Archive | ottobre, 2012

LARS

27 Ott

LARS
prologo
il cielo,là dove finisce la terra comincia il cielo
L.Dalla

Cosa dicono i poeti circa il cielo?Tante cose.Spesso stupidaggini.Oh,forse sono io che sono esageratamente mediocre?Non lo so.Cosa mi dovrebbe dire,cosa dovrebbe ispirarami questa immensa distesa di azzurro e nuvole bianche?Quale risposta?Mi potrà levare il senso di colpa che sento nei confronti di Lucy?Tutti dicono:”Caro Leader,non pensarci!Tu hai ragione!”Lo dicono solo perchè temono la mia reazione.Non amo le critiche,non posso farci niente.Sai,ti dirò una cosa banalissima,ma è vera:”sono schiacciato dal potere che ho sempre cercato e desiderato”.Non sempre mi controllo,non sempre la mia ira e violenza sono giustificate.
Dovevo punirti?E in quel modo?Quanti giorni sono passati?Però la cittadinanza non deve vedermi indeciso.Non devono sapere delle mie lacrime,la notte prima di dormire.
Non devono nemmeno sapere quanto mi manchi non vederti alle nostre riunioni.Mi dava forza sapere che c’eri.Quanta ipocrisia vero?Stalin non ha ceduto alle pressioni naziste,anche se queste han segnato il destino di suo figlio.Io invece mi trovo qui a pensare a te,a quello che ti sto facendo.Bè,è lo Stato che lo vuole,le sue leggi.Non dobbiamo permetterci nessun tipo di sentimentalismo.L’esempio del compagno Josip Vessarionovic Dszhusghavili è forte e guida il mio cammino verso il trionfo del socialismo.
Il generale Lucy Skywalker ha infranto le regole del nostro stato,per questo l’ho punita.Giustamente.Cedere?L’ho fatto troppe volte.Davidovic Vessarionovic Berjia deve prendere definitivamente posto,addio Davide.Addio alle tue malinconie,alle tue debolezze,alla tua fragile anima troppo sensibile.Cosa ripeti ai tuoi uomini:lo stato o voi?Lo stato!Questa è la fottuta risposta.

Dopo aver posto il suo diario nel cassetto della scrivania,Davidovic va a letto.Un’altra notte insonne.Il senso di colpa se ne frega delle leggi dello stato.E non puoi rieducarlo in un gulag

 

Un pezzo di cielo.Niente altro.Troppo piccolo per sentirmi libera,troppo grande per ignorarlo.Ho smesso di contare i giorni,non so quanto tempo sia passato.Una settimana,un mese,un anno.Non lo so,non importa.
Due volte alla settimana passano per cambiare il secchio dei rifiuti organici,due volte al giorno per darmi da mangiare.L’avanzo del cibo degli altri detenuti.Ho dei libri,devo leggerli e impararli.Le opere scelte di Stalin,Marx,Engels.E i discorsi del nostro leader indiscusso.Questa volta forse è davvero finita.Ho perso quello che era stato fino a quel momento il mio migliore amico,fratello,compagno.Lo odio,spesso penso di ammazzarlo.D’altronde non è la forza fisica il suo punto di forza,anzi.Ah,dimenticavo:l’abbiamo allenato all’autodifesa,ma alla buona tanto pè divertirci a fallo zompà, ‘nnamo nun è bbono a riempì de corcate la gggente!
Il tempo è la vera tortura.Non passa mai.I pensieri fanno male,troppo.Davide,e sopratutto Rhona.Una grande illusione,altro che il film di Renoir.
La notte la penso sempre.Non posso farne a meno.Vorrei …Se l’avessi fermata!Non ci sono riuscita.Tiro mazzate,e poi come una bambina crollo davanti a un’altra donna,e poi parlo di Rhona,cioè:LA DONNA!
Mi manca lei,mi mancano i miei uomini,i miei amici:Frank,Ursus,e Davide?Mi manca,ma perchè gli tirerei volentieri il collo a quel bastardo occhialuto,ma poi penso:”Lui mi ha salvato la vita,quella volta che mi presero prigioniera.E’ arrivato da solo,senza nessuna preparazione,solo..Per salvarmi.”E allora perchè mi fa questo?Forse come soldato devo accettare la punizione.Proprietà di materiale controrivoluzionario.Alba Rossa,Vita e destino,Cobra,Rambo 2,Chuck Norris,Ludgren.

 

Mesi prima-la cattura e condanna di Lucy
La testa gira,sdraiata sul letto fai fatica ad alzarti.La festa alcolica,più alcolica di un fottuto compleanno alcolica che ti sia mai capitata di fare.Merito del dinamico occhialuto.Dobbiamo darne merito!
“Caporale Davide,con il potere che lo stato rivoluzionario di Stalingrado mi conferisce ti premio con una cassa di Southern Comfort e tante puttane che ti piacciono tanto,vecchio libidinoso del cazzo!”Ridi.Forte.Non senti qualcuno che bussa alla porta.
Il tuo appartamento è spartano,ma non grigio e insignificante come il mio.Non ho gusto Lucy,come non ho molte altre cose.Prima della fine del mondo tu conducevi una vita tuttosommato interessante,non io.Avevi grandi pregi come narratrice,ad esempio.Non io.
E anche oggi,penso che gli uomini siano più fedeli a te,che a me.Ne avrò la prova stasera.

Busso forte.Sento che ridi.Che festa,stasera!Ottobre è un mese importante:la rivoluzione d’ottobre,ma è ingannatore.Tutti sanno che in realtà è avvenuta a novembre,per i russi.
Mi hai forse ingannato?Ci sono troppe quinte colonne,troppi controrivoluzionari,e le forze nemiche ,che io chiamo Guardie Bianche,sono ai nostri confini.Non posso nutrire pietà per nessuno.

