannati rifugiati, il sostegno a un prete che pretendeva il rogo per i gay. Tutto regolare. Rammentò persino di aver difeso quel bravo padre italiano che volle difender dalla sgradevolezza di aver dei disabili psichici, termine orribile, chiamiamoli : pazzi da legare, come ospiti nell’agriturismo dove costui passò le sue tanto sospirate vacanze. Per i figli! I bambini! Mica perché i pazzi andrebbero cotti con l’elettro schock! No, noi siamo civili.

Eppure, Matteo, continuò a non capire. Rilesse il post fino al punto in cui si bloccò.  Gli parve tutto giusto e sacrosanto. Pane al pane, vino al vino, linguaggio diretto e semplice che la sua gente doveva capire.

La mia gente. Al solo pensiero sentì, avvertì, fortissima una fitta al cuore. Tanto forte che si spaventò e pensò a un attacco cardiaco. Invece no, il cuore continuava a far il suo mestiere. Bravo cuore settentrionale che fa il suo lavoro.

No, non fu quello a farlo star male. Si alzò dalla scrivania e si avvicinò alla finestra. Osservò la strada sottostante. Il bar dove tutte le mattine beveva il suo caffè. Veloce, rapido, ma con sempre una battuta sui neri o sui gay per far ridere gli avventori

“E quelli ridono delle mie battute!”

Di nuovo quella fitta, potentissima e dolorosa. Ma da dove partì e cosa colpì? Non il cuore, il cervello.. Cosa?

Si recò a letto. Si distese sul materasso e si abbandonò a un riposo salvifico, o almeno così si augurò.

“La mia gente, le mie battute, i miei interventi quotidiani “pane al pane, vino al vino”

Il pensiero di queste cose lo tormentò tanto, che si alzò dal letto. Niente riposo, non riusciva a riposare. Decise di uscire e di far colazione al solito bar.

Finalmente in strada! Si diresse quasi correndo verso il suo solito bar.  Eccoli i suoi tanto amati avventori, che ormai conosceva benissimo.

“Uela, eccolo qua il Matteo! Hai visto?Altri pesci africani sul fondo del mediterraneo” Sorrise soddisfatto il barista

Matteo non apprezzò quella battuta.  Pesci africani?  Si trovò, stupefatto, a pensare che quel barista fosse proprio un pirla.

Ricordò le immagini dell’ultima barca affondata, le parole sommerse nelle lacrime, di una giovane donna che perse i genitori, il marito e la loro unica piccola figliola.

Persi, non come oggetti , che poi magari vai all’ufficio oggetti smarriti e li ritrovi. No. Persi nel senso di morti. Provò una stranissima cosa per quella donna:  empatia.

Fu così spontanea e prepotente, che non seppe nemmeno come spiegarsela.

Seppe solo che lo colse il bisogno forte e sincero di andar ad abbracciare l’africano che stava, con la sua misera merce, là fuori da anni. E da anni umiliato e offeso in tutti i modi.

Sulle prime l’uomo fece resistenza, poi accadde qualcosa che stupì entrambi

Matteo pianse e chiese scusa.  La supplicò quasi, sta scusa.  Il giovane nigeriano si commosse e rispose con fraterna dolcezza: “ Va tutto bene amico”

Matteo, improvvisamente, capì. Vergogna. Pura, profonda, giusta e necessaria. 

Per ogni pensiero e parola spese ad alimentare ignoranza e paure, per il danno che lui fece al paese e agli abitanti. Un paese dove delle madri reputarono giusto prendersela con la direzione di un centro estivo per l’infanzia, in quanto, tra i lavoratori, vi era un rifugiato. Provo schifo e vergogna per quel padre che reputò disdicevole passare le vacanze in un campeggio avendo dei disabili come vicini. Provò schifo e vergogna per lui, per le scemenze scritte solo per alimentare quel clima di paura, piccolo e disgustoso odio verso l’altro. Si sentì male di fronte a quel matteo disgraziato e sciocco, lui -si rese conto- non era così, non volle mai più esser così. Ecco che furono tutti quei piccoli disturbi di quella mattina. Vergogna, che arrivò a salvarlo, come ultima e preziosa redenzione.

Così inspirò tutta quella brutta atmosfera di frasi idiote e scritti deliranti e li espirò con violenza,allontanandole da sè e dal mondo.

Poi, leggero e in pace con sè stesso e il mondo, ritornò al bar. Guardò tutte quelle persone. Comprese la loro infelicità, si arrabbiò per quanto fatto a loro, sarebbero stati cittadini anche dotati di umanità e buon senso, se lui non li avesse spinti sulla strada facile dell’odio facile e meschino.

“Io mi vergogno. Mi vergogno di aver collaborato a render voi e il paese, peggiore di quanto sia in realtà” Tutti lo guardarono meravigliati, straniti, basiti

Ma cosa dice…

Poi, uno a uno, sentirono uno strano, ma potentissimo dolore. Non venne dal cuore, non fu la testa….

 

 

Il vecchio Vlad

22 Feb

 

 

Avessi qualcosa di meglio da fare, certamente non mi trovereste qui. Ma , a dirvi la verità, ho smesso da tanto tempo di aver “qualcosa di meglio da fare”. Precisamente da quando sono stato espulso da tutte le comunità del “ Ho un buon consiglio per te”. Non ce l’ho fatta. Ho fatto un giro di pista abbracciato al successo, ci siamo fatti il nostro ballo e credetemi:l’orchestra ci sapeva fare. Poi? Poi è arrivata la crisi e i piccoli stronzi come me sono finiti nel magico tubo di quella fogna che chiamiamo fallimento. Ho perso la mia Harker Immobiliare, ma non che me fregasse più di tanto. Certo è saltato il mio matrimonio con Miss Figa di Legno , la signorina  Mina.. Cose che capitano, l’amore nella nostra classe dura fino a quando hai un buon conto corrente. E vedete? Non ce l’ho più. Quindi la sera vengo qui e bevo. Mica da solo ,ce ne sono tanti. Tutti erranti cavalieri della sfortuna, qualcuno ha una buona storia legata a un sogno di gloria,altri hanno sempre strisciato le palle sul vetro degli insuccessi.  Ci sono stranieri, gente del posto,qualcuno ha ereditato il tavolo dal nonno che l’ha passato al padre ,che l’ha consegnato al figlio.  Sbronzi,rissosi, eppure non ho mai sentito ridere tanto di cuore come qui dentro.

E poi a mezzanotte spaccate arriva lui: Il Conte Vlad. Per gli amici Dracula. Fa tenerezza e pietà vederlo perso dentro quel abito da festa e di lusso,con i bottoni che mancano, sdrucito ,sciupato. E il cilindro che par aver fatto tante battaglie contro la polvere,il tempo ,la merda.  Tocco di classe: il mantello. A brandelli, con lo scotch a tenere attaccati brandelli di un glorioso passato e odierna traballante dignità.

“Ciao vecchio. Come va?” Gli chiedo.

“Da schifo ragazzo. Ho la gola che mi brucia e per dissetarla che mi danno? Il sangue di qualche tossico,di qualche barbone. E le puttane. Ti ho già raccontato del mio castello ? “ Mi dice lui, cercando di stare in bilico sulla sedia.

“ Quello in Transilvania? Bè,credo un paio di milioni di volte. Credo” Ribatto sarcastico,.Mi piace trattare così tutte le persone . Figurati quel vecchio rincoglionito.

“Era bello. A esser sincero,era bello tutto.  Pieno di forza, vigore. Temuto e rispettato La gente tremava solo a sussurrare il mio nome,non ci credi? Dovresti..Dovresti farlo! Che diamine , mostrami un po’ di rispetto!” Finge di far la grande sceneggiata. Io sorrido di sbieco e controllo l’orologio.

“Comunque: me la spassavo e anche tanto. Avevo tre mogli che in fatto di succhiare erano anche meglio di me! (Ride, le battute volgari e sessiste lo divertono sempre),e facevo la bella vita. Nello sfarzo, nel lusso.  Poi la gente ha cominciato a smettere di credere in noi. Non so come sia successo,ma non ci temevano più. Erano i tempi moderni. Venivano dall’America o da altri posti e costruivano. Più costruivano,più portavano le loro tradizioni,più io non contavo un cazzo. Sai cosa vuol dire : non contare un cazzo? No? Non lo sai…Ma che cazzo saprai mai tu. Ho venduto il castello ….”

“ A una ditta americana che ci ha fatto un centro commerciale. Me l’hai detto, sai?” Taglio corto io.

“Certo che te l’ho detto!  Sono vecchio,che credi? E non vecchio come questo signor qui., ( indica il barista,il buon Giulio),mi piacerebbe.. No sono vecchio di secoli. Ne ho vis…”

“Di cose che voi umani? Vuoi dirmi questo? Cazzo,ma non ti rendi conto che abbiamo anche noi una vita di merda? Te la ripetiamo forse ogni sera? Non direi.” Mi scaldo forse un po’ troppo con questo povero cristo.

“Sono costretto a fare il numero della mantide, ok? Il più ridicolo ed umiliante dei miei numeri. Forse non capisci bene. Ok,ok.. Giulio,che hai messo via quella roba per il mio amico Van Helsing?”Vlad tira su con il naso. Si è offeso e piange silenziosamente. Io faccio finta di non aver capito cosa stia succedendo.

“Certo.  Tre bottiglie di Jack Daniels,come sempre?” Il barista passa una borsa della Conad al vecchio vampiro.

“Ok,stasera ce la scoliamo e parleremo dei vecchi tempi. A  lui non dispiace mai.” Conclude con un tono velenoso. Sicuramente rivolto a me.

“Bella compagnia. Un vecchio matto” Mormoro.

“Si,matto e allora? Era un nemico onesto e rispettabile. Ora è appena uscito dal manicomio, di nuovo. E sono rimasto solo io a credergli. D’altronde parla di me. Beviamo,ci sbronziamo,ci commoviamo pure. Siamo vecchi ,caro mio. Però anche tu invecchierai. E troverai un coglione che ti prende per il culo,perché è giovane. Non sputa  e caga sangue di pessima qualità, non è costretto a  umiliarsi facendo la Mantide o robe simili. E ora dimmi? Come vanno gli affari?” Mi chiede sorridendo  benevolo

I miei affari, proprio in quel momento, entrano nel bar.

“Ciao Johnatan “ Lucy entra strisciando i piedi sul pavimento e cercando con la mano sinistra il sostegno sugli schienali delle sedie.

“Ciao,piccola” Le dico. Capelli neri e lunghi,magra e bianchissima, sembra perdersi dentro gli stivaloni bianchi finto cobrati,la canottiera rossa le casca quasi fino al ventre,non trovando il sostegno delle sue due flaccide e piccole tettine. La minigonna mostra due gambe fragili,una volta muscolose ,oggi oscenamente magre. Porta un paio di occhiali da sole,come mai?

“Ciao Lucy!” Vlad si alza lasciandole il suo posto. Il vecchio è diventato rosso e gli occhi gli sorridono.

“Uh,che bello il ritrovo tossici di merda e fottuti malati di Aids. Fantastico ragazzi,mi commuovete .”Ridacchio

“Fanculo Harker. Toh,questi sono i soldi della serata. Pappone di merda”

“120 euro. Pochi clienti,o..” Dico io lasciandole i cento e prendendo i 20. Posso bere qualche birra gelata. Tanto non ho nulla . Nessuna casa,nessun lavoro,tranne quello del pappa più pirla del mondo. Mi bastano  le birre e poi tornerò nella vecchia fabbrica abbandonata.

“Cosa hai fatto agli occhi? Ti hanno picchiata?”Le chiedo a brucia pelo.

“No,cioè…” Lei si sta arrampicando sugli specchi

“Chi è stato!” Si infuria Vlad.

 

Giulio tirando su con il naso pone i fiori sulla tomba di Johnatan Harker. Una lacrima scende pigra sulla guancia  sinistra del vecchio ex barista. Con l’età si diventa più sentimentali,sapete?

Non solo ha perso degli ottimi clienti,ma anche degli amici. Pure quel Van Helsing che non aveva mai visto in vita sua. O la povera Lucy.

 

“Però,sapete una cosa cari lettori? Se ne sono andati da eroi. Da veri eroi. Oh,che sbadato! Ma voi non sapete niente? Non sapete cosa è successo quella notte? Bè,lasciate che ve lo spieghi in breve…Vediamo…Ecco! Il nostro quartiere doveva diventare un posto per borghesi . Tranquillo, confortevole. Per quel branco di manager del cazzo che lavorano nella grande città e sognano di riposarsi vivendo in un bel appartamentino.  Così quella zona faceva gola a un tizio che oltre ad essere il più noto costruttore edile della Regione ,era anche un potentissimo criminale. Roba seria,e quei tre testa di cazzo con chi vanno a cozzare? Esatto con lui. Prima con il figlio cretino e violento e poi,tanto che c’erano,con l’intera banda. “

 

La porta del bar si apre di botto. Entrano tre tipacci: il figlio del noto costruttore  Lo Russo e due tirapiedi. Per farsi ben volere con delle mazze sfasciano metà locale. Sbraitando e sputazzando a destra e manca.

Io e il vecchio Vlad li osserviamo con un misto di disgusto e pena.  Lucy è spaventata e si rifugia sotto il tavolo.

“Ok,scimmioni abbiamo visto che riuscite a maneggiare un bastone,ma dubito che siate in grado di maneggiar altrettanto bene il vostro cazzo,e che sputate più di un lama. E allora? “ Dice il vecchio vampiro guardando i tre pirla . I quali respirano affannosamente, incazzati .

“ C’è gente che deve bere e ubriacarsi. Cose assai impegnative e nobili,ecco..Potreste andare a fanculo,gentilmente?” Concludo io.

Poi? Poi avviene tutto in fretta. Il figlio cretino e bullo di Lorusso si avventa contro di me brandendo un coltello a serramanico. Io mi metto in posizione di combattimento ,pronto ad abbatterlo con una bottigliata in testa,ma ..

Lucy si mette tra me e la lama. Ovviamente ha la peggio. Emette un urlo soffocato e poi si accascia per terra,io e il vecchio Vlad la sosteniamo delicatamente e l’adagiamo con cura per terra.

Il suo assassino ha l’aria spaesata e istupidita. Guarda lei,me e il vecchio.

“Mo so cazzi, pischello” Lo avverto. Lui mi fissa senza capire ,poi sente quel rumore e capisce che son veramente cazzi amari.

L’urlo della notte,dalla profondità degli inferi ,sale piano,come una nota bassa e distorta e poi cresce di volume. Tremano i bicchieri e le bottiglie. Qualcuna cade.

Il vecchio Vlad è decisamente fuori di testa e incontrollabile. L a sua vecchia e affaticata faccia di chi ha perso dignità e prestigio, si trasforma in quella di una creatura dell’oltretomba che ha superato indenne i secoli,le pestilenze,le guerre,e che da sempre , fin dalla prima notte del mondo, vive cacciando e massacrando.

I tre spaventati e urlando cercano di scappare dal bar,ma il vampiro senza nessuna fatica prende per la testa i due  tirapiedi del piccolo delinquente, e le fracassa sbattendole violentemente una contro l’altra.

Sporco di sangue e materia cerebrale,con calma punta in direzione del giovane assassino . Il quale inciampando e cadendo più volte cerca di raggiungere il suo Suv per scappare.

 

Che illuso.

 

Sotterro Lucy nel cortile della fabbrica abbandonata dove vivo. Ci sono un po’ di colleghe sue, un viados piange disperato, e qualche collega da bar. Tracannano birra e rhum, improvvisano brindisi alla bella e giovane fanciulla . Sole del bar,che illuminava con la sua presenza la vita di gente abituata a vivere nell’ombra

Il Vecchio Vlad si trattiene dal piangere. Come me. Siamo dei duri.

 

Più tardi io metto nella borsa da viaggio grande, che non mi è mai servita a un beato cazzo, le bombe a mano e le pistole. Un tizio le ha sepolte qui. Non è mai passato a ritirarle. Penso che ormai siano robe mie.

“Dovrò così occuparmi anche di te? “ Vlad mi guarda con uno sguardo ironico e divertito

“ Mi sa che sarà il contrario,vecchio! Son un ottimo tiratore.” Mi carico in spalla il borsone .

“Pronto John?”

“Certo Vlad”

“E tu?Sei pronto?” Chiede  il vampiro al nostro ostaggio: il figlio di Lorusso.

 

Guido piano verso la villa del tipo. Troppi pensieri in testa per un uomo che tra meno di venti minuti sarà morto. Vorrei trovare dei rimpianti, dei rimorsi, non trovo nulla  Né di buono né di cattivo. Nulla. Non penso sia così per il mio compare.  Chiuso in un nobile silenzio,lo sguardo severo,perso nelle gloriose notti in Transilvania.

 

Mentre sono fermo a un semaforo rosso,sento qualcuno battere le nocche contro il vetro.

“Ehi! Van! Che ci fai qui!” Grida divertito Vlad.

“Ti aspettavo per il nostro drink. Non sei venuto. Ho chiesto a Giulio e lui mi ha detto che andavate a sterminare la famiglia Lo Russo.  Così ho preso la bicicletta e son venuto a cercarvi. Questo si che è un bel modo di passare il sabato sera.”

Così ho capito che anche la morte a volte può essere comica. Io e due vecchi rincoglioniti contro la più potente famiglia mafiosa della città.

 

Nella villa ultra sorvegliata di Lo Russo gli uomini si annoiano: bevono,giocano a carte, si masturbano guardano riviste porno. Le ultime cose che faranno da vivi. Il potente boss è nel suo studio, sente musica classica e sorseggia costoso vino rosso. Non si intende né dell’una né dell’altro,ma fa scena e a lui queste cose piacciono assai. Il padrone della città con tutte le sue ditte, fabbriche, negozi. Un uomo avido e tirchissimo, innamorato del denaro e un devoto credente di Padre Pio. Che  porta tatuato sul petto. Tossisce ,anche se non lo sa è condannato da un brutto male,quindi a ben vedere Vlad gli sta facendo un grosso piacere.

Uomo collerico,volgare e sadico . La sua fama di leggenda del crimine è legata all’uccisione di un feroce boss del suo paese. La leggenda vuole che lo abbia ucciso in un vero duello,la realtà è che l’abbia ucciso sparandogli- tremando dalla paura- di spalle.

Il campanello suona. Chi è ?

Sente la voce di uno dei suoi,che saluta stancamente il figlio. “Può entrare anche lui?” Domanda il figlio. Ma chi cazzo gli porta a casa? Lo Russo, esce  dallo studio per vedere lo straniero in compagnia di quel suo disgraziatissimo figlio,ma il suo uomo risponde prima che il vecchio boss possa intervenire

“Se è con te,fai come cazzo ti pare. Entrate”

E’ esattamente così , che l’inferno entra nella casa del criminale.

 

Vlad spinge violentemente il figlio di Lo Russo , il quale vola agitando comicamente le braccia  e le gambe andando a schiantarsi contro la parete di fronte.

“Cosa!!!!!” Urla Lo Russo correndo al piano di sotto ,inciampando nei gradini e facendo tutta la scala ruzzolando come un vecchio coglione.

In casa sua ci sono tre uomini .  Due malandati vecchi, (uno vestito come quel tipo… Christopher Lee. Come mai gli vengono in mente quei vecchi film horror che da ragazzino amava tanto? ), e un giovane che tiene in mano…

“Ha delle bombe!!” Urla l’uomo ai suoi scagnozzi che sono arrivati sparando all’impazzata.

Il  vecchio boss vede quel giovane lanciare le bombe contro i suoi. L’esplosione fortissima ,i corpi carbonizzati. Pensa che forse farebbe bene a scappare e salvarsi,ma..

Il sangue vecchio di secoli, torna a ridere nelle vene del vecchio e malandato vampiro. Dimentica i tempi amarissimi e  tristissimi dell’abbandono della sua amata  terra, quel esilio tristissimo, quel declino inesorabile. Harker  e Van Helsing accanto a lui si battono come leoni.

I nemici sono tantissimi, troppi. Ben armati Ma lui non li teme e si avventa su di essi. Staccando teste,braccia, sbudellandoli,  Ben presto si ritrova coperto di sangue e quel sangue è fonte di energia per lui.

Van Helsing è il primo a cedere sotto i colpi dei nemici.  Un sorriso sulle labbra è l’ultima cosa che lascia al mondo.

Harker e il vecchio Vlad avanzano con calma e determinazione. Mentre i loro nemici pur essendo molti sono spaventati e disorganizzati.

Teste mozzate, arti strappati, corpi squarciati dalle bombe.  Poi il silenzio

Harker si lascia scivolare contro la parete del soggiorno. Ferito mortalmente. Allegro, ride . Aspetta la morte, non ha altro da fare.

Un rumore però lo distrae Strisciando il figlio di Lo Russo,cerca di raggiungere l’uscita.

Con fatica e lottando contro la vista che diventa sempre più imprecisa, prende la pistola  e spara gli ultimi proiettili contro l’infame. Un urlo lo informa della morte del giovane.

“Lui dove è?”Chiede Vlad ad Harker.

“ Nel suo studio. Correva sulle scale come un figlio di puttana codardo.” Lo informa il moribondo

“Aspettami qui,faccio in fretta”

“Ehi Vlad!”

“Cosa?”

“Sono orgoglioso di averti conosciuto.”Mormora Harker,morendo.

 

Il nascondiglio è sicuro. Aspetterà che tutto sia finito e poi ricomincerà da capo.  Cercherà rifugio  da…

Lo Russo non finisce il pensiero. Un fumo sottile sta entrando dentro il suo rifugio. Sta bruciando la casa ? Morirà soffocato lì dentro? Piano piano il fumo assume una vaga forma umana

L’uomo urla terrorizzato  cercando di uscire da quel luogo che ha capito sarà la sua tomba

 

La mantide però è più veloce.

 

Il vecchio Vlad è stanco. Si è lasciato alle spalle il cadavere fatto a pezzi di Lo Russo e quello di tutti i suoi uomini.  Con le ultime forze sotterra in giardino i suoi due amici e li piange. Prima il pianto è un sussurro poi cresce diventando un ululato di disperazione.

Infine stravolto si siede su una sedia  e aspetta l’alba. Ormai non ha più nulla che lo tenga legato a quel mondo. Può anche svanire

 

“Come è bella! Cosa mi sono perso in tutti questi anni” Dice il vecchio Vlad,mentre naufraga dolcemente nel mare del riposo eterno.

IL PRANZO

6 Mag

 

 

“Hai visto Laura?”Chiedi a Guido, tuo cognato.

“No,ehm…mi pare che sia uscita per fare una telefonata”Risponde svogliato . Sta seguendo un incontro di calcio in tv. Non l’hai mai sopportato , mai.  Il classico pirla che non si lascia sfuggire nemmeno una partita  scapoli e ammogliati del Burundi.

In cucina senti le voci delle tue sorelle, di tua madre. Sono sempre allegre quando si tratta di organizzare questi stupidi pranzi annuali. “Fa bene alla famiglia. Ci aiuta a rimanere uniti”,  ama ripetere tuo padre.

“Laura non c’è, è andata via!”Ridacchi,come è possibile che ti sia venuto in mente questa canzonetta. Non sei un tipo che si preoccupa per tutto, ma non è da lei allontanarsi così.

“Forse è arrivata quella telefonata..”Ecco,la faccenda del figlio. Ti mette a disagio, vorresti dirle la verità su tutta quella storia, ma come fai? Lei non fa altro che parlare del bambino tutto il giorno. Tutti i giorni , le settimane,gli anni. Non può averne e per lei è un’ossessione. La vedi come ci rimane male quando le sue amiche, tutte,hanno partorito. Come vorrebbe essere al loro posto.

I bambini in casa ridacchiano e canticchiano una vecchia sigla tv. “Come fanno a conoscere Il Pranzo è Servito?”Forse tua sorella minore,quella che da anni deve scrivere Il Libro dei Libri che sconvolgerà la storia del cinema e nel frattempo fa da anni la commessa scontenta in un supermarket, ha fatto vedere ai mocciosi delle immagini da youtube. Visto che ci passa le giornate.

Velleità, ma anche tu ne hai avute. Ti viene un nodo alla gola. Tutti e tutte lì in quella casa hanno dei lavori,anche lavoretti, tutti tranne te. La fabbrica ha chiuso. Sei sceso dal tetto con gli altri e dal momento stesso che avete messo piede a terra, hai detto bye bye  al tuo lavoro. La crisi certo non ti ha aiutato, nemmeno spendere cifre da capogiro al videopoker. Non hai detto nulla a Laura, non ti pareva il momento giusto.

“A tavola!” Tua madre con la sua pettinatura anni trenta, un golfino di lanetta lilla,i zoccoli ai piedi,la sua gonna nera e il grembiule bianco, truccata come se andasse a una sfilata , annuncia lieta la buona novella: si mangia!

Getti distrattamente un’occhiata alla porta , che si trova alle tue spalle, chissà perché senti una sorta di terrore che ti stringe lo stomaco..Sciocchezze

Immancabili le lasagne. A tua madre piace esagerare con il sugo di carne. Un sapore unico ,però, te ne sei sempre lamentato con Laura. Lei non è portata per la cucina, non tanto quanto fare esercizi ginnici.

“Natale torrido ,questo” Dice Guido.

“Uh,si terribilmente torrido”Conviene la giovane cassiera  Maria

“La fine del mondo, ho sentito dire.” Sostiene tuo padre. Quanto ama le teorie fatte da miliardi di cospirazioni  e complotti. La sua fissa è quella della fine del mondo.

“Come va il lavoro?”La voce di tua sorella maggiore, Claudia che ti siede di fianco,(quello destro), ti distrae per un secondo dai tuoi pensieri.

“Sto cercando,non è facile.”Tagli corto. In realtà non cerchi da un bel po’. Ti limiti a perdere vergognosamente i soldi alle  macchinette.

“Anche da noi non è un bel periodo. Sai che lavoriamo da tre mesi senza percepire stipendio…Si dice così?”Chiede Claudia a Maria che siede davanti a te.

“Si,si. Penso..”Non ama distrarsi quando mangia.

“Pensiamo di vendere la casa in montagna. Ci costa troppo,sai?”Dice Guido

“Avete trovato dei compratori?”Chiedi , solo per cortesia, a tuo cognato.

“Non ancora”

“Sono  brutti tempi. Non come… Ti ricordi Papà quando eravamo giovani?”Domanda tua madre al vecchio.

“Si,come no! Ero un piccolo campione del tennis. Mi divertivo. No, oggi la gente non si diverte… Tutta quella violenza!”Risponde l’uomo

“Già,troppa violenza”Interviene  Francesco , il fidanzato di Maria. Eterno fidanzato,eterno genio incompreso del sax.

“E per giunta in famiglia!”Esclama teatralmente tua madre

“Si,ho letto … Quando?Ieri non sono andata in edicola, quando..Ah!  Venerdì !  Dicevo:ho letto di questa tizia uccisa dal marito. Femminicidio,dicono oggi. Poi lui ha sparato anche ai figli Una tragedia!” Interviene Claudia.

“No,oggi potrebbero essere i tuoi famigliari stessi responsabili della tua morte. Mariti che ammazzano le mogli, madri che uccidono i figli … Una tragedia”Continua la mamma

“Si non siamo più sicuri da nessuna parte. La crisi ci  ha portato via anche la sicurezza famigliare” Dici tanto per dire.

Silenzio. Nessuna risposta. Ti osservano tutti.

“Dovrò cercare Laura …”Fai per alzarti..

“Ma non mangi il secondo?Il piatto clou del nostro pranzo!”Dice con un tono stridente e gioioso tua madre.

“Mettimelo via. Una fetta per me e per Laura,quando la trovo …”Non finisci la frase

“L’hai già trovata” Ti dice Maria

“Come?”

“Si, l’hai già trovata … Nel piatto!” Sorride cattiva lei.

Tu per inerzia guardi con orrore il piatto di lasagne davanti a te … Il sugo?