“Compagno Davide!”Ridi,tenti di alzarti ,ma mi cadi addosso.In breve ci troviamo a terra,e ridiamo,ridiamo,ridiamo.La tua è l’allegra risata di una ubriaca,la mia quella nervosa del tuo carnefice.
“Grossman”Dico
“Grossaman”Ripeti ridendo.Poi la risata finisce
“Grossman?Che vorresti dire?”Mi domandi
Ti guardo,voglio vedere nei tuoi occhi se dovessi trovare una risposta.Mi hai ingannato?
“Ti piace?Non è uno dei tuoi scrittori…”
“Vita e destino è un bellissimo libro?”Sei seria e reggi il mio sguardo.
“Ti piace?”Ti chiedo,mentre vado a cercarlo.Mi hanno detto dove l’hai nascosto.
“Come?”
“Cittadina Lucia P..”
“Ho un ruolo,chiamami con quello!”
“Dici?”
“Dico”
“Uh,quindi tu sei una generalessa del mio esercito?”
“Mi vedi ogni mattina,no?”
Trovo il libro.
“Eccolo!Ti piace?”Mi siedo davanti a te.Il libro è appoggiato sul tavolo.Tu per terra ,seduta ,con la schiena contro il letto
“Certo!”
“Bene,sono 800 e passa pagine.Mangiale”Ti ordino
“COSA????”
“Mangiale”
“Mangiarle?
“Non mi piace ripetere..CAZZO,SONO IL LEADER DI QUESTO STATO!FALLO IMMEDIATAMENTE!”
Ti alzi pronta a colpirmi,me lo meriterei.Come posso essere così crudele con la mia migliore amica,mia sorella?
Ti blocco il pugno.Stiamo fermi a guardarci.Con odio.
“Sei prigioniera.Isolamento per sei mesi.Massimo rigore,è ben peggio degli anni o della fucilazione,sai?Mi hai tradito,hai tradito il mio stato.La mia rivoluzione,non ho pietà per chi si mette contro di me”Ti dico.Perdonami,la rabbia mi fa delirare.O forse no.Forse esce il mio vero carattere
“Ti ho salvato la vita,sono stata sempre con te.Ho represso ogni tipo di controrivoluzione,sei malato,lo sai?Lo sai?Perderai tutto.E poi quando sarai solo,e disperato,sai cosa farò?Ti ammazzerò.Lentamente”
“Potresti farlo,ma l’hai già fatto!Libri controrivoluzionari,film fascisti,dimmi questo come lo chiami?”
“Gusti personali,ecco come li chiamo.O lo stato deve decidere anche cosa deve piacermi?”
“Certo!Non hai capito un cazzo”Furioso e arrabbiato ti colpisco al volto.Cadi sul letto.
Il dolore è violento,mi accorgo che sto sanguinando dal naso.Mi hai colpito al volo con un calcio.
Mi asciguo,rido a bassa voce.
“Venite!”Ordino
Ho scelto Frank e Ursus,i tuoi migliori uomini.Loro ti leggeranno le accuse,loro ti accuseranno di tradimento,loro ti condurranno al carcere.
Vedo che la cosa ti ha ferita.Dovrei essere contento,ma non lo sono.Davide è ancora forte,quel debole !
Non guardo mentre ti portano via.Sono troppo impegnato a lottare contro il pianto e la disperazione che mi bruciano la gola.
Una baracca in mezzo al bosco.Una misera costruzione di lamiere e ruggine,legno fracido e teloni di plastica strappati dal vento.
Lethal Selma tiene l’ennesimo mozzicone di sigaretta tra le dita della mano sinistra,i piedi appoggiati sul tavolo.Seduta di fronte a lei Armageddon Justine si sta scolando la quinta bottiglia di Jack Daniel’s e kerosene,dice che fa bene alla pulizia dello stomaco.
Stanno aspettando che la loro cuoca,Evil Grace,sia pronta con il cibo.Questa volta è toccata a lei cucinare,vanno a rotazione.Dopotutto non hanno dimenticato le buone lezioni democratiche e liberali dei bei tempi passati.
“Senti come grida!Se avesse urlato così nei dischi e nei concerti,ora saremmo forse l’ultima grande punk rock band esistente”S’incazza Selma
“Già,sai che pacchia tenere concerti per morti viventi e depravati.O per questi cazzo di soldati”Mormora scazzata Justine.
L’interno della baracca è composto,essenzialmente,da due parti:la cucina e la camera da letto.Nella prima si mangia,nella seconda si prepara il cibo.
Che tipo di cibo?Siete davvero curiosi di saperlo?Bene,venite con me..Avanti,non siate timidi!Avete passato una vita su youporn e ora siete così moralisti?Noooo,dai!Eccoci.Cìè un lenzuolo che divide la casa,andiamo oltre.
Un vecchio letto a baldacchino che ha visto tempi e scopate migliori.Legato al letto c’è un uomo,sopra una donna.Lui ha tatuato sul braccio destro,(riuscite a vederlo?),il simbolo dell’esercito popolare rosso ,lei ha capelli corti e biondi.Magra,ma non totalmente piatta,ha un viso quasi ancora da bambina.Indossa una minigonna scozzesa e una camicetta bianca.Dalle parole che si scambiano non credo proprio che siano cose da educande eh?Un minimo di privacy.
“Pensi mai a prima?”Chiede Lethal Selma
“Prima quando?”Gli effetti alcolici del whisky si fanno sentire
“Ieri sera ho sognato..Non so perchè,ma parlarne mi fa male.Anzi no!Provo un po’ di gioia,ma poi mi viene da piangere..”
“Cazzo,non fare troppo la sentimentale!Ho la testa che mi scoppia ed ho fame!CAZZO GRACE TI MUOVI,MERDA!”
Dall’altra parte continua la messa cantata del vocabolario pornografico per gente che si accontenta di poco.
“Eravamo sul palco,ma prima..Cioè,non…Ecco,a me tutta quella storia delle Killer Pussy Revolution..”
“Genitivo sassone,cazzo!Killer Pussy’s Revolution”
“Justine dici?E un chi se ne frega?Ascolta.Pensavo a prima.Quando suonevamo in quel locale,o centro sociale,non ricordo.Facevamo quella musica misto di fantasy e metal.Era un bel periodo.”
“Scopi,uccidi,mangi.Cosa non funziona in questa vita?”
“Mi piaceva suonare,ci credevo.Volevo fare qualcosa..”
“Abbiamo fatto.Ma quanti altri avevano i nostri progetti?Troppi.Per fortuna che quella donna,la sionista amica di mia madre,ha avuto l’idea brillante di farci diventare le leader del movimento Femen Kombat.Quelli erano bei tempi”
“E’ PRONTA LA CENA!!!!”Urla Evil Grace.Sentono l’uomo gemere qualcosa,e poi la loro amica ridere forte.Poi i gemiti si trasformano in urla da parte del maschietto vivisezionato a coltellate e goduria,risate infernali da parte della loro amica.

“E comunque,i tempi migliori sono stati rovinati da voi sapete chi”Conclude la dolce mantide pucciata nel sangue guardando le sue amiche ansiose di divorare la loro ultima preda.

“Non hai classe,tutto quel casino.Io invece,vuoi mettere?la pratica dello smothering !Li soffochi con i seni o con un bel facesitting e morta lì.O li strozzi ,strangoli,insomma credo che sia meglio.Più sofisticata”Armageddon Justine critica il lavoro della sua collega,mentre mangia una parte del povero soldato.
“Non mi interessa.Non ho mai avuto classe,avevo soldi.Quindi un po’ l’ho comprata,ma mio padre era un palazzinaro.Un arricchito.Uno stronzo anche con l’abito nuovo eh!”
“Comunque,l’altra sera quando toccava a me cucinare,sapete cosa è successo?Il tizio mi ha parlato,dicendo che faceva il soldato per sto esercito di comunisti del cazzo..”Lethal Selma non finisce
“Sai che novità,sono tutti comunisti del cazzo qui!”Ironizza Evil Grace
“No,no,ma ascolta!Dice che il suo capo è una donna”
“Bella sorella!Il nostro fottuto esercito femminista è svanito dopo un mese.Sorellanza,si sti cazzi!Perchè il nostro gruppo si è sciolto?Tutte femmine,era naturale!”Puntualizza Justine
“Vabbè,ma non sapete come si chiama quella tipa..Lo volete sapere?”La domanda cade nel vuoto,le sue amiche sono impegnate a contendersi la parte migliore del soldato.
“Oh,ragazze!Volete sapere come si chiama quella tizia????”
Le ragazze si fermano un attimo e la fissano.Con l’aria scocciata,stile:”e dillo!”
“Lucy.”
“Lucy?Quella Lucy?”Chiede Evil Grace
“Me la son fatta descrivere:è lei!”
Le ragazze si guardano in faccia e sorridono.Cattive e allegre.
“Bè,è giusto che la nostra dieta abbia dei piccoli cambiamenti no?”Chiede Evil Grace alle altre due.
Sei in cella a riscrivere ,non sai per quante altre volte ancora,il tuo Diario dell’Autocritica.Il cielo a scacchi ti tiene compagnia.Pensi a una lontana e vecchia giornata di sole e risate.A Ladispoli.Davide odiava il mare,tra le altre cose e le sue infinite paure e fissazioni c’era pure quella dell’acqua.Ma lui è un montanaro,cosa cazzo vuoi che sappia della gioia di lasciarsi avvolgere dalle acque e scendere in profondità.C’era anche Rhona.Pensavi che sarebbe rimasta per sempre.Mentre nuotavate i vostri corpi si sfioravano,hai ancora i brividi ora se ci pensi.Davide era sulla spiaggia.Pieno di crema anti scottatura o una roba simile.Un costume che nemmeno fantozzi,e l’ombrellone a proteggerlo dal sole.Scriveva su un block notes la prime bozze della costituzione.
Poi tornate a riva avevate cominciato a ridere,l’occhialuto è simpatico quando vuole.Era passata una bella giornata,culminata nell’esibizione canora di voi tre .Avevate urlato Silver Springs dei Fleetwood Mac,stonando gioiosamente.

Una lacrima ti scende sulla guancia sinistra.Continui nella umiliante pratica dell’autocritica.Tra poco la leggerai in pubblico.
Mare che non ti ha dato tanto,mare che ti fa bestemmiare.Questo pensa il giovane pescatore,mentre con la disperazione nel cuore tira su la rete.Poco pesce,di scarsa qualità.Il direttivo si era riunito l’altra sera.I Kolchoz agricoli funzionano ,per non dire i soviet degli operai,ma la pesca stenta a decollare.Non c’è tanto pesce in questa parte del Lazio,oppure siamo noi che non capiamo un cazzo?Dovremmo andare più a sud,ma la benzina è troppo poca e sopratutto:mai fatto i pescatori prima.Erano rimasti bloccati a Ladispoli,durante tutto il casino.Si era deciso che quella città sarebbe stata zona di pesca e così ecco:facciamo i pescatori.
Un rumore ,cosa?Forse una barca.Il mare al buio è impenetrabile,non riesci a capirci un cazzo.
Poi una luce accecante e colpi di mitraglia.L’equipaggio di pescatori è sterminato.

Ha camminato per tanto,tanto,tanto tempo.Attraversato l’Europa.Terre devastate,distrutte,annichilite dalla morte e paura.Respira con gioia quella nuova era.L’aveva descritta tanto tempo prima nei suoi film.Dopotutto già Epidemic si concludeva con la peste che devastava il mondo,no?E tu ridevi.
Ora sei arrivato in Italia.I bambini italiani …L’orco ha fame!
I soldati sulla nave sono felici.Da quando è arrivata la fine del mondo,si son inventati una bellissima carriera di pirati.Assaltando quelle imbarcazioni piene di gente disperata che scappava dai morti viventi e dalle bande.Loro capo è un ex sotto ufficiale.Aveva ucciso tutti i suoi superiori .Ora disponeva della nave,degli aerei,delle motovedette -nel frattempo altri si erano uniti a loro.Ogni tanto rapivano dei cittadini e li portavano a bordo,quelli che riuscivano a sopravvivere si univano a loro.Gli altri finivano in pasto ai pesci.
La nave è da qualche tempo anche il centro di ritrovo di John Kornilov,capo delle guardie bianche in lotta con l’esercito popolare rosso,e di una banda di ex aguzzini del Mossad.
Stanno preparando l’attacco decisivo contro la giovane Repubblica Popolare Comunista Stalingrado.L’apocalisse è più adatta ai fascisti,ai nazisionisti,ai farabutti di ogni risma.