La risata collettiva dei tuoi parenti gioiosa,allegra,contagiosa,elimina dal tuo cervello quel sciocco pensiero. Maria , fin da bambina, amava parlare per paradossi e provocazioni. Ti aggiungi anche a te alla risate. Per un momento sei contento di trovarti con la tua famiglia. Certo avete avuto in passato dei problemi,ma ora …

“Ahhhhhhhhhhhhhhhh”Senti l’urlo uscire dalla tua gola e vedi tuo nipote Paolo di 4 anni che ride mentre preme con la sua manina la forchetta  nel dorso della tua mano sinistra

“Pappa!Pappa!”Ridacchia il dolce pargolo

Vedi un pugno, il viso del bambino,l’impatto con il naso,qualcosa che si rompe e il corpicino che vola lontano dalla sedia. Sei stato tu a colpire tuo nipote? “Scusatemi! Scusatemi ve ne prego! La crisi…Ho perso il lavoro e forse anche mia moglie,scusatemi..MA MI CAPITE ?SIETE LA MIA FAMIGLIA!”Vorresti dire questo. Non ne hai la forza. Non capisci più dove ti trovi.

 

Ti senti afferrare alle spalle, tua sorella e tuo cognato ..Han paura che tu possa ammazzare il loro bambino?Questo temono?Stai per rispondere che non vole…

Il dolore è fortissimo! Tua sorella ti sta azzannando la spalla destra. La colpisci duramente con il gomito in faccia. La vedi cadere prima sul tavolo e poi afflosciarsi a terra.

Senti i tuoi piedi che ti spingono indietro verso il grande divano a L, (fa tanto film porno amatoriale quel cazzo di divano),mentre i commensali si alzano in piedi rimanendo fermi ai loro posti. Ritmicamente con i le forchette e i coltelli battono sul tavolo

 

“Vieni a tavola,bambino! Non abbiamo ancora finito di mangiare”Ti dice tua madre

Claudia si alza da terra,lentamente e ti sorride mostrando una lunga fila di denti affilati..Non fai in tempo a chiederti che succede che lei ti è subito addosso. Cadete sul divano. Senti il suo corpo sodo e forte ,le unghie che ti graffiano il viso,i suoi denti che lacerano. La tua mano destra cerca qualcosa…qualsiasi cosa… La statuetta di ferro del fottuto toro che piace tanto a tuo padre. Eccola! Afferrata!

Vedi la tua mano e la statua colpire duramente alla testa Claudia. Sangue,ossa,materia cerebrale Poi come se fosse una dannata molla che non riesci a controllare il tuo braccio si alza e si abbassa colpendola ripetutamente al viso. Spappolandolo

Ti alzi ridendo. Ora siete tutti fermi. Loro si lanciano occhiate,come decidere chi deve  colpire per primo.

Sei così distratto da non vedere il piccolo Paolo muoversi velocemente a  gattoni ,avvinghiarsi alla tua gamba sinistra mordendola. Lacera i tuoi jeans e ti graffia leggermente

Lo colpisci come hai fatto con la madre Ormai la statuetta è completamente coperta dal sangue e dalla materia cerebrale delle tue vittime.

“Nooooo!Sei pazzo”Urla Guido gettandoti furiosamente contro di te armato di forchetta. Senti le punte infierire sulla carne martoriata della tua spalla sinistra. Prendi la sua mano,con disperazione .Gir i la forchetta contro la sua gola e poi…Lo spruzzo di sangue caldo ti fa capire che anche lui è sistemato.

Cosa succede?Ditemi che è un sogno.!

La piccola Cristina piangendo il fratello e i genitori morti si muove contro di te. Il tuo braccio scatta trovando il piccolo cuore della bambina come bersaglio. Lei cade con la forchetta piantata nel torace.

Francesco e Maria si avventano su di te. Con fatica scappi sulle scale che portano alle camere e al bagno. Francesco ti blocca prendendoti ai fianchi. Cadete. Ti giri . Lui si alza per colpirti con il coltello Tiri una pedata fortissima al suo viso. Lo senti frantumarsi sotto i tuoi anfibi. Vedi il cadavere cadere  Prendi il coltello e scappi  Sbatti contro il corridoio prima a destra poi a sinistra.  Raggiungi il bagno.

 

Maria urlando ti fa cadere nella vasca. Tenta di sbranarti il viso. Tu la colpisci più volte con il coltello

Urli,ridi,piangi e colpisci. Colpisci,colpisci,colpisci.

Silenzio. Dove sono mamma e papà?

Ti alzi a fatica ,sposti il cadavere della tua piccola sorella,che sognava di diventare una  grande scrittrice, e stancamente ti dirigi verso la cucina

Loro sono là,seduti ai loro posti. Stringi fortissimo il coltello nella tua mano. Capisci che stai sorridendo. Un sorriso cattivo

 

“Non abbiamo ancora finito di mangiare”Dici mentre ti avvicini ai tuoi genitori.

 

“Orribile massacro oggi a Nova Milanese, Stefano Rossi, un disoccupato di  47 anni ha sterminato la famiglia riunita a tavola per un rituale pranzo famigliare domenicale. Sbigottiti vicini,amici,parenti,che non sanno spiegare l’insano gesto. L’uomo continua a dire che i suoi famigliari, incredibile,hanno tentato di sbranarlo..Ma la polizia esclude questa pista,confermando che sia l’ennesima tragedia della follia e della crisi….Torniamo tra poco,con le immagini dello scudetto vinto dalla….”

 

il crepuscolo degli eroi

3 Mar

La sigaretta trema tra le mani del uomo.

“Non riesci nemmeno a tenerla ferma tra le mani”Dice la donna.

“Cosa?”Ribatte lui “La sigaretta”Precisa lei

“Oh,questo..Niente!Una piccola cosa,stai mettendo in dubbio che io non sappia più sparare?”Il tono della voce vagamente irritato.

“Sto solo dicendo che è da trenta minuti che quella cazzo di sigaretta par voglia competere alle olimpiadi, nella categoria tuffi”

“Spiritosa.Davvero”L’uomo fissa distrattamente il bicchiere di cuba libre davanti a sé “E invece questo ti mantiene lucida?

” “Aiuta i riflessi,certo”

“I riflessi?”

“I riflessi”La donna guarda l’orologio. Lancia un’occhiata intorno. La sua città, Roma, il suo bar preferito. Quanta gente hanno visto passare e quanti affari hanno fatto in quel posto.

“Trenta anni”Mormora lui

“Cosa?”

“Cazzo sei diventata anche sorda?Ho detto 30 anni.Ne abbiamo combinate di cose eh?”Sorride amaramente l’uomo

“Un tempo il nostro nome metteva paura. Lo sussurravano i diavoli ai loro figli,quando facevano i capricci.”

“Perché oggi?”

“Oggi,sei un uomo vecchio e malandato.Che fa da autista a un ricco rampollo di una nobile famiglia di figli di mignotta, o no?”Lei ama provocarlo,l’ha sempre fatto durante tutta la loro lunga e solida carriera ed amicizia.

“Si,che ci ha trovato anche un buon lavoro. Da quanto tempo non sentivi l’adrenalina scorrere lungo le vene?”

Lei pensa alla bambina. Le lacrime corrono lungo il suo viso. “Non sei tenuto,cioè…Puoi tenerti il tuo lavoro, non sei tenuto…Ti capisco,sai?”Lei cerca disperatamente qualcosa da fare , non vuol guardare in faccia il suo amico,mentre sente che non riesce a trattenere il pianto.

“Ho fatto tante cose brutte in vita mia. Troppe. Però due cose mi vanto di non aver mai fatto: 1) abbandonare un amico quando questo è nei guai,2)uccidere innocenti. Alla seconda non posso più rimediare,ma alla prima si.”Il tono asciutto e lo sguardo duro di lui mette alla donna una sottile sensazione di tranquillità. Sono stati insieme come fratello e sorella per tutto quel tempo e insieme se ne andranno.

“Tu ,però, puoi continuare a vivere. Cioè,hai quel lavoro…Forse mi sbaglio. La gente prima di morire,sai…L’abbiamo visto tante volte , magari si son inventati una storia.”Lei insiste, perché dovrebbero morire tutte e due? “

“Forse, forse è così. Forse il mio capo è veramente quel filantropo che dice di essere, e quei due che abbiamo eliminato due pervertiti. Forse loro hanno abusato di quella bambina,tu pensi che sia così?” Lei ricorda solo il pianto disperatissimo della bimba mentre un tirapiedi di quel cazzo di un milionario filantropo la portava via

“Aiutami!Signora,aiutami!”Gridava lei

“Come sarebbe stata?”Chiede la donna

“Cosa?”

“La vita. Se avessi avuto figli, se fossi rimasta con Paola,se non  avessi incontrato te,ma Cameron , se mi fossi laureata in biologia, se ..Come sarebbe andata?”

“Non credo in queste cose.Non l’ho mai fatto,posso solo dirti che questa è la nostra vita.Ti ricordi,come ti ho incontrato?”

“Si,caro mio. Eravamo qui. Avevamo finito di bere io e Paola,stavamo andando alla nostra macchina e poi…” La mano del tizio sulla sua spalla la fa girare velocemente e violentemente.La lama del coltello sulla gola.La paura che la immobilizza. L’altro stava strappando i vestiti a Paola, lei gridava e la guardava. Ferma,bloccata,sentiva la voce dei due uomini che le insultavano, ma era come se venisse da un altro pianeta.

“Poi uno fa:”che cazzo vuoi puffo quattrocchi?” E te gli rispondi una cosa tipo:”Odio i puffi” Poi hai sparato al tizio che mi teneva la lama di coltello puntata contro la gola” E lentamente, inesorabile, avanza. Il ferito a terra urla ,la pallottola gli ha fracassato il polso. L’altro tiene sotto di sé Paola , ma non dice nulla .Il terrore gli ha bloccato la parola.

“Non ho niente contro voi due,sapete?Cioè, che male c’è?La violenza fa parte della nostra vita e fate benissimo ad esercitarla,ma ..Sai,esiste sempre un ma..MAI ESSERE VIOLENTI NE I CONFRONTI DI UN BAMBINO,(l’uomo spara alla gamba sinistra del violentatore),MAI ESSERE VIOLENTI NEI CONFRONTI DI UN ANIMALE, (altro proiettile alla gamba sinistra), MAI ESSERE VIOLENTI NEI CONFRONTI DEI PALESTINESI, ( Spara ai testicoli dell’uomo) e MAI ESSERE VIOLENTI NEI CONFRONTI DI UNA DONNA ( l’uomo spara alla testa del tizio che esplode in mille pezzi) “

” E poi fai al tipo che stava maltrattando Paola….”

“Ti reputi fortunato,uomo?” Il tizio balbetta piangendo un si

“Testa o croce?”

“Testa..Nonono,croce!”

“Sicuro?”

“Sicuro”

“Bene” l’uomo getta in aria la monetina e mentre il tizio la fissa sperando di salvarsi la vita,lui gli spara in testa.

“Un bel modo di conoscerci,vero?”Ridacchia lui

“Non ne conoscevi di migliori?”Ribatte lei.  Da allora l’uomo l’ha allevata come una figlia. Nonostante non fossero così distanti di età. Avevano lavorato per tutti tranne che per israeliani, americani, perché lui aveva una sua “moralità politica”,come amava sostenere. E per la mafia. Avevano tentato diverse volte di ammazzarli, ma non ci erano mai riusciti. Erano davvero crudeli,feroci,spietati. “Bonnie e Clyde ci fan una sega”Diceva sempre lui.

“Che ore sono?”Lui si alza lamentandosi dalla sedia.

“19,30. Che bella giornata!”Sospira lei

“Cazzo,morire d’estate.Che rottura di coglioni”Brontola l’uomo.

Lei si alza e va a salutare Elio Antonelli,il vecchio e bonario padrone del loro bar preferito “Allora non passarete più da queste parti?”Domanda Elio trattenendo due lacrime ostinate che non vogliono saperne di tornare indietro “No.Stammi bene “Lei sorride timidamente. E poi se ne va.

Tutto può il danaro. Non è vero quello che dicono gli illusi o gli incapaci. Lui aveva tanti uomini che dipendevano dai soldi che elargiva a destra e manca per l’affare delle bambine. Non ci vedeva nulla di male erano bimbe nate in zone poverissime del paese. Lui pagava i genitori , pagava i suoi uomini perché andassero a prendere le piccole, e poi ammazzassero mamma e papà, di modo che i soldi gli ritornassero indietro. Carne fresca, pura, immacolata.Amava sfiorarle e toccarle. Per puro divertimento il suo braccio destro, Franco, gli aveva consigliato di mandare per l’ultima missione quel vecchio occhialuto rincoglionito che fungeva da autista e altri lavoretti. Un tempo lavorava con una donna ed entrambi erano una specie di leggenda, una cosa simile. Sai,anche le leggende invecchiano e spariscono.

“Hanno fatto un grande lavoro,vero?”Chiede Franco.

“Certo, assolutamente.”Riccardi si accende il sigaro, l’altra sua passione. “Intendi eliminarli?”

“Forse,ma sai..Lui è un bravo autista.Non so,che dici?”

“Non lo so,ma lei…Ho visto come guardava la bambina. Forse ha capito”

“Ah,si?Fammi pensare,ho messo del celophan sul pavimento. I miei uomini la fuori sono armati fino ai denti.  Mi sa che non intendo farli vivere a lungo, ma voglio divertirmi un po’.Sai, non te l’ho mai detto, ma per colpa di quella donna e di quel bastardo, ho perso un fratello. Tanti tanti,tanti anni fa”

“Il piccolo educatore di lesbiche?”Ride Fabrizio

“Si”Risponde il milionario. Un piccolo dolore ,il peso della mancanza di un fratello tanto amato.

ALLE SPALLE I FEDERALI,IL TUO NOME SUI GIORNALI

Pancho e Lefty

La villa è presidiata da un folto numero di scagnozzi e tirapiedi di Riccardi. Brutto affare,bruttissimo. “E quindi?”La donna vuol sapere che piano ha in testa lui.

“Niente,mi conoscono.Entriamo tranquilli ok?” Lentamente si avvicinano al cancello, pronti a fare fuoco su quella mandria di teste di cazzo.

“Ehi,puffo quattrocchi,dove caz..”Il palestrato der tufello non finisce la frase. Un proiettile gli fracassa il piede sinistro.

“Odio i puffi”Mormora lui

Gli altri lo fissano immobili.  Una mano pronta ad estrarre le pistole. E sudore freddo sulle loro fronti.

“Oggi è una bella giornata,non vi conviene rovinarla”Dice la donna.  Entrano in giardino e si dirigono verso lo studio del padrone di casa.

“Hanno sparato a un nostro uomo”Franco informa Riccardi.  Brutto affare. Bruttissimo.  Daniele e Laura entrano nello studio

“Avanti!Avanti! Che piacere rivedervi” il milionario si alza dalla sua scrivania e corre incontro ai due.

“Celophane?”Domanda Laura ”

Si,stavamo facendo dei lavori ..Sai imbiancare la casa,sistemare..Franco,anzi!Una cosa: ”vai a chiamare gli operai,che devo pagarli! “,Riccardi sorride a Laura”ogni lavoro va pagato ,no?”

“Certo”Taglia corto Daniele. I tre si siedono ai rispettivi posti.  Riccardi da dietro la sua scrivania tamburella nervoso sul legno. I due lo fissano impassibili.  “Avete detto qualcosa?”Domanda il milionario “

“No”Rispondono in coro i due.

“Bella giornata oggi. Dicono sia la più calda …”Riccardi lancia un’occhiata furtiva verso il corridoio

“Si,dicono sempre così”Risponde distrattamente Laura, sente dei rumori. Voci concitate, anche se faticosamente trattenute.

“Perfetta per un giro fuori città”Interviene Daniele, fissando Riccardi, ma toccando leggermente Laura. Come per dire:”Tieniti pronta”

“Quando ero piccolo,in giornate come queste io e mio padre prendevamo e andavamo a pescare.  C’era sempre mio fratello”

La voce del padrone di casa ha un leggero cedimento.

“Aveva un fratello?”Chiede Laura

“Si, ma è morto”Risponde cupo l’uomo

“Dispiace”Aggiunge Daniele.  Sono decisamente tanti quelli che son in corridoio.  Nello studio entrano Franco e altri quattro uomini, vestiti da operai.  Laura e Daniele si rilassano

“Eccovi ,qui! Dovevo pagarvi per quel lavoro” Riccardi si alza dalla sedia e va incontro ai lavoratori.  Proprio in quel momento Daniele e la sua collega sentono una scossa sul collo e cadono per terra.  “Ben fatto”Dice il milionario mentre prende a calci i due. “Tirateli su,tirateli su,avanti!” Grida Franco. L’uomo e la donna sono mezzi tramortiti e a fatica stanno seduti.

“MA GUARDALI,GUARDATELI TUTTI!QUESTI SONO GLI STRONZI CHE HANNO AMMAZZATO MIO FRATELLO” Altro giro di pedate e sputi ai due di nuovo per terra

“Tirali su”Ordina Riccardi  Malandati,ma ancora vivi Daniele e Laura fissano con odio i loro aguzzini

“Una domanda ,prima di morire,posso fartela?”Chiede la donna

“Certo,è una sorta…Di ..Come si dice?Ultimo desiderio?”Ridacchia il boss “Si,esatto.Quindi posso?”

“Fai”

“La bambina…”

“Bambina?Bambina?Uh….quella.Ah,certo ti accontento subito! Se le avessi dato l’opportunità di crescere,bè..Sarebbe diventata una grande pornostar…Se!” L’uomo ride e con lui i suoi scagnozzi. Daniele vede l’amica cadere a pezzi,distrutta dal dolore.

“Sai una cosa?”Chiede Daniele

“Cosa?”

“Prima quando lei ti ha chiesto se poteva farti una domanda…”

“Prima di morire,lo so..E allora?”

“E allora?”Domanda ridacchiando Daniele

“Già,e allora?”Ribatte duro Riccardi

“Non si riferiva mica alla sua o mia di morte,sai?”Daniele sente la rabbia ridere nel suo sangue,è tempo di massacro.

“E di chi allora?Della mia?”L’uomo ride sbruffone

“ESATTO!”Gridano alzandosi di scatto i due.  Con le gambe sinistre gettano violentemente le sedie contro gli uomini alle loro spalle . Che rovinano pesantemente a terra. Nel frattempo colpiscono violentemente al volto Riccardi che vola dietro alla sua scrivania. Daniele afferra la lampada sulla scrivania e con la base maciulla la faccia di uno dei finti operai. Poi afferra al volo la pistola e spara contro gli uomini rimasti dentro allo studio. Sangue,cervelli,vite che si spiaccicano tutto intorno sui muri e sul pavimento celophanato. Franco in terra spaventatissimo e tremante ripete “nononono” “L’hai toccata anche tu?”Chiede Laura

“No,è stato quel verme!Quel…”La testa del tirapiedi si spappola sotto i colpi della mazza da golf nelle mani della donna.

“Non sapevo che tu giocassi”

“Era la prima cosa che mi è capitata tra le mani” Faticosamente Riccardi si sta alzando,aggrappandosi alla sua scrivania.

“Ah,capo…Grazie per il lavoro,ma sai..Vorrei cominciare una nuova vita … Quindi:Ti licenzio!”Esclama Daniele mentre dà un calcio a una pistola abbandonata sul pavimento . L’arma vola verso la mano sinistra di Laura che la prende al volo e spara tutto il caricatore contro il viscido e squallido assassino di bambine

“Non è ancora morto?”

“No,voglio che senta cosa ho da dirgli. Mi senti,vero?”Chiede lei Riccardi tossisce vomitando sangue.  “Mi fa piacere ucciderti,mi fa molto piacere.Così come ci ha fatto piacere uccidere tuo fratello. E quelli come te” Dopo di che,i due sparano alla testa di Riccardi.

“E ora?”Domanda lei “

“Ci salutiamo qui o preferisci dopo?”

“Non lo so,hai una sigaretta?”Chiede Laura

“Si..Ehi ragazzi!Là fuori!Stiamo per uscire, vi avvisiamo. Che intenzione avete?”Urla Daniele

“Non lo so signore,lei che dice?”Ribatte con voce tremante un giovane scagnozzo di Riccardi.

“Ti piacciono i tramonti?”Domanda Daniele

“Tramonti?”La voce del ragazzo è quella di chi non riesce a comprendere il senso della domanda

“Si,tramonti.A molti piacciono. Io li ho sempre detestati,mettono una tristezza!Sai,tipo una fine malinconica,e tanto compatimento.Nessun tramonto per gli eroi,non lo meritano .E sai ragazzo?Io e questa donna siamo stati degli eroi.”

“Come vuole lei signore.Vi aspettiamo”

“Ok,ragazzo e scusami se ti ammazzerò ok?”

“Ok” Daniele guarda Laura in faccia e vede scorrere tutta la loro vita. I sorrisi, le risate, i sogni e illusioni ,il sangue,la morte,la miseria umana.

“Un piacere per me “Dice lui sorridendole

“Anche per me”Risponde lei. Si guardano per altri secondi,come per fermare il tempo e rammentarsi di ogni singolo secondo passato insieme

“Stiamo arrivando!” E avanzano verso la morte. http://www.youtube.com/watch?v=_nksp7zjrYE

sulle note di questo splendido pezzo,ora immaginateli.Sono due, sono anziani e malridotti  Fuori ci sono tanti, troppi ragazzi armati fino ai denti. Eppure loro avanzano. Daniele carica la sua pistola, Laura fa lo stesso  , Lei mette una mano sulla spalla del suo amico e stringe.  Lui la guarda e sorride. Non hanno bisogno di parole,non l’hanno mai avuto. Lei pensa alla bambina,che le corre incontro:”Mamma!”Dice  E poi a casa con Paola, una vita normale. Una coppia ,una famiglia. E Daniele sarebbe stato un ottimo zio. Il rimbombo frastornante di uno sparo il dolore all’orecchio destro.  Lei ride e avanza velocemente contro il ragazzo che le ha sparato. Lui trema, lei spara gettandolo sul pavimento. Altri colpi. Pezzi di muri come schegge. Niente può fermarli. Sente male per tutto il corpo si gira e vede Daniele pieno di sangue, sta cadendo. Lei lo afferra al volo, lui la guarda. Lo sguardo di un morto che continua a camminare. Si rimette in piedi. I nemici nervosi urlano, strepitano. Loro avanzano.Colpiscono gambe, braccia, teste, e ridono,ridono,ridono. La sentono, lo sanno, la vita sta finendo, è l’ultimo giro di giostra e allora ,  cazzo , che sia un giro memorabile. Scendono le scale sparando sui nemici che arretrano,inciampano,proiettili li bucano,pallottole gli squarciano,ma Daniele e Laura sono ancora in piedi. I divani rilasciano piume per aria,i vasi si sgretolano,un uomo colpito da Daniele frantuma la vetrata del soggiorno e vola fuori tagliato e con un grosso buco nello stomaco. I pochi sopravvissuti sono in giardino davanti alla piscina. Daniele e Laura si fermano sui gradini che portano all’entrata in villa. Fermi,immobili,respirano faticosamente,con calma l’uomo prende una pistola da terra e la passa alla collega “Grazie”Mormora lei “Finiamo questo lavoro,odio lasciare le cose in sospeso” Con la pace e la tranquillità dei giusti prendono la mira. I nemici sono disorientati,spaventati,annichiliti

“Ti avremmmo invitato ogni week end,sai?E avrei cucinato per te,amico mio”Dice Laura

“Tu avresti cucinato?Preferisco morire allora!”Ride tossendo e vomitando sangue lui

“Cretino “Ribatte sorridendo lei. Poi il rumore degli spari e le grida dei nemici scuotono il cielo e fanno tremare la terra.

Epilogo

Seduti sui gradini,  il braccio destro di lei sulle spalle dell’uomo. Li troveranno così. Come troveranno nascosti in villa dvd delle violenza che Riccardi, il noto ricco filantropo protettore dei poveri,girava nella taverna della villa. La cosa strana,davvero inspiegabile e che per giorni riempirà i pensieri del commissario Landi,non è solo la gratitudine per aver fatto quello che ogni uomo di giustizia vorrebbe fare,ma sono i sorrisi sul volto dei due cadaveri.

I sorrisi più innocenti,candidi,puliti,onesti che lui abbia mai visto in vita sua.

NATALE A.D.

22 Dic

“Last Christmas i gave you my heart, but the next day you gave away..nanana nananan ..Ehi,cosa c’è?Non conosci gli Wham?”Domanda l’uomo con gli occhiali e una ridicola divisa militare larga e stracciata al cane che giace sdraiato ai suoi piedi.
Sentendo la voce del padrone, l’animale si mette seduto e comincia a ringhiare ed abbiare.
“Cosa c’è?Cosa vuoi?Non abbiamo da mangiare, lo sai!Accontentati dei miei auguri di natale, Achille!”
Una lama fredda e pizzicante puntata alla gola.Legionari,o pretoriani?Non è mai stato bravo in storia dell’impero romano.
“Arrenditi Longobardo”Dice il legionario
“Scusami,mi sono sbagliato, Achille. Abbiamo da mangiare”Sorride l’uomo.
Rhona si fuma una sigaretta. Lucia dorme. Vorrebbe svegliarla per baciarla,stringerla a se.Si acconteta di guardarla. Beata lei che riesce a dormire.Come farà?Una sigaretta,o una cosa che possa rimembrare lontanamente quel vecchio e delizioso vizio.Seduta sul letto di un grande magazzino,ultimo loro rifugio, Rhona pensa al “prima”
Si trovava a Roma,era primavera,o fine inverno…cazzo,la memoria! Bè, era arrivata in quella bellissima città per girare l’ultimo film di Steven Spielberg. Un film avventuroso su una donna che combatte gli alieni per salvare la figlia .Non l’umanità: la figlia. Bè, come aiuto regista c’era lei: Lucia. Timida e imbarazzata ogni volta che le rivolgeva la parola. Anche con Steven era così,ma in modo diverso. Una sera ,(stanca della vita da set :albergo e lavoro), aveva deciso di invitarla a bere qualcosa insieme. La ragazza italiana quasi sveniva.. Una bella serata,tanto alcol,tanti racconti picareschi e cameratismo. Così avevano cominciato a frequentarsi dopo il lavoro.Poi era cominciato.
Così, di punto in bianco. Senza avvisaglie di nessun tipo. Se non le notizie che avvisavano di terribili delitti,in numero crescente. Però nessuno diede importanza ad esse.
Il mondo non era finito per una bomba atomica,nemmeno per un virus, o per i morti che son tornati a camminare per le strade. Il mondo era finito perchè la gente, senza motivo, aveva cominciato ad uccidere. Una follia. Che passava e contaminava la gente.Come? Nessuno l’ha mai scoperto. Un uomo che avevano incontrato qualche giorno prima aveva raccontato a loro che la sua prima esperienza con quello strano fenomeno l’aveva vissuta in ristorante. Improvvisamente il cameriere prese il coltello e tagliò la gola del cliente.Dopo una pausa di dieci secondi, il suo vicino di tavolo si gettò armato di forchetta contro di lui.

Rhona annuiva.Era successo lo stesso sul loro set. Un giorno qualsiasi Improvvisamente Steven prese a pugni l’assistente operatore.Senza motivo.Poi scappò.Tornò dopo due minuti armato di ascia.Nella mano sinistra la testa della costumista gocciolava sangue.Poi un elettricista uccise a colpi di cacciavite la segretaria di produzione.L’inferno.
Lucia le salvò la vita.Per farlo dovette decapitare il suo amatissimo Steven.
Fuggirono per giorni,settimane,lei parlava di un posto:Porto San Ercole.Il mare,la salvezza.
Non puoi salvarti quando il mondo impazzisce .