Trastevere resiste.Nonostante gli attacchi delle Guardie Bianche e delle forze della reazione.Il commissario politico Ugo Picchi è tra le menti migliori del partito.Tanto che si parla di lui per un possibile rimpasto al ministero degli interni.Visto i tempi bui di attacchi da parte delle quinte colonne,dei vasloviani,e l’attaccamento alla vita da parte della medio alta borghesia improduttiva.Piove,da giorni.Pioggia cattiva,acida,che brucia la pelle.Gli effetti ancora devastanti della fine del mondo.Però loro sono lì.Davidovic ha sempre detto che la società è immortale,in quanto ogni forma di vita ha bisogno di essere organizzata,di riunirsi .Per combattere,lottare,soffrire,gioire,non importa,ma la società diversamente dall’individuo non è vittima delle malattie,del tempo,si modifica quanto le basta per avanzare.E chi forma la società?Lo Stato.E chi crea lo stato?Il partito.Lo ripete ogni sera a quei ragazzi,a quella gioventù piena di forza ed entusiasmo anche nei momenti più delicati e terribili,tipo ad esempio l’eiaculatio precocis o la perdita prematura dei capelli.Mica robe da poco,eh?
Lontani i rumori della battaglia:incitazioni,grida,bestemmie,mitraglie e fucili.Bombe e morte.Kornilov è ancora vivo.Lo sanno benissimo,tuttavia è debole.
“Una fabbrica di armi in fiamme.Abbiamo arrestato il compagno responsabile del personale e il direttore.Le quinte colonne sono arrivate in alto.Il Caro Leader ha deciso per processo e fucilazione aperti al pubblico.Il popolo deve capire che non scherziamo”Il compagno capitano De Robertis informa Picchi.Giorni sciagurati di vili attentati,ma questo non deve fermare l’avanzare del glorioso regime.
“Roma Nord è quasi del tutto nostra.La Cassia è piena di mine,che da una parte ci aiutano a tener lontano il nemico,ma sono anche causa di incidenti tra i compagni.Non dobbiamo dimenticare che i morti viventi sono ancora in piena attività controrivoluzionaria al Parioli.Prati invece è definitivamente nostra.Roma sud ha sacche di resistenza che vede zombi e guardie bianche unite alla bassa criminalità collaborazionista tipica del sottoproletariato.Mi dicono che nel Gulag di Centocelle si trovi la nostra leggenda ,la Generalessa Lucy Skywalker?”Domanda Ugo
“Si,dovrebbe finire di scontare la sua pena in questi giorni.Sta lavorando.Pulisce le strade dai detriti causati dagli attacchi nemici.Nondimeno i cannoni ormai..Vede,compagno commissario:stiamo finendo le munizioni dei cannoni,ma questo capita anche sul fronte avverso.Dovremmo quindi preparare le truppe a uno scontro all’arma bianca.”
“I nostri soldati non avranno paura.La paura,come ci ricorda il nostro Caro Leader,non esiste nei cuori e nelle menti allenate al comunismo.O perlomeno è bello crederlo.”
Picchi si accende un sigaro e aspirando ampie boccate di ottimo tabacco cubano si guarda intorno.Questa gente ha subito il trauma di vedere il loro mondo finire.Hanno combattuto contro i morti.Lui stesso ha dovuto distruggere la sua famiglia:figlio e moglie,tornati come morti viventi.Ripensandoci sta ancora male.Non riuscirà mai ad abituarsi.
Un rumore lontano,un suono strano,perso nella notte dei tempi dei suoi brutti ricordi,lo trascina alla realtà.
“Cosa?”Chiede De Robertis,mentre il rumore diventa sempre più forte e assordante.
Poi l’esplosione
Frank corre a zig zag,schivando le bombe che piovono dal cielo.I soldati dell’Esercito Popolare Rosso,scappano terrorizzati.A poco servono le grida dei commissari politici,le accuse di insobburdinazione e quanto altro.Un massacro di poveri giovani,il crollo di ogni eroismo che lascia spazio alla vecchia e antica paura,allo spirito animalesco e codardo della sopravvivenza ad ogni costo.
Raggiunge il campo base.Ursus è al telefono.Sta parlando con il Caro Leader.
“Aerei”Taglia corto il Segretario del Partito R.S. Lerner-il quale rammentiamolo ,è il cattivone del primo capitolo di questa saga.Ucciderà Davidovic,ma sarà brutalmente eliminato da Lucy-un silenzio pesante cade nella sala della Direzione Centrale del Partito Comunista della Repubblica di Stalingrado.
“Da dove sono spuntate?”Chiede Davidovic
“Non lo sappiamo.Ha giovato all’attacco nemico la sorpresa e la tempestività.Abbiamo cantato vittoria troppo presto”Risponde Lerner.
“Non bastavano i sabotaggi,le uccisioni nelle periferie dei nostri uomini,il problema ancora esistente dei morti viventi.Le nostre forze da sole non potranno mai farcela”Mormora amaro Berjia
“Libera Lucy”La voce di Frank ha l’effetto di uno schock,tipo quel famoso bacio che come è il rock,eh!
“Come osa dare ordini al nostro Caro Leader!”Tuona Lerner
“Roberto Saverio,fai parlare Frank.Non è un semplice compagno,ma un valorosissimo soldato”Protesta l’occhialuto
“Bè,ecco..Gli uomini,vedendola di nuovo in testa al suo esercito..Insomma…”
“Combatteremmo fino alla fine!!!”Grida Ursus.
“No,no.Siete pazzi,meritereste di finire davanti al plotone…”
“Lerner!Un Ezov è bastato a tutti.Non correremo di nuovo quel tragico errore,vero?”Minaccia Davidovic Vessarionovic Berjia.
“Bè…Ehm..Mi permetta…Potrebbero vedere un atto di debolezza da parte sua,Compagno Presidente.La Generalessa deve fare Autocritica pubblica,assolutamente.Altrimenti creeremo un precedente pericoloso.”Si giustifica Lerner.
“Lei crede davvero che il Popolo metta in discussione la mia figura perchè son stato clemente con una donna che vale più di ogni uomo che si trovi qui dentro?E non solo!Mi stupisce,davvero!Prenderò tempo.Ci penserò questa sera.La decisione sarà inderogabile e io stesso ammazzerò colui che avrà da ridire.La baggianata borghese della libertà di espressione deve essere eliminata fin dalla sua tenera radice!”Cosi dicendo l’uomo esce dalla sala.
Un fatto assai grave giocherà un ruolo decisamente importante sull’avvenire e il destino di Lucy
Le gambe di Armageddon Justine sono intrecciate a quella del grigio e modesto funzionario statale.La chiamano posizione del missionario,perchè è una vera missione umanitaria cercare di godere con un essere simile.
“E quindi tesoro,tu lavori proprio con il nostro CARO LEADER!!!!”Coglie l’occasione di pronunciare enfaticamente il nome di quel piccolo comunistello bastardo,per fingere una certa passione e non crollare dalla noia
“Si!Si!”Risponde l’uomo agitandosi sopra di lei alla cazzo di cane
“In che senso?Si perchè stai già godendo o perchè….”La risposta arriva velocemente,entrambe
“Oh,io..”Tenta di giustificarsi lui
“Niente tesoro,niente…”Dice lei spostando le gambe dalla schiena alle spalle del tizio ,poi con un colpo rapido gli spezza il collo.

 

Garibaldi,il gioiello della guerra italica e delle missioni di colonialismo internazionale.
Kornilov è soddisfatto,lo stesso Zuckenberg e la sua banda di killers del Mossad.Un attacco aereo e come in Spagna ,la storia cambia.Il Capitano Farinacci arringa i suoi a combattere con devozione e fede nella causa patriottica contro i nemici della nazione:rossi,omosessuali,femministe,e chi più ne ha più ne metta
“Non imparano mai!In Italia non c’è mai stata una Nazione.Hanno sempre fatto quello che dovevano fare,da bravi servi.Però sono convinti e quindi lasciamoli fare.Lasciamoli”Ridacchia Kornilov.

“Dunque non hai saputo niente?”Chiede Evil Grace a Armageddon Justine
“No,bè..sai che odio gli eiaculatori precoci e la posizione del missionario.Mettili insieme cazzo!Ho perso la testa.Però ho preso questo.Tesserino del tipo.Lavora davvero alla sede centrale del partito comunista.Faceva l’usciere però.Tuttavia vedi il timbro?”
“Si?”Chiede Evil
“Bè,questo è quello del capo organizzativo del ministero della difesa.La sede è ,ripeto,quella giusta.Questo tizio praticamente si occupa del materiale militare,delle divise,insomma queste cose,e da chi prende ordini direttamente?Da Davidovic,ma sopratutto lavora a stretto contatto con Lucy.Prendere lui,avere informazioni e poi una buona cena,non sarà difficile.Ci serve una volontaria!”Le due ragazze guardano Lethal Selma,sorridendo beffarde.
“Zentropa?Incontaminata?E scende davvero la notte?Non è questo tragico tramonto e poi la luce accecante?”Chiede il ragazzo allo straniero
“Esattamente”Taglia corto l’uomo
“Ma davvero?Cioè un posto libero?Anche da questi comunisti,che mi impediscono di esprimere me stesso?”il giovine pirla e dissidente,per questo facile a cadere nei tranelli,non sta più nella pelle.
“Si,proprio così.Tu vai,si trova a Nord.Un posto fantastico,meraviglioso.Io sono venuto qui da voi per dirvelo.Lasciate tutto e andateci!”
Il ragazzo esce di corsa,inciampando e rialzandosi al volo,bestemmiando e ridendo.Non troverà mai Zentropa. Lars lo sa,e al pensiero ride di gusto.

Le braccia fanno male,la schiena anche. Però Lucy,eroicamente , continua il suo lavoro.Sono ore dure e drammatiche per i suoi uomini e compagni,e lo sono anche per quel maledetto occhialuto del menga.Per questo non deve cedere.Mai un passo indietro,questo era quello che diceva Stalin.Magari non è vero,ma perchè mettere in discussione quello che diceva o non diceva la più grande leggenda del 900?

La porta dell’abitazione viene abbattuta,entrano nella casa degli uomini incapucciati e armati fino ai denti.Prelevano dalle case i maschi dai 13 ai 50 anni e li trascinano verso la spiaggia.Poi vengono trasportati con delle motovedette e piccole imbarcazioni sulla Garibaldi.

Durissima la solitudine di chi sceglie di comandare.Vero,detto e ridetto molte volte.Però quando queste cose che giudichiamo banali e risapute ,ci colpiscono realmente ..Ne siamo stupiti. Davidovic non riesce nemmeno a scrivere un rapporto per gli uffici della polizia politica e per il ministero della difesa.Ripensa alle parole di Frank e di Lerner.Sentimentalmente non ha dubbi:Liberare Lucy,ma poi entra in gioco il suo egocentrismo sepolto in anni di mediocrità ,dall’indifferenza di quei bastardi che lo hanno circondato per tanto tempo.La cattiveria,quando non riesci a sfogarla..Causa grossi guai.
Qualcuno bussa alla porta
“Entra!”Dice Davidovic.
Il pioniere è emozionato,la prima volta che si trova davanti il Caro Leader.
“Compagno Caro Leader..”La voce rotta dallo sforzo di farsi sentire anche fino a Marte.
“Lascia stare,chiamami solo compagno.Dimmi?”
“Brutte notizie!Il compagno segretario è stato rapito”
Davidovic rimane in silenzio per diversi secondi.
“Grazie caro compagno.Vai pure e ricordati:Lo Stato o Tu?”
“Lo Stato!”
“Bene,compagno vai”

Non rimane altro che….
PARTE PRIMA

Nervi tesi ,fascisti appesi!

 

Volete lo spiegone vero?Vabbè
Eccolo

Certa gente mediocre quando ha una carica diventa l’esempio vivente di un noto detto milanese:quan la merda la munta a scann o la spussa o la fa dann!Cioè un pezzo di merda che monta a scanni o puzza o fa danni.Si abbina ai coglioni incompetenti e arroganti che occupano ruoli importanti.La loro arroganza li porta a fare danni
Lethal Sema si trova a letto con uno di questi.Un pezzo grosso ,in tutti i sensi,del ministero della difesa,dai quali dipendono anche i campi di recupero e rieducazione.
Nell’amplesso,dentro una ridicola vasca jacuzzi a forma di ostrica,l’uomo si lascia scappare informazioni importanti come la prigionia di Lucia e l’esistenza di una cellula che dipende direttamente da lui,pronta a un colpo militare contro Davidovic.Prima che riesca ad avere una erezione decente Semma lo affoga nella vasca.
Data la notizia alle altre ragazze ,decidono di mettersi d’accordo con i controrivoluzionari per il sequestro di Lerner.Un pezzo grosso molto legato a Berjia.
L’azione è sanguinosa e micidiale.Le ragazze sono brave anche con le armi automatiche.Eliminano le guardie che dovrebbero difendere Lerner e lo rapiscono.
Poi ,giusto per non avere problemi,sparano alla piccola truppa di traditori.
Sei nella tua cella.Tramonto,che da un po’ vuol dire notte.Sei stanca,troppo.Oggi hai lavorato nella via dove abitavi.Casa tua non c’è più.Bombardata.I ricordi sono troppo violenti e fanno male.La tua famiglia,i tuoi vecchi amori,le tue speranze e illusioni giovanili.Le donne vivono intensamente queste cose,la memoria per loro è importante perchè non è solo legata a motivi nozionistici,strategici,c’è tanto amore in quello che pensate e ricordate.Tanto amore,spesso speso male.Non nel tuo caso.I visi dei tuoi parenti,degli amici,delle amanti,si fondono in uno solo:Rhona.Hai delle sigarette,te le ha date una guardia.Rischia grosso,ma l’ha fatto.
Passi in corridoio.Saluti militari.Un pezzo grosso in arrivo.
La porta si apre
Ti ranicchi sul letto,tenendo le gambe con le tue braccia.
Entro nella stanza,il cuore mi batte forte.Non ti vedo da tempo,cosa si dice a una persona che hai condannato?Giustamente!Eh,non sono qui a chiederti perdono.
Mi guardi,sei rannichiata in un angolo del letto.
Mi siedo accanto a te.Potresti colpirmi.Mando via le guardie ,ti facilito il compito.
“Ecco…”Comincio ma non so come continuare.
“Devi dirmi qualcosa?”Mi chiedi
Non ti guardo,non ho il coraggio
“Non è facile?Capisci.Non riesco a dominare le due cose.Non dovrebbero nemmeno esserci.Nemmeno esserci,si!Dico,non è che forse abbia sbagliato tutta la mia vita?La nostra Patria è sotto attacco,sabotaggi,insomma non è facile.Però io davvero lo voglio creare questo mondo nuovo.E nessuno mi fermerà.Non posso innamorarmi,non posso avere amici,non posso abbandonarmi a dolcezze o tenerezze.Devo agire.Sempre.Credi che mi piaccia questo terrore che provoca il mio nome?”Ti chiedo
“Non scopando mai,è l’unico modo che ti rimane per orgasmare:compagno!”
Rido
“Ho sbagliato con te?Non lo so.Perchè se vuoi la risposta da Davide,allora è:Si!Tanto e sono imperdonabile.Ammazzami,ok?Ma se ti rispondo da ..Insomma,se vuoi la risposta politica,è:No!!!!”
“Ho fatto fucilare della gente,lo sai anche tu.No?Ho eseguito i tuoi ordini,sempre.Quel libro,quei dvd,erano ricordi.Legati a prima.Capisci?Non ti senti mai male quando i ricordi vengono a prenderti e ti portano nell’inferno della memoria?”
“Si,Lucy.Si.Rivedo il mio cane,i miei amici,li rivedo sempre.Vorrei scordarli,ma poi..Temo di perdere anche loro.Tu però…Lo sapevi,no?Non dobbiamo uscire dalla linea di partito.Ho solo questo,solo questo.Tu sai fare molte cose,anche prima avevi una tua vita ,io cosa avevo?Si,tanti amici e amiche,non posso negarlo.Ma mi sentivo sempre solo,sempre.Non vedevo l’ora che tutto finisse.Solo la politica mi teneva in vita.Ho solo questo.E..sai a cosa pensavo ieri sera?”
“Cosa?”
“Quel pomeriggio..Ladispoli,ti ricordi?”
“Te e le tue stupide creme,la tua ridicola paura di affogare quando io e Rhona cercavamo di insegnarti a nuotare!Ahahaahhahahah!”Ridi.
“Già.Era stato bello,vero?”
“Si.Molto”
“Ecco,facciamo così…Fermiamoci a quel giorno e dimentichiamo il resto.Insomma,ecco..Sei libera!”
Esco in fretta dalla tua cella.Ti sento piangere per la felicità.
“L’hanno rapito e lo tengono prigioniero in una vecchia baracca.La zona è quella usata abitudinariamente ,prima della nuova era,dai disperati che venivano per una vita migliore e non la trovavano quasi mai.”Spiega Frank
“Cosa vogliono?”Chiede Lucy
“Te”Risponde Davidovic
“Me?”
“Già.Ci hanno mandato una foto,le conosci?”Te la porge
La guardi.Ridi sarcastica.Brutte storie,tanto tempo fa
“Cosa succede?”Ti chiede il Caro Leader
“Una storia di musica e donne.Due cose che tu non conosci affatto!”Ride Lucy