Rhona si alza dal letto. Cammina pigramente nei vari reparti. Un tempo tutte quelle cose in vendita avevano una loro importanza.Ora a cosa servivano?
“Rhonaaaa!Rhonaaaa!”La sente urlare. Spaventata
Lei corre con il cuore in gola fino al letto.La trova rannicchiata contro la testa del letto.Con le braccia tiene strette al mento le gambe.
“Sono qui”Le dice ,accarezzandola.
Il cane corre per le strade di una Roma abbandonata.Tra le carcasse di auto e avanzi di cadaveri. Ossa.
Ponte…come cazzo si chiama quello di Castel Sant Angelo?E poi è proprio Angelo, il santo?
Guarda le nere acque del Tevere trascinare i poco amabili resti dei meno fortunati e dei rottami di cose che un tempo forse avevano una loro utilità.
Il suo padrone lo segue poco distante.Mazza chiodata,fucile,spade. Ricercato dalle guardie romane per omicidio,rapina,e altro… Molto altro.

“Achille,fermati”Ordina l’uomo.
Il cane rimane immobile.Poi scondinzolando corre verso il suo padrone. La mano dell’ uomo infatti sta frugando in tasca. Pappa!
Non è vero ,come dicono molti, che i legionari siano così cattivi. Sono davvero gustosi.

“Dobbiamo uscire da qui”Dice Lucia
“Perchè?”Chiede Rhona
“Voglio andar a Porto Ercole”
“Ercole?”
“Ercole”
“No,non credo sia una buona idea. Come facciamo ad andarci?”
“In bici”
“In che?”
“Bicicletta”
“Lucia..Qui abbiamo tutto.Cosa ci serve,andare ..”
“Non siamo sicure.Verranno prima o poi. Centurioni,legionari,pretoriani, qualcuno verrà! Dobbiamo muoverci. E ti dico, il mare…Prenderemo una barca e poi vivremo in mare aperto.Andrò a prendere da mangiare,pescherò per te.Sarà come una sorta di paradiso, credimi!”Lucia prende le mani di Rhona.
La donna inglese è titubante.
“Cosa è stato?”Chiede
“Cosa?”Ribatte la donna italiana
“Quel rumore…Qualcosa che cadeva”
“Niente,sarà…”Di nuovo un tonfo e uno strano rumore. Qualcosa che cigola e dei passi pesanti che calpestano il pavimento.
“Cavalli”Mormora a bassa voce Lucia
“Cosa?”Domanda esterefatta Rhona.

“Eccole!”Grida un Centurione a bordo di una biga correndo ad alta velocità contro le due donne.
Lucia e Rhona cominciano a scappare ,zigzagando tra le varie corsie.
“Le armi!”Urla l’indio-irlandese
“Sono sotto il letto”Risponde la giovane romana
Alle loro spalle sentono la merce cadere e il centurione bestemmiare,non è comodo correre con una biga all’interno di un centro commerciale.
“Di qui! Di…”Rhona si ferma di botto.Davanti a lei , in mezzo alla corsia, ci sono tre legionari armati fino ai denti e un centurione a bordo di un’altra biga.
“Darò ordine ai miei uomini di spararvi,signorine”Dice l’uomo sulla biga.
Rhona e Lucia non possono fare altro che arrendersi.
La malattia sta peggiorando. Canta, ride, parla, da solo. O con il cane. Ecco, quella bestia è l’ultimo aggancio con la realtà . L’ultimo.
“Da quanto tempo mi conosci?Saranno dieci anni?Bè, sono stati anni meravigliosi quelli spesi con te. Non so che altro dirti, per …”Non trova davvero le parole e sente un nodo alla gola, calde lacrime riempire i suoi occhi. Non un bello spettacolo quello del peggior criminale dell’Impero in lacrime. Accarezza il cane.
Dove si trova?Lungo la Cassia,gli pare.Vagabonda senza meta da un bel pezzo. Uccide,mangia,uccide di nuovo ,dorme, aridaje ammazza ancora e poi cammina. Tanto. Non sa quante volte abbia fatto avanti e indietro quella città .Bellissima e suggestiva ancora, nonostante tutto.
“Io e te…Io e te”Dice l’uomo mentre fa passare la mano sulla schiena robusta del suo animale di compagnia.
I Senatori l’hanno avvertito più di una volta. Il popolo si sta stancando dei soliti scontri tra ridicoli gladiatori.Non ce ne sono più di buoni, e quindi son sempre più malcontenti. Un popolo non contento,potrebbe cominciare a protestare e non è sicuramente quello che L’Imperatore vuole.
“Abbiamo bisogno di lottatori nuovi.Gli scontri ultimamente sono sempre più …Come dire?Prevedibili. Caronte e la sua squadra di gladiatori della nostra Accademia,sono troppo forti e i prigionieri..Per il Santissimo Giove, davvero debolissimi e impresentabili”
Il vecchio Lucio a nome dei Senatori si rivolge a Sua Meraviglia L’Imperatore di Roma.
“Selezionateli meglio. Che volete vi dica?Il popolo perchè mai dovrebbe lamentarsi?Roma è risorta!Siamo tornati alle nostre origini.Abbiamo una città che ha ripreso la sua tradizione imperiale.Diamo banchetti,spettacoli,abbiamo le migliori prostitute e gli enuchi più appetibili. Nondimeno, come sempre, essi sono scontenti?Bene,dicano cosa vogliono? La repubblica? Abbiamo i senatori. La democrazia? Bè,se rispettano le nostre regole, che sono le sacre regole dell’Impero, hanno tutte le libertà. Ricordate i vecchi tempi? Anche allora si lamentavano. Non sono mai contenti. Non ci baderei molto, però dopodomani sarà Natale e voglio quindi che abbiano un grandissimo spettacolo. Lo scontro degli scontri e poi un grandissimo banchetto.Cibo per tutti i Romani e Romane. Pane e circo,son sempre gli alleati migliori per noi Potenti e Onnipotenti.”
“Dovremmo trovare degli avversari degni di nota”Mormora un consigliere di corte.
“Li abbiamo!”Sostiene il capo dei pretoriani.
“Davvero?”
“Bè,oggi abbiamo catturato due donne…”L’uomo viene interrotto dal ridere del consigliere imperiale
“Non riderei,se fossi in voi. Sono le responsabili della scomparsa della Nona Legione”Conclude duramentee il capo dei pretoriani.
“Non c’è via che non mi ricordi una nostra impresa, vero Achille?”Chiede l’uomo al suo cane. L’animale agita la coda gioiosamente.
“Ne abbiamo ammazzati e amate ,vero?Si,ci meritiamo la nostra cattiva reputazione. Come se poi in questo inferno contasse qualcosa la reputazione”.
La Cassia è lunga,stanno andando verso nord.Quartieri bene,una volta almeno. Lui li odia. Tanto che le stragi migliori, si parla di intere famiglie, le ha portate a termine proprio in quelle zone.Sente l’adrenalina,la rabbia, l’odio e la violenza pompare nel sangue,ci siamo..Una crisi. Urla tirando fendenti nell’aria e ridendo istericamente.
La Follia, l’ha contaminato ,ma non del tutto. Ha una forza eccezionale grazie ad essa, un istinto potente,ma anche la durissima sensazione di perdersi,la disperazione dopo ogni strage e violenza.

Un suono acutissimo gli penetra il cervello. Si gira e lo vede:Achille è morto. Trafitto da una lancia artigianale.
Un uomo gli tiene un piede sopra,come se non volesse lasciar scappare la sua preda.Ha un sacco di iuta come vestito,legato malamente intorno al fianco.
“I miei bamabini mi han chiesto un regalo per natale..”Ridacchia l’uomo.
L’occhialuto prende la sua mazza chiodata.
L’uomo con la lancia capisce in quel momento il grave,gravissimo errore commesso.
“Non..”La frase gli muore in gola,poi comincia a urlare.Un chiodo gli ha perforato l’occhio. Con quello sano vede che pende dalla mazza.

L’occhialuto ridendo,piangendo,urlando,imprecando,colpisce fino a ridurre in poltiglia il malcapitato.Poi si abbandona sedendosi per terra. Prende il cadavere del cane e lo tiene tra le braccia. “Shhhhh. shhhh..piccolino,amore mio..Piccolino,amore,lo sai che ti voglio bene?”Passa la notte dell’antivigilia e la vigilia così.Fino a quando dei pretoriani lo trovano e lo portano nel carcere per i combattenti del colosseo.

Lucia cammina nervosamente avanti e indietro da muro a muro della cella. Rhona , più calma, sta seduta sulla brandina.Nella cella accanto le guardie si stanno divertendo con alcune prigioniere compiacenti.Sono quelle che dovranno fare le cortigiane nella lunga notte di Natale.Significa essere libere per almeno un paio di giorni,qualcuna potrebbe anche trovare la libertà e andar a corte.
“Dobbiamo scappare”Dice la donna italiana
“Come?”
“Prendere in ostaggio un paio di guardie”
“Ah,certo!Facile!Mica è un fottuto film questo,lo sai?”
“Grazie per l’informazione.Mi fanno schifo loro e quelle troie,le ammazzerei…”
“Dovresti allearti con il Massacratore. Lui,te e il suo cane,pensa che famigliola allegra. ”
“Famiglia?No,quale famiglia..”
“Quale famiglia,nemmeno con me?”Chiede Rhona
“Bè,ma quello…No,sarebbe diverso.Comunque..Non stai bene con me ,così?”Chiede Lucia
Rhona si alza sorridendo. L’abbraccia e la bacia.Lucia si sente il cuore in gola,leggera e felicissima.Ogni volta le succede di sentirsi in paradiso,un posto migliore,lontano dalla Follia e dai farabutti che da troppo tempo dominano Roma.
“Ce la faremo. Credimi”Le mormora all’orecchio Rhona.

Caronte è la vera star di quei tempi bui e crudeli. Ex attore di pessimi film d’azione,aveva dato sfogo alle cose imparate sul set , durante i primi giorni dell’apocalisse. Lui e un gruppo di suoi colleghi, stavano girando Mercenari 4, e stuntman.Uomini duri e cattivi.Macchine di guerra e repressione. La città era tappezzata di suoi manifesti. I bambini lo amavano e da grandi- quei pochi che riuscivano a crescere-volevano essere tutti come lui. Le donne lo desideravano e gli uomini lo temevano.
Purtroppo negli ultimi tempi le cose andavano male.L’Imperatore era un vanesio ,isterico e parolaio. Non si trovano più prigionieri degni di nota, si giocava il tutto per tutto quel Natale.Devono per forza dare un grande spettacolo.La popolarità arriva velocemente e ancora più velocemente se ne va.

L’uomo è in una cella singola,d’isolamento. Appena arrivato ha già ucciso tre innocenti prigionieri e quattro guardie.La Follia gli circola nel sangue .Non ricorda più il suo cane.La malattia e la paura di soffrire in modo troppo violento e straziante,anche per un assassino crudele come lui.

“Natale”
“Cosa?”Chiede Rhona
“Tra poco.Sarà Natale”Risponde Lucia
“Già.Ti manca?”
“Strano,prima non è che mi interessasse molto.Lo aspettavo per fare le immersioni a Porto Ercole.Ci vedevamo con i parenti,sai le cose che facciamo noi Italiani?”
“Immagino che lo faccino anche in altri paesi.Non credi?”
“Mi manca quello…Il mare,e la mia famiglia.Certo,la mia famiglia.”
“I miei hanno divorziato quando ero piccola,quindi..”
“Scusa,io..”
“No,parlami di cosa facevi con i tuoi…”
“Non riesco a parlarne.Non perchè non voglia farlo,ma è …Sento la loro mancanza.Così banale,non credi?”
“Perchè?Lucia perchè dovrebbe esserlo?Dopotutto,anche con questo mondo in rovina,con la Follia che ci ha contaminati,dopo tutta la violenza e orrore,perchè non dovremmo commuoverci pensando ai nostri famigliari?Perchè non dovremmo avere nostalgia dei nostri Natali passati?”
“Non sono una dura sai?Cioè,magari ..”
“Non ci ha mai creduto nessuno.Mai.E non devi pensare…Ecco,quan-
do mi hai fatto leggere quel libro,come si chiamava?”
“Un posto che si chiamasse arrivederci”
“Si,ecco.La cosa più dolce e ..Non ho le parole,credimi.Non può che essere una bella persona una che scrive quelle cose.E se tra poco,quando andremo a combattere,ecco io..”
“Tu cosa?”
“Io…”
“Non lo pensare nemmeno.Non lo fare.Non permetterò che ti facciano male,non lo faranno.Non lo faranno,hai capito?”Lucia quasi urla
Rhona si alza dalla sua brandina e si sdraia accanto a lei.Cercando di calmarla,sussurrando dolci parole e accarezzandole il viso.
“Come sta?”Chiede una guardia al suo collega
“Zitto.Prima dava in escandescenze.Urlava,cantava,rideva,chiamava il suo cane. Sopratutto quello.Ora sta zitto.”
“Dobbiamo controllare?”
“Cosa,ma sei pazzo?Lo sai chi è questo?Il Longobardo.Non so quante persone abbia trucidato.Non è forse Natale , oggi?Cerca di rimanere vivo e di festeggiarlo bene con i tuoi.”
Nella cella un pesante silenzio,presagio di cattive notizie,fa sentire la sua tenebrosa e potente forza.
Natale,cosa faceva?Il delirio era passato,ora sentiva il sangue scorrere tranquillamente,il cuore battere regolarmente.Cosa faceva a Natale?Andava al mare. Pietraligure,Loano,Varazze. Con i suoi. E Achille. Ricorda la bellissima atmosfera malinconica,tenera,dolce. Pace. Ecco,era in pace con tutti. Lui un tempo sapeva anche amare.Non lo vuole scordare. Prendeva tanti libri e li leggeva. Poi il lavoro ,il negozio, aveva cancellato quella bella e sana abitudine natalizia.
E Achille,ora?Cosa farà domani?Ci sarà la festa di natale nel paradiso dei cani?Non vuole pensarci.Fa male.
Tra poco combatterà.Il consigliere imperiale è venuto a trovarlo.Due ore prima.Gli ha detto che vuole uno spettacolo come si deve.Rideva viscido e schifoso come gli uomini della sua specie sono sempre stati.
L’uomo comincia a ridere a bassa voce
“Achille,cosa dici?Glielo diamo uno bello spettacolo?Buon Natale amico mio.Ogni goccia di sangue,ogni testa decapatita,ogni vita che strapperò dal corpo di questi figli di puttana sarà dedicata a te”
“L’Imperatore verrà ucciso?”Chiede Caronte sbigottito
“Certo”Risponde il consigliere
“Come?Ma è impossibile…”
“No,ho agganci tra i senatori e due pretoriani che ci lasceranno fare.Non lo sopportiamo più. Un mediocre è sempre utile,per qualsiasi tipo di regime. Però quando egli oltre alla mediocrità,ha la cattiva abitudine di essere vanaglorioso,vanitoso,megalomane,bè…Potrebbe rivelarsi pericoloso sia per noi che per L’Impero.Quindi domani,dopo lo scontro,che vincerete tranquillamente,un uomo alle spalle dell’imperatore lo pugnalerà a morte.Tu lo ucciderai e a furor di popolo sarai il nuovo Imperatore,che ne pensi?”Domanda mellifluo il consigliere
Caronte ride felice.
La gente si sposta lentamente verso il Colosseo.Vecchio rudere pericolante,fatiscente.Tra le erbacce,le rovine,combatteranno i Gladiatori e i Prigionieri.Loro staranno in bilico su gradini consunti dal tempo.E tiferanno per quello che il potere ha deciso debba essere il loro eroe.Lo faranno pensando di essere liberi.