Lerner è legato a una sedia in centro alla baracca.Ha più possibilità di essere beccato in caso di una sparatoria.
Le ragazze sono intente a bere e a fumare.Controllano le armi.Sentono i soldati fuori.Ordini,imprecazioni.Non hanno scampo.Poco male,doveva finire così.Hanno vissuto come potevano,come era loro dovere.Tempi selvaggi e violenti che molti sognano ma hanno paura di vivere.Loro lo hanno fatto.Nessun rimorso,nessun rimpianto.
Lucy ,fumando tranquilla una sigaretta,si avvicina alla baracca
“Sono qui”
Evil Grace prende la spada da samurai che aveva rubato a un tizio che aveva cucinato tanto tempo prima,lo aveva anche decapitato con quella spada.Lethal Selma prende una scure e Armageddon Justine un tirapugni appuntito.
“Bè,siamo pronte sorelle?”Chiede Evil.Le tre si abbracciano.Per l’ultima volta

“Quanto tempo?”Chiede Lucy
“Tanto”Risponde Evil Grace.Le ragazze girano intorno alla loro nemica
“Ragazze,che dirvi?Facevate pena.”
“Pena?”
“Pena”
“Così ci hai lasciato per suonare con loro,vero?”
“E voi avete usato le mie canzoni per il vostro primo album.Le mie canzoni.Basta?”
La lama della scure passa veloce sotto l’occhio sinistro di Lucy.
“Non credo,vero?”Con un balzo Lucy si alza dal terreno e velocemente colpisce con un calcio Lethal Selma al torace.La ragazza perde l’equilibrio e cade a terra .Lucy afferra al volo la scure e colpisce violentemente alla testa la sua ex amica e collega.La testa si spacca in due.Sangue,ossa,materia cerebrale volano allegramente per aria.
“Potremmo finirla così,no?”Domanda cattiva la generalessa
Armageddon Justine si lancia contro Lucy.La donna evita l’impatto con il tira pugni appuntito.Con una gomitata colpisce all’addome Justine.Prende il braccio e lo spezza.La ragazza urla di dolore
Lucy afferra la testa della sua nemica,che piagnucola invocando pietà
“Sono una donna di odio,piccola!”Il rumore dell’osso del collo che si spezza mette i brividi anche ai suoi soldati.
“Ora tocca a te.Ti sei resa conto di quello che hai fatto?Tanto odio per cosa?Perchè i sogni di gloria sono finiti miseramente?Perchè suonavamo in posti sbagliati insieme agli altri che credevano nei loro sogni?Per questo?”
“Ci hai distrutto la nostra vita,andando via!Eri l’unica che sapeva comporre!”Evil si lancia con violenza contro Lucy
Skywalker prende con pazienza il tirapugni di Justine.Lo sente bene saldo nella mano.
Si prepara a tirare un pugno.Uno alla Lucy Balboa.
Mentre Evil abbassa la spada per colpirla,Lucy evita spostandosi a destra la lama e poi tira un pugno violentissimo alla testa di Grace.Sente le punte bucare gli occhi,la mano squarciare la carne,entrare nella testa della sua perfida nemica.Sente il corpo di Evil cadere.
Si sente veramente libera e tornata ,pronta all’azione…Ora!
“Uè,hai visto?Pim pum pam,zacchete tre maciullate e andale!”Ridacchia Davidovic V.Berjia,mentre si tiene pericolosamente in bilico con le gambe anteriori della sedia,reggendo in mano una bottiglia di rhum.
“Gola d’amianto,(il vero sopranome del vero Davide),non se hai notato..Ha pure la frase epica e ad effetto:”sono una donna d’odio,piccola!”Ahhahahahhaha”Ride Frank tentando di stare in piedi.
“Bè,è chiaro sono la fottutissima eroina no?Tutte hanno una loro frase o un gesto,che ne so?Comunque mi sono divertita”
“E immagina loro!”Interviene Ursus
4 pistola,4 amici che ridono e bevono e si danno pacche sulle spalle.Cameratismo buono,tipico dei compagni e delle compagne
“Bene,credo,visto come è andata la giornata di oggi,che la nostra Compagna Generalessa,meriti di tornare a pieno regime tra di noi.Vieni con me,qualcuno vuole rivederti assolutamente”Dice Davide a Lucy
Il contatto del suo viso con quello del cavallo,le carezze tra due esseri umani,che tra di loro han sempre avuto un rapporto di totale fiducia e fedeltà
“Sono contenta di rivederti Paul Ws Anderson”Mormora la donna alla bestia.

“Ci parlavi tanto della tua macchina,quanto ti mancasse…Insomma,ecco..La nuova Christine.Una Bentley,ora …Io odio questa mancanza di nazionalismo e patriottismo,ma amo alla follia Doomsday.Quindi, ecco la tua fottuta Bentley con una fottutissima mitragliattrice sul cofano.E..”Davidovic si avvicina a un tavolo.Sopra c’è un telo che copra qualcosa.L’uomo lo alza.
“La tua motosega”Dice dandola alla donna
“Ora sono a casa!”Dice lei.
2 capitolo