Circondate da Pretoriani e Legionari,Rhona e Lucia vengono scortate verso il Colosseo.La folla urla bestemmie e maledizioni contro le due donne. Tengono nelle mani i ritratti de L’Imperatore e di Caronte e guardano con espressioni feroci e sprezzanti le prossime vittime

La folla continua a inveire,deridere,urlare,tifare,poi all’improvviso il silenzio cala sulla strada. Zitti,immobili,fissano l’uomo circondato da legionari e corpi speciali armati fino ai denti e oltre.
“Il Longobardo”Mormora un bambino terrorizzato.
L’uomo cammina sereno e tranquillo.La serenità e tranquillita di un pazzo.
Dalla folla un urlo. Una donna ha perso la sua bambina che corre verso l’assassino.
“Sei il Longobardo?”
“Certo”
“E dove è il tuo cane?”
“Morto”
“Spero che tu lo possa raggiungere.”
“Lo spero anche io,ma prima vi porterò tutti con me”Sorride l’uomo mentre viene trascinato via.

Caronte guarda la sua squadra. Paul sta controllando le sue motoseghe,Jason indossa la sua maschera da Hockey e lucida la lama della sua mazza-falce,Eletric Killer si diverte a giocare con la corrente elettrica che esce dai suoi aggeggi strani.
Tra poco lui sarà Imperatore e questi uomini le sue guardie del corpo.

Il boato si fa sentire per chilometri.La gente incurante del pericolo salta e si diverte .Chiama ad alta voce i suoi idoli,esalta L’Imperatore- odiato nei giorni della settimana e poi per ogni piccola distrazione che offre ai sudditi,perdonato e idolatrato.
Rhona cerca la mano di Lucia.La trova e la stringe forte.
“Stammi vicina”Sussurra
“Non ti lascerò mai” Risponde la ragazza.

L’Imperatore si diverte e lancia saluti al suo popolo. Il consigliere se la ride sotto i baffi.Tra poco questo inutile pirla sarà morto.

Eccoli che entrano:I Gladiatori!Le note di Eye of the tiger irrompono nell’aria.l’Urlo della gente arriva fino allo spazio e oltre.

Caronte,Paul,Jason,Eletric Killer. Fermi in mezzo al campo si godono le isteriche urla della gente affamata di sangue,dolore,violenza,morte.

Fischi e insulti quando arrivano Rhona,Lucia e il piccolo e folle Longobardo.

“Ti fidi di lui?”Domanda Rhona
“Non abbiamo altre scelte.Non le abbiamo”
Il Longobardo tace.Tre assistenti del direttore degli spettacoli entrano in arena e consegnano ai tre Prigionieri le armi.
Il Longobardo prende la sua mazza chiodata.Stringerla in mano, gli da una sensazione gradevolissima di invincibilità e di grossi guai per i suoi nemici.
Lucia ha una spada di quelle corte ,che usano i Legionari, Rhona ha deciso di prendere un tira pugni e una catena.
Che lo scontro cominci..

Paul facendo volteggiare con precisione e delicatezza le due motoseghe in aria ,si avvicina per colpire Lucia Lei sente la lama tagliente della motosega sfiorarle la guancia sinistra.Con un balzo salta agilmente la seconda motosega pronta ad amputarle le gambe.Tira con decisione un colpo di spada alla testa del Gladiatore,ma viene bloccata dalla motosega nella mano destra di Paul.
L’uomo avanza. Lucia evita tutti colpi anche se viene colpita di striscio .Retrocedendo inciampa a terra e cade .Con il piede sinistro colpisce violentemente ai testicoli il Gladiatore. L’uomo perde la presa sulla motosega alzata al cielo per colpire la ragazza.Lucia l’afferra al volo e lo colpisce con violenza alla gamba sinistra.Carne,ossa,sangue le schizzano addosso. Paul urlando cade in ginocchio ,Lucia con violenza lo colpisce al collo con la sua spada.La testa del Gladiatore si stacca di netto dal corpo rotolando pigramente per terra.
Lucia pucciata nel sangue urla la sua gioia al cielo.

“Non è possibile!”Urla Jason
“Cosa?”Domanda Caronte
“HAI VISTO?Hanno ucciso …”
“E allora?Allora?Avanti entra e fa fuori quel nanerottolo”Dice il Capo dei Gladiatori gettando di peso l’uomo dentro l’arena

Jason avanza Muovendo la sua mazza-falce a rasoterra da sinistra a destra e da destra a sinistra.
Il Longobardo fa volare in alto la sua mazza,poi l’afferra al volo e la scaglia con forza contro la faccia del Gladiatore.Lo colpisce in pieno.I chiodi perforano il cranio del poveretto bucando il suo cervello.
Nemmeno un minuto di scontro
Il Longobardo si gira verso Imperatore e Popolo,mostrando a loro il dito medio.

Caronte è preoccupato.Quelli ci sanno fare.Eletric Killer entra in arena conoscendo per la prima volta la paura di morire

Rhona viene colpita in pieno dalle scariche dell’uomo e vola per cadere malamente sul terreno. Lontano arriva la voce di Lucia..Le gambe e le braccia si agitano,si sente bruciare.Capisce che l’uomo la sta colpendo ripetutamente.Le scosse non sono forti,ma ripetute diventano dolorosissime.Si sente abbandonare. Dovesse morire è contenta.Ha avuto una bella vita. Un bel lavoro,ha viaggiato, ha amato,sopratutto ora,sopratutto Lucia.
Poi con la mano desta afferra la catena.La sente ,si agrappa con forza e disperazione.
Urlando si alza e tira un colpo violentissimo al braccio destro del Gladiatore immobilizzandoli l’arto.Poi lo colpisce violentemente al viso con il tirapugni.Colpisce ,colpisce,colpisce,fino che sente le ossa della testa sgretolarsi,la carne lacerarsi,gli occhi fuoriuscire dalle orbite.
Poi molla la presa.

Il consigliere è nervoso.Il suo piano sta fallendo.Cosa fare?

Caronte entra in arena.Solitario,sa che andrà morire. Quante volte è toccata ad altri?Le cose vanno così.Non diventerà mai Imperatore.Morire a Natale.Una carneficina il giorno della bontà,dell’amore. Ironico.

Rhona,Il Longobardo,Lucia, sono al centro dell’arena.Come belve
affamate e arrabbiate.

Caronte urlando si getta contro i tre brandendo una pesante spada e tenendo uno scudo nell’altra mano
Lucia corre e poi si lascia andare in scivolata,centra l’uomo al ginocchio sinistro, spezzandolo.
Caronte cade.Rhona gli prende la spada e lo colpisce alla schiena.
Il Longobardo afferra lo scudo e glielo spacca con violenza sulla testa fino a quando è completamente spappolata.
Un silenzio innaturale avvolge il Colosseo. Poi da qualche parte un lieve e debole applauso.A quello si unisce dall’altra parte del Colosseo un altro applauso,e poi altri,e altri ancora
Alla fine la folla è in piedi ed osanna i tre nuovi eroi

Il consigliere è furioso,sta per esplodere.Dannati hanno fatto fallire il suo piano.Guarda i Pretoriani,si stanno avvicinando a lui.Intuisce di colpo di essere stato scaricato dai Senatori.Lo hanno usato e lui ha creduto troppo nelle sue capacità.
L’imperatore è in piedi. Applaude anche lui.
L’uomo si getta contro quel maledetto vanesio che non sopporta affatto e insieme precipitano rovinosamente verso terra.
Nell’impatto L’imperatore muore sul colpo.
Il consigliere si alza con fatica.Sputa e vomita sangue,si regge a malapena in piedi.Vede i Pretoriani correre verso di lui.Lo faranno a pezzi.Pensa al presepio.Lo faceva sempre ,ogni Natale. E passava una bella giornata con sua moglie e i loro tre bambini.Poveri piccoli,poveri innocenti.Un giorno arrivato a casa, con la bella notizia della promozione e la possibilità di comprare quella bella villa che sua moglie tanto ammirava,aveva trovato la donna davanti alla lavatrice.Al suo interno le tre teste dei suoi bambini.
Il consigliere piange.Lacrime che diventano rosse sangue quando puliscono le sue ferite.Ha perso tutto. Chissà se il Natale per lui potesse concludersi con un viaggio in paradiso.No. La gente come lui non ci va.Non ci andrà mai.
Così abbassandosi con fatica prende la spada imperiale e con dolore ,rabbia,angoscia,malinconia per vita che se ne va si getta contro i tre prigionieri.
La mazza chiodata del Longobardo gli squarcia il ventre.Lucia lo infilza con la spada appena sotto il cuore e Rhona lo colpisce violentemente al naso con un pugno. Il consigliere cade moribondo.Morirà abbandonato nelle segrete della prigione imperiale.Tre ore dopo.

La colpa sarà tutta sua,i Senatori denuncieranno tutti quelli che sapevano del complotto.Portando la falsa giustizia dei perfidi al trionfo.

Porto Ercole
L’acqua accarezza i piedi di Lucia.Lei si sente in pace con il mondo intero. Rhona la raggiunge e l’abbraccia.La stringe a se.
“Non avevo ragione?”
“No!”Ride la donna inglese.
“Qui saremo sicure.Sai ho ripreso la mia attrezzatura da sub,se vuoi ti insegno”Dice la donna italiana scompigliando i capelli di Rhona
“Tu insegni a me?A Eden Sinclair?”
Le due donne ridono.
“Il Longobardo?Non l’ho più visto..Doveva venire con noi”
“Non può,non è la sua terra questa,Rhona.Non può vivere come noi.Sarà da qualche parte”Risponde Lucia.
Poi le donne si allontanano camminando abbracciate lungo la spiaggia.

 

ZHANG

5 Set

“Grazie,grazie”Il cinese non fa altro che ripetere queste parole come un disco rotto.Un pessimo disco rotto

“Non ringraziarmi”Taglia corto il Cacciatore,come tutti a Milano odia i cinesi.Per colpa loro si è verificata quella pandemia che ha sterminato la popolazione cittadina.In pochissimo tempo.

“Io sono un Untore.Dovevi consegnarmi ai Cacciatori o alla Milizia Verde,invece mi nascondi”

“Eh,sai sono curioso di sapere se questo anno me lo daranno il Nobel per il più pirla al mondo”Risponde sarcastico il cacciatore.

“Cerco mia figlia Gong”Il cinese mostra la foto di una bella ragazza di circa 14 o 15 anni.

“Perchè dovrebbe essere qui?”Domanda distrattamente,cercando di non guardare sia la foto che l’uomo,il milanese.

“Lei è scappata dalla nostra zona.Ho avuto sue notizie nel quartiere degli anarchici e delle sacre famiglie,poi quanto pare è arrivata fino qui.Non l’hai vista?”L’orientale avvicina la foto della ragazza al viso vissuto e stanco dell’uomo occidentale.

L’aveva vista.Due giorni prima il Capo Branco l’aveva portata nella loro caserma.Era partito per una battuta di caccia contro quei fottuti Gialli sbranatori di carne umana e anche per eliminare Quattrocchi Kruger un folle sadico che terrorizzava gli abitanti di La Normalità,come si chiamava la sua zona,ancora più di quei fottuti antropofagi.Non aveva trovato l’umano pazzoide e non si era divertito a sparare contro i soliti Gialli.Però aveva trovato quella ragazzina.L’avevano violentata a turno.Come bestie,ma stanche.Tra una bottiglia di pessimo vino,vomito,risate alcoliche e isteriche.Violentata,usata come cesso umano,poi uccisa.Tanto era una Gialla no?Una delle regole fondamentali per vivere a La Normalità,o Vecchia Milano era: uccidere tutti quelli che hanno la pelle come quella di Titti il canarino.Cazzo Titti è un uccello!Ma è giallo e insomma il nome in codice quando si vedeva i Gialli era quello:Titti.Milano è caduta?Milano Risorge!Questo è lo slogan ideato dal leader indiscusso di quella zona:Franco Stoppani.Prima del 13 aprile 2015 un emerito pirla:chiassoso e volgare populista dell’estrema destra.Poi eroe dell’assedio ai gialli:la distruzione della Chinatown Milanese.Il suo regno l’ha chiamato:La Normalità.Perchè qui ,cioè in tutta via Monza fino a Piazzale Loreto, si viveva come ai vecchi tempi.Niente era cambiato.Mattina :bar,tabaccaio,giornali.Lavoro,ritrovo alla sera nei locali.I discorsi non toccavano mai-non dovevano-la politica o cosa succedeva nel frattempo solo oltre a Piazzale Loreto.Calcio,motori,figa,bontà del milanese e la sua naturale efficenza nella vita lavorativa.Difendevano tutto questo con l’uso forte dei Cacciatori e delle Milizie Verdi.Le regole:1)caccia ai Gialli,vietato farli entrare anche se non sono cannibali furiosi,chi ne uccide più di 10 ha una carica cittadina importante in cambio,2)niente animali.Sono portatori sani della malattia che ha distrutto il nostro vecchio mondo,3)Morte agli occhialuti intellettuali,sopratutto quelli che mettono in dubbio Il Bollettino Pandemia Gialla.