Battaglie

Fascisti,Borghesi,ancora pochi mesi!
Nella seconda e conclusiva parte,faremmo accenno al revisionismo che trasformerà Lucy e in particolare Davide,in criminali di guerra.Psicopatici assetati di sangue.Ne parleranno i soliti pagliacci:diritti umanisti e pacitontisti a busta paga del capitale,intellettuali falliti e padronali,grupettari settaristi,utopisti.La mandria della carne avariata da macello.
La teoria viganiana sullo stalinismo e sulla sua storia vista attraverso la morale politica e non pubblica,ci servirà a capire anche le motivazioni dei due nostri eroi.La morale pubblica ripetiamo, è quella serie di ipocrisie che servono per tenere unita una società,spesso elaborata dai padroni e dai loro aguzzini attraverso discorsi fasulli di pace,democrazia,libertà.Per portare la gente a vedere nel movimentista del No Tav un terrorista e non nella cerchia dei banchieri e grandi capitalisti che hanno ridotto il lavoro salariato quasi un piacere che loro estendono ai lavoratori.O nelle guerre colonialiste travestite da rivoluzioni,fatte contro nazioni autonome .La mancanza di cultura e disciplina politica,avvenuta con la distruzione del socialismo reale tramite infami a busta paga della cia come Gorbaciov,la deriva della sinistra occidentale verso i lidi di un dirittismo xenofobo e militarizzato,portano le masse quindi a non essere in grado di comprendere azioni complesse e strategiche,parlando quindi esclusivamente di Buoni-noi- Cattivi-loro.
Le bugie della stampa sono tante:timosoara,srebrenica,gli stupri di gheddafi,i bombardamenti di Assad,ma la nostra piccola e semicolta folla di anime belle non ha gli strumenti politici per rispondere a queste infamanti pagliacciate.
L’arma che serve è appunto:la morale politica.Stalin è un vero e proprio esempio.La perfetta operazione dei processi di mosca,ad esempio.Le anime belle,i controrivoluzionari,le quinte colonne,hanno un’idea piccola e stupida assai della questione,ma è nella loro natura,per questo li dobbiamo liquidare.Però ,per voi lettori,ben venga una chiara e semplice delucidazione.
La rivoluzione del 1917 ha portato alla ribalta la potenza ,non tanto delle folle-quella è la superficie,sacrosanta ,ma è la superficie-quanto di un Partito:organizzato,disciplinato,basato su una idea forte di ideologia praticata alla realtà.
Gli spontaneisti non lo capiranno e infatti guardate che figura di merda la generazione falsamente rivoluzionaria dei nostri padri con la loro sinistra da barricata,sesso libero e fumo.Una perdita di tempo.Il Partito organizzato,guidato da una minoranza avanguardistica invece è l’arma necessaria per sviluppare il cammino verso il socialismo.
Questa operazione però non piace ai capitalisti,che necessitano di paesi remissivi ,al fine di poter commerciare e occupare suoli ricchi di elementi fautori delle ricchezze delle nazioni a regime liberale.I partiti,il parlamento,la democrazia,sono la facciata del regime capitalista,che tollera l’indignazione popolare,la formazione di organizzazioni sindacali e partitche,ma sempre al limite della pura testimonianza,il resto deve essere fatto dal libero mercato gestito dalle famiglie potenti dei grandi capitalisti.In Russia questa situazione si è rotta.Per questo dal 17 si è finanziato gli intellettuali borghesi al fine di trasformarli in poveri dissidenti,si è invaso e fatto guerra,dal 19 dopo il trattato fallimentare e non per nulla per mano di quel manigoldo di Trockji ,firmato a Brest.L’unione sovietica era sotto attacco di:guardie bianche,nazionalisti ucraini,lettoni,estoni,di chiarissima propensione teutonica,eserciti occidentali ,francesi,inglesi,americani, delle mire espansionistiche giapponesi,delle invasioni cecoslovacche e sopratutto polacche.Nemici interni e così via.Vinta la guerra civile si doveva ricostruire,tuttavia la tattica del nemico si modifica solo nella sua messa in atto:sabotaggi,attentati,uccisioni di responsabili del Pcus.Un paese devastato dalla guerra,arretrato industrialmente,sotto pressione delle potenze straniere e delle quinte colonne interne.Stalin ha capito che l’industrializzazione,la collettivizzazione delle terre era una maniera per resistere,ma si doveva battere il tempo,stordire l’avversario.Non dargli tempo di comprendere la nascita di una grande nazione.Il socialismo in un paese solo significa questo:essera abbastanza forti da riuscire a costruire il proprio futuro.L’agente dei nazisti Trockji invece straparlava di aspettare le rivoluzioni estere.
I processi sono stati necessari per eliminare quella parte che si opponeva al progetto.Ottimo.L’errore pesante è stata la prima parte affidata malamente a un agente delle opposizioni di destra,Ezov.Peraltro eliminato con la consueta operazione brillante del nkvd,passato in mano a Berjia.E allora?Errori e tragedie ci colpiscono tutti.E qualsiasi regime
Anche quello di Davidovic e Lucy.
“Un attacco aereo?”Domanda Lucy
“Si,un attacco aereo.La prima volta che capita in tutto questo tempo.Dovremmo controllare gli aeroporti ancora in grado di essere usati.Quelli militari italiani.Le base americane ,che non sono poche..”Risponde Lerner
“Ma gli americani se ne son andati tempo fa.Ormai questa per loro è terra morta.Non sappiamo il resto dell’Europa,le notizie ormai ..Il problema è che la nostra situazione è assolutamente drammatica.Il raid aereo è solo l’ultimo atto.Dal mare ogni giorno arrivano uomini sulle nostre coste:depradano,stuprano,uccidono.Mi dicono inoltre che molti giovani cittadini sono scomparsi,citano sempre uno strano tipo…Uno straniero.Alto,imponente,quanto pare è lui il responsabile.Roma è dilaniata dalla guerra civile:guardie bianche,morti viventi e banditi.Resistiamo ancora bene,le nostre sono truppe eroiche.Nondimeno la nostra Città non sarà più come prima.Mai più.”Davide conclude il suo intervento estraendo da un cilindro metallico una cartina della città.
“Questi i quartieri.A nord,dove ci siam posizionati dopo aver vinto la guerra contro la reazione ce la caviamo abbastanza bene,ma ci sono i sabotaggi e le quinte colonne.Necessita quindi di un’operazione drastica di pulizia ,attraverso Processi Popolari Pubblici.Gradirei avere da Lerner una lista di gente da giustiziare sulla pubblica piazza,come esempio.Il resto al sud,bè qui la situazione è più complessa.Rivoglio assolutamente Cinecittà.Abbiamo cominciato da lì,e lì torneremo.La campagna militare quindi deve partire al più presto.Sei pronta?”Chiede a Lucy
“Si…”
“Sono nata pronta!”Ride il Caro Leader
“Mi togli i miei slogan migliori?”
“Certo,anni e anni a parlare di Von Trier e non sei migliorata mai!”Ridacchia lasciando la sala riunioni l’occhialuto snob,(ma non colto come vorrebbe far credere)
La mattina dovrebbe avere l’oro in bocca,ma ai soldati rimangono solo i loro denti.Molti di essi non morderanno più un pezzo di pane,per sempre.
Lucy lo sa.Li guarda mentre passa in rassegna le truppe.Li ama tutti i suoi uomini.Dignità,ecco cosa vede in loro.Nella vita ti devi attaccare a qualcosa no?E loro istigati da Davidovic V Berjia si son messi in testa che un mondo nuovo è costruibile,non devono avere troppi problemi per i metodi da scegliere,il fine giustifica i mezzi è l’unica verità totale e da seguire fino in fondo.
“Roma è la Città Eterna,dove è nato l’Impero.Una città che è unica al mondo,difficile trovare le parole per spiegare perchè amiamo così tanto questa città Sopratutto ora che siamo rimasti noi a difenderla.La parte sana,giusta,quella socialista.Guidati dalle parole del nostro leader-ogni volta Lucy quando arriva a questo punto deve trattenere le risate,Frank al suo fianco se ne accorge sempre-e dalla forza della giustizia proletaria che noi rappresentiamo…Ci riprenderemo la nostra città!”
Gli uomini esultano
“Al mio via scatenate l’inferno!”Urla Lucy
“Cazzo sei peggio di Tarantino,ma vuoi continuare per tutta la storia a fare citazioni di film del menga?”Le dice Frank.Lei ride.

Capitolo 2,b) ROMA
La mia prima esperienza con Roma è nell’estate del 96.Siamo scesi in camper con i miei amici,quelli che dal tempo delle scuole superiori frequentavo.Poi io mi son soffermato più spesso su alcuni anni e insomma,non eravamo in classe insieme,ma la vera amicizia se ne frega.Non credete?
Dormivamo in una sorta di parcheggio per camper alla Garbatella.C’era il concerto di Alice Cooper,di spalla i Timoria.E’ grande Roma,ti ci perdi dentro.Magari qualcuno potrà dirti di no,ma per me è stato così.Fai un passo e la Grande Storia è lì con te.Il Colosseo,il Pantheon,l’Altare della Patria,e le sedi governative.Fontana di trevi piena di monetine,più piccola rispetto a quello che il cinema ti mostrava.Però se ci pensi,se guardi bene,che bellezza!
Però una città non è fatta solo dai suoi monumenti,è anche la sua gente.Io amo i romani e le romane.Amo questa gente sorniona,spontanea,sicuramente più provinciale rispetto ai milanesi e a Milano,ma a suo modo unica.La lingua ad esempio..fantastica.Non è dialetto quello romano,ma una vera lingua.Immaginifica,ironica…ma quell’ironia amara,popolare,che descrive la vita con finto distacco ed autentico dolore.
Ci son tornato poi a dicembre 97,una bolgia della madonna,ma sempre un gran divertimento,pure perderci per i quartieri di roma,dove cazzo si trovava ‘a garbatella.Ci siam pure beccati dei rincoglioniti da una simpatica nonna ,stile sora lella.

Più avanti a Roma ci son tornato sempre per motivi politici.Manifestazioni ,incontri.Piazza san giovanni,piazza del popolo,eusebio.Lungo tevere .Cose così.
Bellissimo il viaggio in treno o pullman,la piazza piena di bandiere,le manifestazioni.L’entusiasmo che solo la politica sa darti,e per questo dico:non cedete a quelli che parlando di Casta vogliono allontanarvi dalla politica.Fatela,e per farla:partiti,niente altro.Bè,Roma ci accoglieva come sempre.E il tempo a Roma è sempre bello,c’è qualcosa che non posso descrivere a parole,dovrebbe parlare il mio cuore.Sai,quando sei innamorata,cara Lucia?Ecco,è così.Roma per me significa l’amore profondo,sgangherato quanto si vuole,ma quanta bellezza assoluta.Uno deve avere grossi problemi per non amare Roma.

 
Kornilov si trova a prua,della grande immensa portaerei.Ottima mossa quella dell’attacco aereo,e sicuramente gli uomini delle motovedette e della capitaneria di porto passati sotto gli ordini dell’Ammiraglio o come cazzo si chiama quel tipo,bè sono segnali ottimi.Però non basta,lo sa bene.Poca benzina,munizioni.Non è facile trovarle,il mondo dopo tutto è finito.Concluso.Eppure la razza umana continua a combattere,come se fossimo ancora in grado di stabilire equilibri e strategie geopolitiche.Dalla tasca sinistra dei suoi pantaloni militari tira fuori una foto.
Un’isola….

“C’eri tu.La gente pensa che quelli come me non abbiano mai nessuno,forse qualche puttana,ma io avevo te.Ti piaceva il mare.Ti piaceva l’Italia.Io ero sempre in giro per il mondo,il bello di lavorare per l’Agenzia o la Compagnia,insomma la C.I.A.
Non ho fatto cose belle,sai?Lo so anche io.Però le ho fatte in buona fede,perchè io credo.In cosa?Nella nostra supremazia,nel nostro sistema di vivere,chiamalo sogno americano…Chiamalo come vuoi.Un mio bisnonno combatteva nelle guardie bianche,era una specie di capo.Temutissimo.L’hanno fucilato durante i giorni della guerra civile.Però con te non sono in guerra,ma a casa.Ti piaceva l’Italia e mi hai parlato per tutta una notte,una calda notte d’estate,di questo posto L’isola del Giglio.Si trova nell’arcipelago toscano.A me piaceva l’isola di Giannutri,pochi chilometri a sud-est.Mi ricordo ancora con la coca cola e lo zaino,aspettando i traghetti a Porto Santo Stefano,con gli italiani in vacanza e gli stranieri come me alla scoperta di questa stranissima e bellissima nazione.Magica ed emozionante.Quanti posti meravigliosi,cara mia!
Un’ isola quasi del tutto collinare,mi piaceva vederti arrancare per arrivare alla fine dei 496 metri della cima più alta:il Poggio della Pagana.Non hai mai avuto resistenza sulla terra ferma,al contrario di me.E poi quelle spiagette che apparivano quasi d’improvviso,te le ricordi?27 kilomentri di terreno costiero roccioso e poi le varie zone che tanto ci piacevano:Arenella,Caldane…

Ci passavamo tanto tempo.Non mi chiedevi del mio lavoro,non chiedevo a te cosa facevi.Fotografie subacque una cosa del genere,organizzavi viaggi per riccastri che volevano godersi quel mondo marino che a te piaceva tanto.Non a me.Ti spaventava la fuana,visto che vi erano ben presenti svariati tipi di pippistrelli,e questo mi metteva sempre di buon umore.Io ho paura dell’acqua ,tu dei misteri della terra.Mi piaceva elencarti le varie specie presenti,sai da bimbo amavo Batman! ( il miniottero di Schreiber, il pipistrello nano, il pipistrello albolimbato, la nottola, il pipistrello di Savi, il serotino comune, l’orecchione bruno e l’orecchione grigio).Era bello stare su quella nostra isola.Un pezzo di paradiso.Mi dimenticavo delle mie missioni.
L’ultimo giorno con te vorrei scordarlo.Era una bellissima,perfetta giornata di sole,io sarei dovuto partire per la Libia,il giorno dopo.Quelle teste di cazzo che avevano preso il posto di Gheddafi ci stavano dando delle noie,peraltro ben volute e costruite da noi.Parlavamo di cose frivole,assaporando la nostra giornata.C’era tanta gente con noi.
Poi le urla,qualcuno si stava azzuffando sulla banchina del Porto.Mi sono avvicinato,tu non volevi,Mi trattenevi,ma io ostinato …Si,l’ultima cosa che ti ho detto è stata:”Non rompermi i coglioni!”Quanto sto male per questo.
Uno degli uomini teneva l’altro,ma non lo stava picchiando…Lo stava mangiando!Vivo!Ho vomitato,e quando ho alzato la testa ..li ho visti..Centinaia,migliaia,da dove arrivavano.La gente scappava in tutte le direzioni e tutte le direzioni erano sbagliate.Ti ho sentita urlare il mio nome,ti ho vista.La gente ti portava via da me.
Loro ti hanno presa e le tue urla mi torturano ancora oggi..Avevamo un segreto,l’Isola lo sa.Ci saremmo salvati dalla fine del mondo vivendo lì,anche se a te l’idea di vivere con i pippistrelli e gli animali selvatici di quel posto non ti piaceva,ma impazzivi per il mare.Non so come andrà questa guerra,per ora possiamo ancora farcela,ma non lo so.Io però ho la foto e ho il posto.Vivrò anche per te.

 

Dal diario della Rivoluzione
Redatto da Davidovic V Berjia

La nostra nuova campagna militare si divide in due tronchi ben precisi:la zona nord del paese,dove siamo accampati e sistemati strategicamente da almeno un anno è sotto il controllo della Milizia,guidata da me.Effettuiamo arresti,processi e regolari fucilazioni.Un compito difficile perchè il nemico si nasconde anche dietro al più caro e fedele amico,per questo lavoro solo con personale e uomini di cui conosco molto bene l’alto valore politico.Non umano,politico.L’altra è di pura battaglia,di guerra totale.L’esercito ha ritrovato il suo miglior Condottiero,Lucy.Si muovono nelle zone di Porta san sebastiano,appia antica,le catacombe,E.U.R.,San Paolo fuori le Mura.Altri soldati guidati dal valoroso Ursus,un giorno l’esercito sarà suo,si muovono in altri territori:Esquilino e Testaccio,stazione termini,aventino..quelle zone.Ma parlare di quartieri e zone,a Roma,oggi ..Non ha senso.Sono tante macerie.Edifici crollati,devastazione,topi e cani che portano malattie e morte,zombi,criminali.Su tutto questo dovrà ergersi il nostro mondo fatto di progresso,civiltà,socialismo.Non so se ce la faremo mai.

 
“Non potevamo scegliere un posto migliore?”Chiede il soldato novellino e nervoso,mentre tenta di far luce all’interno delle catacombe
“Dove ,soldato?Dimmelo,telefonerò personalmente al Caro Leader,forse lui un posto dove mandarti l’avrebbe”Lo rimprovera Lucy.
Buio,odore di morte,la banda che domina qui sotto e nelle vie vicine è tra le più temibili,una sorta di nuova razza di topi umanoidi e zombi,eppure è qui che Mauro De Gaspari è andato a rifugiarsi.Un vecchio politicante,che ebbe un momento di gloria con il suo movimento populista e destroso.Ora con la sua banda comanda nella zona delle catacombe,dell’appia antica, ha uomini e armi.
Un urlo lacinante,mette i brividi ai soldati
“Cosa era?”Chiede il novellino
“Niente”Taglia corto Lucy
“Un topo umanoide,cosa vuoi che sia…prepara le armi,soldato”Dice un altro militare più anziano,alle spalle del novellino.
Lo spazio è angusto per la truppa,il buio non fa che aumentare la paura.Rumori,striscianti,echi di orribile promesse fatti di morti violente e orribili.
“Senti qualcosa?”Chiede Lucy a Frank.
L’uomo manovra una sorta di segnalatore elettronico.Si vedono dei punti fermi e qualcosa che si avvicina…Ma da dove?
“Sono qui”Dice Frank
“Qui?”Domanda Lucy
“Si,qui”
“Qui dove???”Urla il novellino

“Dalle fottute pareti!Escono dalle fottute pareti!!!!!!”
I soldati si girano armi in pugno,ma quelle creature ,(esseri alti più di due metri con il corpo umano e la grande testa da ratto dai denti affilati)sono troppo veloci
Lucy sente l’urlo dei suoi uomini.Alcuni caduti per terra vengono sventrati e divorati.Lei spara alla testa di quelle bestie.Il sangue la sporca da cima a piedi.
Nel buio vede solo le rapide fiamme delle armi,sente le urla.Qualcosa l’afferra alle gambe.Tenta di farla cadere.Lei si lascia andare .Tocca la terra con le mani e con grande forza si dà una spinta,compiendo una piroetta.L’essere che le tiene bloccate le gambe vola ,cadendo rovinosamente a terra.Lei prende una granata e si avventa sulla creatura.Gli ficca con violenza la bomba in gola e poi si allontana mentre la testa esplode.
“Di qui,di qui,correte!”Frank sta dando la direzione alla truppa,mentre molti cadono e le urlano rimbombano nel buio.
Le bestie affamate li rincorrono.Lucy ne ammazza a dozzine sparando e con il pugnale.
“Qui!Qui!A destra!!!!”
Gli uomini si ritrovano all’interno di uno spazio di piccole dimensioni,stanno stretti ma ci stanno.Le bestie mutanti si son fermate.Sono ferme.Annusano l’aria..
“Sono spaventati..”Bisbiglia Lucy a Frank.
“Hanno paura di noi???HANNO FOTTUTAMENTE PAURA DI NOI!SIIIIII,STROOOOONZIIIIII!”Urla un soldato.
“Non di noi,ma di LOOOOROOOOO!”Grida la generalessa Skywalker.
Dalle Tombe,dall’oscurità,dalla paura più agghiacciante che il genere umano possa sostenere eccoli arrivare:l’allegra combriccola dei morti viventi.
“ALLA TESTA!ALLA FOTTUTA TESTA!”Ordina Lucy
Vede dei morti afferrare un soldato e staccargli la testa,le urla del poveretto mettono i brividi e fottutissima cagarella ai colleghi
Fuori i topi mutanti aspettano,dentro i morti.O loro o noi.
Lucy velocemente afferra un topo mutante ,lo sgozza con il coltello e lo getta adosso ai morti viventi.I quali si avventano sul cadavere.Poi prende un morto e lo getta contro le bestie umanoidi,esse lo divorano con brutalità
Ben presto gli uomini con fatica e difficoltà enormi riescono a far scontrare i due gruppi rivali che abitano da tempo le catacombe.Poi mentre quelli combattano disperatamente aprono il fuoco sterminandoli.