Due colpi forti alla porta fanno sussultare il Cacciatore…Due anni fa a casa con la loro unica figlia,aspettava il ritorno della moglie.Era andata a fare la spesa come al solito,ma ritardava fin troppo.Poi qualcuno bussa alla porta.Lui si alza per andare ad aprire,ma la figlia gridando allegra :”La mamma!”arriva prima alla porta.Non vuole e non gli piace ricordare,ma quella cosa-successivamente li avrebbe chiamati i Gialli- aveva preso con forza la bimba e l’aveva dilaniata squarciandole la gola.L’uomo era corso contro quella orribile creatura dalle sembianze umane,per strapparle la figlia dalle mani.La sua corsa si fermava sulla soglia della porta:sua moglie stava divorando la loro bambina.

“Enrico apri!”La voce è quella del Capo Branco,Brambilla,ferma però amichevole.

Il Cacciatore fa segno al cinese di nascondersi in stanza,mentre lui attraversa il breve corridoio che lo separa dalla porta.

“Ciao,come va?”Oltre al Capo Branco vi sono altri tre suoi colleghi,con loro dei prigionieri:una ragazza,(sicuramente lesbica visto i capelli corti e i tatuaggi,severamente proibiti),con un cane e un tizio occhialuto.

“Bene.Hai fatto buona caccia stasera?”Domanda Enrico

“Mmm..La fighetta qui presente con il suo animalaccio e sto frocetto .Direi abbastanza buona,ma non mi fai entrare?”

“Certo”

Brambilla entra e furtivamente dà un’occhiata in giro.

“Hai già mangiato?”Il Capo Branco getta la domanda lì come se nulla fosse.

“Si”

“Cinese?”

“Come?”

“Sento puzza di cinese qui?La riconosco,visto che due sere fa ce l’avevamo tutti addosso”Ghigna Brambilla

Enrico non risponde,ma con la coda dell’occhio vede che Zhang velocemente è passato in cucina.

“Non tutti”

“No?Allora non sai cosa ti sei perso.Oh preferisci i maschi di quella razza di assassini di merda?”

Enrico non fa in tempo a rispondere perchè dalla cucina arriva velocemente un coltello lanciato dal giallo che squarcia la gola del Capo Branco.In breve l’apocalisse:Cacciatori che sparano e i prigionieri che in tutti i modi cercano di eliminare i loro aguzzini.La ragazza si mostra una esperta di arti marziali arrivando a spezzare il collo a un cacciatore,il suo cane sbrana con ferocia un altro,mentre l’occhialuto si nasconde da fifone quale è. In breve Enrico,Zhang e i due prigionieri si trovano a scappare dal condominio.Fuori li aspetta la Morte Gialla.

Andare verso Piazzale Loreto,Corso Buenos Aieres ?Il terreno di Quattrocchi Kruger o dirigersi verso Sesto San Giovanni,terra dei Gialli e degli anarchici del No Future?Le zone sono controllate dalla Milizia Verde,sarà difficile uscire.

“Prima stavo a Porta Vittoria,andiamo nella mia vecchia casa”Dice Enrico dirigendosi stancamente verso la loro probabile fine.

Le guardie scherzano e ridono,anche se ormai a Milano è rimasto ben poco da rendere allegri.Non possono fare altro.

“Ciao ragazzi”Dice il Cacciatore

I due si alzano di scatto per salutare il superiore

“Devo portare questi tre dissidenti e questa bestiaccia nella zona di Kruger,mi fate passare?”In cuor suo Enrico spera che i due gli dicano subito di si

 

 

 

Il cuore batte forte:ora è in territorio aperto alla caccia.Cosa sta facendo?Dove li porta?Milano è solo un ammasso di cadaveri squartati,ratti,pestilenza,disumanità.La città del fare e del produrre non si smentiva nemmeno in questo caso:una mattanza tra le peggiori in tutta Italia.

“Bè,dove andiamo?”Chiede la tipa tatuata.

“Buenos Aires,Porta Vittoria,non lo so..Importante è andare.”

“Qui è pericoloso,bello!Lo sai di chi è questa zona?”Ribatte la ragazza

“Lo so.E ti lascio due scelte:vuoi stare ferma e sperare di incontrare Kruger o vuoi stare ferma e sperare che i Gialli sentano il tuo odere e ti divorino?”Taglia corto Enrico

Il gruppo di vagabondi disperati si dirige senza una meta precisa,per inerzia verso l’inferno.

 

La ragazza ricorda la bella giornata di sole:la radio e la tv davano cattivissime notizie.Succedeva qualcosa per colpa della Corea del Nord.Una guerra o un virus.La Cina e la Russia avevano chiuso le frontiere,non era sicura.A lei però cosa importava?L’idroscalo è un posto meraviglioso quando fa caldo,nonostante sia solo primavera,e sei innamorata.Alice per lei era l’amore vero.Stavano sdraiate sotto il sole,la radio dava le solite brutte notizie,ma chi se ne frega! I soliti allarmismi.

Joe,il suo cane, cominciò a righiare piano.Lei gli disse di stare buono,mentre da imbranata cercava il regalo ,un anello,che voleva dare al suo amore.Il cane però non voleva smetterla anzi aumentava sempre di più e si era messo in posizione d’attacco.

“Che c’è?”Le ultime parole che Alice le aveva detto.

Claudia non fa in tempo a rispondere che due individui ,due strane creature gialle giunte alle loro spalle afferrarono Alice.I denti di uno dei due si avventarono sul collo della ragazza ,mentre l’altro le divorava il ventre.Claudia terrorizzata rimaneva immobile. Joe si getta contro i due !Una lotta spietata che vede la bestia staccare la testa a una delle due creature.Solo allora,per difendere il suo cane ,la ragazza colpisce duramente con gli anfibi il secondo essere.Forte e disperata fino a scassare la testa del Giallo.

 

 

Troppo silenzio,Piazzale Loreto non è mai stata così grande e spaziosa.Loro sono armati,ma non hanno molte munizioni.Quanto potranno resistere?Nessuno vuole esporre quella domanda,ma tutti se la fanno.

“Per difendere questo cinese!Lo sai che tutti noi abbiamo perso qualcuno per colpa loro?”Riprende acida Claudia.

“Non è vero”Risponde l’occhialuto “cuor di leone”

“Alice l’ha ammazzata due di loro e sono convintissima che anche a voi è successo lo stesso”

“Non sappiamo ancora l’origine di tutto questo.”

“Oh,Puffo Quattrocchi!L’hai letto o no il Bollettino della Pandemia Gialla?”

“Si,ma sei sicura che sia tutta verità?Non sai che nella nostra epoca era un modo di agire normale quello di spacciare il falso per vero?”

“Complottista del cazzo!Se fosse stato per noi occidentali ,non sarebbe successo tutto questo!”

“Chi ti dice che l’attacco sia davvero cominciato dalla Corea del Nord?Magari quel virus è stato studiato per distruggere loro.Fatto circolare prima che loro lanciassero i missili contro la corea del sud”Ribatte il nerd di turno.

La ragazza vorrebbe rispondere,ma si blocca:impiccato a un lampione in testa giù ,squarciato dal basso ventre fino alla gola c’è un Giallo.Intorno per terra pezzi di cadaveri e avanzi di mostri decomposti.La Zona di Quattrocchi Kruger.

“Occidente oppure oriente,non conta.Ora conta solo sopravvivere”Mormora Enrico.

 

Kruger è diventato in poco tempo l’incubo peggiore dei pochi superstiti e anche -se potessero avere incubi-dei Gialli.Prima del 13 aprile era un ometto insignificante,goffo,maldestro.Uno di quelli che passano completamente inosservati,se non magari per essere deriso da qualche bulletto tamarro.Aveva una cartoleria-edicola,ma anche i suoi clienti più assidui faticavano a riconoscerlo.Non era proprio uno che “buca lo schermo”.Bè,mentre la sua vita continuava monotona e mediocre,qualcosa succedeva nel mondo.Una misteriosa malattia si stava diffondendo ,arrivava dal Nord Corea. I primi sintomi erano scoppiati nel 2011

“Gennaio,sicuramente!Lo ricordo”Dice Claudia

“No,no!Era primavera .Cazzo non posso sbagliare,avevo avuto il contratto indeterminato..Che culo,pensai,e invece..”

“No Occhialuto ,era agosto e faceva terribilmente caldo”

“Non penso che sia davvero cominciata da Chinatown,o meglio ad opera dei clandestini.Li conoscevo quelli di Milano”Zhang non conclude il discorso.

“Untore ,che ne sai?”Domanda Enrico.

“Cosa vuoi che sappia?Non vedi che è una spia?Chissà cosa ha in mente il bastardo”Urla Claudia..

 

La gente andava nell’edicola cartoleria di Quattrocchi Kruger e parlavano,parlavano.Montava la rabbia verso i gialli,la destra populista ci mise poco a prendere in mano la situazione.Pochissimi,ritenuti dal popolo pazzi e nemici,sostenevano che le prove del Bollettino non dovevano essere prese come oro colato.Mauro,il giovane occhialuto del gruppo in fuga,era uno di quelli.Precario da oltre dieci anni,genio del computer,uno dei migliori hacker del paese.Tanto da essere contattato da servizi segreti occidentali per fare operazioni di trollaggio nei siti politici.Anche di inventare personaggi di dissidenti nei paesi che si desiderava sputtanare.Se l’hanno fatto in altri casi,perchè non in questo.

Lee Cheng divenne il nome del dittatore che minacciava il mondo.La gente era furiosa e disorientata.Troppe notizie,opinioni,commenti,scoop.Il pluralismo è lo sposo perfetto dell’apocalisse e così fu.

 

Zhang sente i suoi compagni che litigano furiosamente:dove andare?Perchè non ammazzare quel giallo fottuto?Colpa sua! E allora il tuo cane?Gli animali sono portatori sani della malattia. Lui pensa a un giorno lontano

 

Il cliente veniva tutti i giorni,lo conosceva ormai da tempo..Diciamo 20 anni?Si,ecco!Tutti i giorni si fermava sempre al solito posto al ristorante.Si fermava per quattro chiacchiere.Parlava della storia del suo paese e voleva conoscere quella ricchissima della Cina.

Una sera ,mentre Zhang era in cucina,dei rumori giungevano minacciosi dalla strada.Suo figlio minore Cheng corse dal padre:”Stanno arrivando!!!”Le sue ultime parole. L’esplosione fortissima scosse l’intero locale e poi le fiamme.Zhang cercava di scappare.I cadaveri del figlio e della moglie erano terribilmente bruciati e fatti a pezzi.Gong l’altra figlia era ferma immobile.Non osava alzarsi dal suo angolo verso la sala dei grandi ricevimenti.La folla era là ferma.Visi di gente normale,ordinaria,eppure sembravano dei mostri.In preda all’odio.In prima fila c’era il suo amico italiano.

“Eccolo l’Untore!”Gridava schiumando bava e odio.L’orda si muoveva frenetica correndo disordinatamente all’interno del locale.Mille mani lo prenedevano e qualcuno aveva anche cercato di morderlo,Zhang si difendeva benissimo.Era un ex soldato dell’esercito popolare cinese,non era facile sopraffarlo.

Il rumore bestiale della folla che proveniva dalle strade ..

 

“All’improvviso smettemmo di picchiare e uccidere quei gialli.Perchè qualcuno aveva aperto una cantina o una cosa simile e cazzo,allora uscirono..”Ricorda Enrico

Zhang non aveva mai visto quei visi gialli.Non erano della comunità eppure si trovavano da loro.Erano aggressivi e affamati e si gettarono come bestie sui cittadini linciatori.Carni strappate a morsi,occhi cavati,cervelli mangiucchiati.Mani che afferravano,gambe che cercavano disperatamente di scappare.

“Non erano dei nostri”Ribatte il cinese

“Col cazzo!Ho visto chi ha mangiato Alice!Era un figlio di puttana come te!”Urla Claudia.

“Lo dice il Bollettino,ok?Non ti basta?”Continua Enrico.

Un rumore lontano,indefinibile,ma che diventa sempre più forte man mano che loro si avvicinano al Centro.

“I ricchi ballano.Senti come si divertono quei coglioni”Dice sprezzante Mauro

“Come noi alla Normalità difendevamo la nostra vita da borghesi loro difendono quella di milionari”

La loro zona era l’unica barricata e presieduta dall’esercito impossibile entrare.Possibile uscire.Come?Bastava che democraticamente si decidesse di sacrificare delle persone alla fame dei Gialli o alla follia dei vari Kruger e bande di folli.

“Non pensate che siano dei veri sciocchi?”La voce sconosciuta strappa i quattro dal loro stato di ipnosi musicale

Un ometto non più alto di un metro e sessanta centimetri se ne stava beato,fermo sulla strada.Un grosso machete nella mano sinistra e nella destra il braccio di un Giallo

“Sono nutrienti,sapete?Dopotutto ogni predatore è cibo di un altro cacciatore”Dice addentando un pezzo di carne putrida.

Mauro urla spaventato,mentre il gruppo si disperde nelle vie della città

 

“Non mi dispiace quanto è successo.Per niente.La prima volta è successo nel mio negozio.Ricordo bene.Subito dopo il massacro nella nostra Chinatown.C’è stato un fuggi fuggi.Alcune persone sono entrate nel mio negozio.C’era una ragazza che mi piaceva.”

Mauro è legato a una sedia,posto a capotavola di una lunga tavolata.Quattrocchi Kruger sta lavorando a qualcosa,è di spalle e non riesce a capire che stia combinando.

“Restai a lungo con lei.Mi disse che era venuta a cercare il suo ragazzo,sai chi era?Pasquale quello della palestra qui vicino.Il mio tormento.Era malato ,diceva:intrattabile,innapetente.Vabbè,non voglio annoiarti.Diciamo che il tipo arrivò.Lo vide dalla finestra che dava sul retro.Ho cercato di fermarla,ma sai l’amore ci frega.Insomma lui l’ha pappata in un sol boccone.Poi si era gettato su di me.Ho pensato:è la fine,così finiamo noi occhialuti no?Non sempre,eh no!Ecco,caro amico,voglio insegnarti una cosa:noi resistiamo e resisteremo,sai perchè?Odio.Covato e represso per anni e anni.C’erano delle forbici e ho sventrato quel mostro.Una rivelazione,da allora non ho fatto altro.Poi dai Gialli sono passato ai non contaminati.Non sono un provinciale,amo la buona cucina.Ecco,a proposito mangia questo è buono.Un regalo prezioso per te.”

Kruger si avvicina tenendo in mano un piatto di carne.Mauro sente il tanfo di marcio e morte che proviene dal piatto,ma sa che una piccola colpa per quello che è capitato non ce l’hanno solo i nordcoreani e i cinesi.In un certo modo anche lui aveva collaborato.

Non sapeva che razza di aiuto stavano dando sotto banco lui e alcuni agenti doppiogiochisti a Pyongyang.Colpirà solo loro.questo pensavano e invece..il primo morso alla carne suscita in lui voglia di vomitare, poi( piangendo a bassa voce), mangia tutto.

“Bravo,bravo il mio bambino”Mormora commosso il feroce Quattrocchi K.

 

Enrico corre verso la direzione della musica.Si sarebbe consegnato alle forze dell’ordine .Non può fare altro. Perchè andare a Porta Vittoria?La sua casa ormai è distrutta.Perchè consegnarsi allora?I Cacciatori non escono da La Normalità,men che meno le milizie verdi..Si ferma,fa per tornare indietro quando…

Immobili,fermi,rigidi.Una cinquantina di Gialli.Lui guarda loro e loro guardano lui.Possono anche stare due settimane senza mangiare,perchè stasera devono sentire il bisogno di banchettare pensa?Poi un suono stridente che parte piano e poi esplode in un urlo agghiacciante:la caccia è cominciata!

“Dove sarà la strada per l’Idroscalo?”Si chiede Claudia,mentre Joe ringhia.

“Perchè vuoi andare da quella parte?”Le chiede un uomo.Robusto,barba gialla con qualche pelo bianco.

“Stai lontano!”Grida lei,mettendosi in posa da combattimento ,al suo fianco anche il cane è pronto ad azzannare

“Non avere paura.Sono anche io nelle tue condizioni”

“Ah,si?Quali?”

“Fidati”

“Ci siamo fidati del governo,vedi cosa è successo”

“Mi chiamo Jahve e sono un buon pastore.Cerco anime disperse come te.La mia chiesa è al sicuro…”

Claudia capisce che si tratta degli adepti al dio Chtuluh:sacrifici umani e altre belle cosette.Comincia a scappare inseguita dall’uomo.

 

“Tutto bene vero?Ora sei al livello principale di infezione.Forse come me sarai uno di loro,ma con un quoziente intellettivo da predatore pensante come se tu fossi una persona normale.Come mi è capitato.Non lo so.Volete troppe spiegazioni.Anche questo virus,chi ti dice che sia davvero successo nel modo che ci hanno detto?Non importa.Il mondo deve finire,e io amo questo lavoro.Vieni mio aiutante ti insegnerò cosa devi fare”.

Quattrocchi Kruger libera Mauro e poi tenendolo per mano lo porta fuori,a cacciare.

 

Enrico sente la musica sempre più vicina,ma anche quei dannati Gialli affamati alle spalle.Chiude gli occhi e si dirige verso la sua salvezza.Sente il cuore battere,le gambe cominciano a fare male,i polmoni scoppiano,ma l’esercito è…

Scomparso:ci sono i camioncini abbandonati e sfasciati,e scheletri con le divise stracciate.Si inginocchia .Piange e ride insieme.Loro sono li vicino.

“Signore!Signore! Ci aiuti!”Una voce da qualche parte

L’uomo alza la testa e li vede:I Sacrificati.Solitamente abitanti del Centro che avevano perso i soldi e quindi caduti in disgrazia,(non avere soldi significa povertà e quindi sciagura)venivano legati fuori dalle barricate in pasto ai Gialli

Eccoli:due vecchie nobili ,un noto comico tv, un famoso scrittore di libri sul successo economico e sul come ottenerlo senza pagare le tasse.Implorano a Enrico di salvarli.Lui sente che le bestie gialle stanno arrivando.

“Certo,vi darò una mano”Dice mentre si avvicina armeggiando con quel cazzo di coltellino svizzero multiuso che si porta sempre a presso.

“Grazie,grazie mio caro”Dice una vecchia baldraccona di quelle che erano glorie dei giornali di gossip.

“Di niente signora”Risponde Enrico mentre le taglia i polsi.Il sangue esce a getti copiosi.

“VENITE QUI!!!!!”Urla Enrico richiamando i mostri che ,come impazziti per la fame ,si avventano contro le vittime sacrificali,lasciando a Enrico il tempo per fuggire.

 

Zhang si pulisce lentamente il sangue dalle mani.Per terra una decina di appartenenti a una gang di mafiosi.Volevano usarlo per un combattimento illegale tra lui e un Giallo catturato tempo prima.Il cinese si avvicina alla creatura legata.La guarda bene.Cerca di azzannarlo,ma ha negli occhi il buio profondo e disperato di chi si è perso.

“Riposa,fratello”Dice il cinese sparandogli in testa.

Poi esce e ricomincia a vagare.

 

L’uomo la sta cercando,ma Claudia e Joe hanno trovato un sicuro rifugio in un vecchio pub.La ragazza chiude a chiave e si siede sul pavimento vicino alla porta.Vede l’ombra dell’uomo fuori .La maniglia gira lentamente,non succede nulla.Silenzio.Il primo colpo la spaventa,ma sa che non deve muoversi.

“Apri!”Urla una voce ,automaticamente la ragazza segue l’ordine. L’uomo entra con violenza dentro il locale,ma uno sparo da qualche parte del locale colpisce il barbuto maleintenzionato .Lo stomaco gli esplode in mille pezzi,mentre viene lanciato sul selciato.

“Seguimi”Dice un ragazzo magro e biondiccio.

Lei lentamente si lascia portare verso la cantina del locale.

Ci sono almeno dieci persone lì dentro.Non è sola.

 

“Che poi,vogliamo essere onesti?Non è così brutta questa fine del mondo.Ci sono molte cose positive..Tipo:abbiamo sconfitto il tempo.Non sappiamo più che giorni o mesi sono,cosa può importare?Si,prima sempre di corsa,ma ora?Poi io ad esempio ho imparato a cacciare.Altro che dalla mattina alla sera in negozio.Non mi interessa mantenere la speranza o robe simili.Mi piace questo lento,irrefrenabile caos.Non mi interessa se son stati i cinesi,anzi va benissimo!Ci hanno fottuto.Pazienza.Credimi questi tempi di apocalisse sono fatti giusto per me.Ok,apri la bocca..ecco,bravo!Ti piace?Sangue di mafiosi e anarchici e bei pezzi di carne Gialla.Mangia,ci tengo che tu possa essere in forma.Dopotutto,mi son detto,perchè non posso addomesticare una di quelle bestie Gialle?Tipo il Giorno degli Zombi,quel film no?Poi ,a volte si ha bisogno di compagnia e..”Quattrocchi Kruger non finisce il discorso,perchè qualcuno gli spara e lo uccide facendogli esplodere la testa in mille pezzi.

Mauro è legato alla sedia,la malattia è allo stato avanzato dopo il periodo di aggressività e ansia,l’inappetenza,ora è affamato di carne umana.

“Uè,hai visto , abbiamo ucciso il Quattrocchi! Prendi questo sgorbio”I due ragazzini della banda dei Graffittari prendono a calci il cadavere di Kruger

“Oh,e quello?Che facciamo?”Domanda uno dei due.

“Magari era una sua vittima,che ne so?Slegalo va..Poi ci fa una gentile offerta in danaro!”

Mauro sente una grossa rabbia incontrollabile e un insaziabile desideria di cibarsi,oltre una strana forma di eccitazione e tristezza.Mentre sciovola verso le tenebre della malattia,pensa che stia per iniziare una nuova vita.

Appena il ragazzino si avvicina alla sedia il Giallo rompe i lacci che lo legavano ai braccioli,afferra alle braccia la sua prima vittima e poi comincia a banchettare. La casa offre un buon primo e secondo.

 

 

Enrico è stanco,ma ormai è arrivato.Prima che la pandemia gialla decimasse la popolazione,quante domeniche bellissime con la sua famiglia a fare spese in centro?Sorride mentre ci pensa.La zona dei Ricchi e Famosi è sicuramente la più protetta e salva.

Con l’ultimo sforzo passa la barricata e vede.

Il duomo è per metà demolito e in preda alle fiamme,la piazza è contesa da animali randagi pazzi per la fame che lottano per cibarsi di carcasse marcie.Tanti cadaveri.Scomposti in oscene pose da deliri erotici e terrore profondo.I Gialli li avevano forse sopresi durante un orgia e ora sono i veri padroni del Quartiere Ricchi e Famosi.A centinaia si avventano contro le vetrine dei negozi,si muovono pigramente per strada,trascinano stancamente pezzi di cadaveri e lottano con gli animali per non farseli fregare.

Milano è morta,non c’è salvezza.

 

Simone vede un uomo sulla barricata in centro. Prende la mira e spara alla testa. L’uomo cade.

Il ragazzo sorride,ha trovato la cena per i suoi amici rinchiusi nel pub ristorante poco lontano.

 

 

Laura continua ininterrotamente a parlare del massacro del Niguarda. L’ospedale era strapieno di contagiati:aggressivi,ansiosil,poi inappetenti e infine..a quel punto scoppia a piangere. Lei era tranquilla a fumarsi una sigaretta,quando li ha visti arrivare si calpestavano tra di loro e poi si rialzavano spinti da una fame violenta e primordiale.Era scappata dal reparto,ma tutto l’ospedale brulicava di quelle bestie assatanate. Mani protese ad afferrare ,denti che squarciavano,la fuga scomposta e disperata dei colleghi e pazienti normali.

Qualcuno le dice di smetterla,Claudia si limita ad accarezzare Joe,il suo rottweiler

Pensa che all’Idroscalo forse potrà rivedere Alice,chi ha detto che sia davvero morta?

“E’ tornato Simone!”Dice Nicola un tipo cicciotello e sempre allegro,grande amico del loro cacciatore di fiducia.

Vuol dire che si cena,e quando la gente è occupata a mangiare non è tempo di gelosie,rancori,ripicche che da un po’ avvelenano i rapporti tra di loro.Mentre mangia Claudia nota nella sua tazza un anello,gli sembra che quel tipo..Il cacciatore!Enrico , ne avesse uno uguale. Continua a mangiare.

Il primo colpo si perde tra le risate della gente che ascolta Nicola e quelli che si cibano con foga,dopo tanto tempo di digiuno forzato.

Il secondo suscita l’attenzione e il ringhio di Joe,il terzo rende chiaro quello che succede:i gialli hanno sfondato la porta di sopra e stanno entrando.

“Fermi!Fermi non agitatevi!Devo prendere la mira!”Simone urla ,ma nessuno lo ascolta all’interno del locale si scatena un caos infernale. I gialli avanzano con violenza ,entrano spingendosi per inerzia uno con l’altro, la gente cerca vanamente via di fuga inciampando sui tavoli e sedie rovesciate.Claudia vede tre suoi “amici” divorati e fatti a pezzi vivi,dalle mani e fauci dei contaminati.

Laura grida di rifugiarsi in cantina,ma una volta che apre quella porta una ventina di mani “gialle”l’afferrano e la trascinano dentro.

Rumore di oggetti che si rompono,di strazianti urla umane…

Un piede fuori dalla barca,sdraiata,mentre Alice si occupa di remare.Sempre lei fatica,si lamenta la sua ragazza ridendo.C’è il sole,che bella giornata.Andiamo in montagna,vero?Claudia chiede alla ragazza. Alice dice di si.Che vita,da assaporare e tenere stretta.Poi Joe ringhia …Che ti prende ? Domanda la sua padrona…

 

Il cane balza al collo del giallo che sta per sbranare la sua padrona e lo sgozza. Una macchina di morte senza freni ,che combatte solo per lei.Claudia è ferma,distante,perchè non mi lasci sulla barca?Vorrebbe chiedere.Intorna a lei si spara,si urla e quelli entrano.Non finiscono mai,mai!

Simone spara e ammazza molti Gialli.Mentre sta sparando a una bambina di dieci anni intenta a divorare le gambe di un suo amico,non vede che Nicola passa in quel momento e lo becca in pieno.

Un urlo disperato di dolore e rabbia esplode nel locale.Il ragazzo spara confusamente uccidendo contaminati e amici,poi, si accascia per terra e si spara in bocca.

Il locale è silenzioso.Cadaveri e pezzi di corpo sparsi sul pavimento.Tutto in frantumi.Joe lecca la faccia di Claudia,ma lei è lontana.Non tornerà più

 

I Gialli hanno rotto gli argini di tutti i quartieri e la lunga notte della mattanza si riempie del caos delle voci,dell’inutilità delle preghiere,della fine del mondo come l’abbiamo conosciuto.

 

Poco prima Zhang si trovava all’interno del suo ristorante.Pensieri e ricordi di vite precedenti,di una missione da compiere,passavano veloci nella sua testa confusa.

“Ecco l’Untore”Dice un uomo.Il cinese si gira e vede tre Cacciatori del quartiere La Normalità.

Non c’è scampo,loro lo vedono come un nemico.Niente di meno,niente di più.

Il cinese sorridendo amaramente e pensando: “così deve finire”, si getta contro il cacciatore che sta in mezzo e lo morde con rabbia alla gola.Poi lo usa come scudo contro i colpi dei colleghi.Afferra al volo la pistola dalla fondina dell’uomo che sta sgozzando e spara contro quei bastardi.Che muoiono.

Ha una ferita,non la controlla neppure.In lontananza sente le urla e i rumori.Sono arrivati.Niente difese.Cammina ,si trascina avanti.Non ha meta e non c’è nessuna importanza.

La notte nera e minacciosa della morte scende su milano.Joe si muove solitario,è vivo e vegeto.

Da qualche parte sente che stanno abbaiando.Corre verso di loro .

Forse vanno all’idroscalo.

fine.