“Siete stati in gamba,ma ora avete sprecato tutte le vostre munizioni”Un uomo alto e grassoccio,di aspetto unto e arrogante applaude la truppa di sopravvissuti.
“De Gasaparri,hai finito di rompere la minchia”Dice Lucy girandosi e gettando contro il ciccione il suo pugnale..L’uomo viene colpito al ventre.Mentre cade in ginocchio,Skywalker si avvicina.
“Non ho nemmeno voglia di sprecare una frase ad effetto per te!”Lucy preme la canna della pistola sul ocipite del malcapitato e spara.La testa esplode

“Non aveva più la sua banda,questo stronzo era prigioniero qua sotto,ne valeva la pena,Lucy!”Urla Frank
“Si,ne valeva la pena”Risponde la donna.
Dal diario politico di Davidovic V. Berjia.

La guerra è imprevedibile.Sembra che tutto sia perfettamente ordinato,preciso,solo dopo.Quando verrà il tempo di scrivere le nostre memorie.Che dovranno essere esemplari,per giustificare la morte dei nostri uomini e la tragedia che colpisce ogni famiglia della nostra nazione.Non si vince sul campo di battaglia,ma nelle stanze scure delle polizie segrete,con il tradimento dei vili,e l’eroismo puro e santo degli idealisti.Non saprei,però,dovrei rivedere questi ultimi concetti.La vita è molto più complessa di quel che possa sembrare.Tanto che il mio caso è un chiaro esempio.Sono morti uomini più forti di me,sono sparite grandi città e imperialismi che parevano imbattibili.Certo oggi il nemico è ancora presente,ma indebolito.Ne sono sicuro,per questo ancora di più pericoloso.
La missione della nostra Generalessa è cambiata.Ho saputo ,grazie all’ottimo lavoro degli uomini della mia Stasi,che la gran parte delle guardie bianche si trova in posti ben precisi come Castel Sant Angelo,e che due ponti romani sono fondamentali per vincere la battaglia.Sarà là che dovrà andare.Sono fiducioso che compierà il suo dovere senza problemi..Non mancano spie,delatori,infilitrati tra di noi.I Processi mi stanno logorando,si potrebbe verificare un’emergenza per i cadaveri ,non abbiamo dove sotterarli e temiamo che tornino come morti.Per questo vengono giustiziati con un colpo di pistola.Sappiamo che il capo è un pezzo grosso del partito.Lo troveremo,lo ammazzerò.Come ho fatto con gli altri.
Nota finale:devo rammentare a me stesso e ai miei più fidati uomini,una regola molto semplice:la gente affida fin troppo la propria vita ai capricci dei sentimenti.Un’amicizia che per noi è profondissima,per altri è solo un poco più che divertente passatempo da scordare in fretta,un amore che pare eterno svanisce alle prime luci di una nuova era,e noi ci roviniamo la vita pensando il perchè il nostro amore non venga corrisposto con tanta convinzione come vorremmo.Dobbiamo mantenere sempre una vigilanza assoluta sui nostri pensieri,autocontrollo.
Dico questo perchè esattamente ieri,all’ora di cena,mi si è presentata una storia strappalacrime e di difficile soluzione.Due fratelli,uno è un nostro validissimo soldato e l’altro il fratello.Quale il problema?Il nostro soldato non ha sparato al fratello che combatte nelle file delle guardie bianche.Risultato?Il fratello ha compiuto un attentato,causando la morte di diversi nostri soldati.
Avrei dovuto perdonare quel soldato davvero ottimo,fino al momento della sua ingiustificabile presa di posizione.Cosa avreste fatto voi?Come vi sarreste comportati?Facile dire che siamo dei mostri ,noi che decidiamo delle altrui vite.Ma un atto di perdonismo potrebbe risultare fatale,per altri.Oppure alla fine siamo davvero dei sadici?La fine del mondo,ci ha reso..Anzi mi ha reso più crudele del solito,lasciando libera la parte peggiore di me.Non lo so.Certe volte prendo decisioni che poi mi tormentano,ma ho imparato che tormentarsi non cambia nulla.
La decisione che prendo ,alla fine,deve sempre essere vista come l’unica.L’UNICA.

 

3

Ponte Fabricio
Non è la malattia,la morte,la guerra a far sparire le cose belle,ma l’idiozia della gente.
Lucy pensa questo mentre ammira Ponte Fabricio,per l’ultima volta.Esso è minato.Dall’altra parte c’è la banda di guardie bianche affidate a un trombone vecchio idiota,un fascistello che era stato anche sindaco della città.In epoche lontane.Hanno due cannoni,come artiglieria pesante e infatti il risultato iniziale della battaglia è stato davvero pesante e tragico.Molti i suoi uomini morti.Volavano in aria come persone e cadevano come bambole rotte di sangue,carne lacerata e ossa esposte.
La risposta al fuoco incessante,con lei che correndo in sella a Paul Ws Anderson corre a dar man forte ai soldati.Armata di motosega taglia a pezzi i corpi dei nemici,il candido malto del suo fiero destriero è inzuppato di rosso sangue.
Il nemico basa tutta la sua forza su quei cannoni,messi proprio dall’altra parte del ponte.
“Dobbiamo fermarli!”Urla a Frank.
“Finiranno le munizioni”
“Io vado.Non posso sacrificare altri uomini”
Corre a cercare della dinamite,l’avvolge con dei panni,poi si allontana verso il fiume
“Dove vai?”
“Ho una buona acquaticità,non lo sai?Sappilo”Detto questo si butta in acqua.
Le guardie bianche cominciano a sparare in acqua,cercando di colpirla.
Poi smettono.Non c’è nessuna traccia di vita in acqua.Ridono…
Lucy esce di getto dal fiume e lancia due granate contro i nemici,che vengono devastati dalla potenza dell’esplosivo.Poi veloce come un siluro si dirige verso la riva nemica.Sente che i suoi uomini stan sparando contro gli avversari impegnandoli nella lotta.
Eccoli i cannoni,i fottutissimi cannoni di Ponte Fabricio.
Due uomini per arma.Si ripara in fretta ,di fianco al primo cannone.Prepara il coltello.
“Carne di maiale bianco,per cena!”Mormora allegra
Corre contro il primo uomo .lo accoltella al cuore,il soldato lascia cadere il suo mitra di fabbricazione israeliana.Lei lo prende al volo e spara contro gli altri uomini.Poi prende la dinamite …ma accidenti,accidentaccio..Bagnate!Sente il rumore delle truppe bianche in arrivo..eccole..Che fare?Compagno Lenin non lo sapevi tu,devo saperlo io?Bestemmiando e incazzandosi ,a spinte e con grandissima fatica sposta il cannone verso le truppe in arrivo.
Prende un missile e lo mette con dolore atroce dei muscoli delle braccia e delle gambe dentro il cannone.Le guardie bianche avanzano urlano.
“Sorridete!Bum!”Dice,poi si lascia andare per terra.
L’esplosione e le urla dei nemici annientati la mettono di buon umore.Hanno vinto.
“Io ho lavorato bene per la città!”Dice il vecchio trombone fascista mentre è costretto ad attraversare il ponte minato.
“Certo,ha lavorato per sputtanarla e ci è riuscito.Ora vada,cammini sul ponte”
“Devo proprio?Lei deve prendermi come prigioniero…”
“Non credo.Noi non facciamo prigionieri.Esattamente come voi.Ci ricordiamo benissimo i cadaveri dei nostri compagni,vada…Vada razza di merda fascista!”
Piangendo e disperandosi ,l’uomo si avvia verso la sua fine…
“Una nave…Una nave a sud,o da quelle parti.Piena di aerei..”Dice il moribondo
“Cosa??????”
“Una fottuta nave,è da lì che partono gli aerei.Li stavamo aspettando!”
“Dove?”
“Non lo so,non lo so!”
“Peccato!Poteva salvarti la vita”Dice Lucy colpendo al torace con un calcio il vecchio camerata.Il quale urlando cade su una mina posizionata alla meno peggio sul ponte.Brandelli di carne e merda forzanuovista si spargono in aria.

 

Ponte Cestio

Questo ponte collega l’isola Tiberina al rione storico di Trastevere.Qui si son ritanati alcuni pericolosi assassini legati ad ambienti criminali e agenti dei servizi segreti deviati.Il cuore della città eterna è sprofondato in una sorta di osceno e vizioso inferno a cielo aperto.
Due posti di blocco,all’entrata e all’uscita,presieduti da uomini armati fino ai denti.

“C’hai ‘na sigaretta?”Domanda una guardia al suo camerata
“Si,te la do.Ma stasera,me devi portà a quer posto.’ndove sei annato l’artra vorta con li amichi tua,ah sparà ai travestiti,ai busoni eh!”
“Certo,regolare!”
Un rumore,distoglie i due raffinati signorotti di campagna dai loro ottimi presupposti per una serata all’insegna del rispetto per gli altri.
“Ma che rumore è?”
“Pare ‘na machina!”
Lucy è felicissima alla guida della sua Christine,pigia al massimo l’acceleratore e si dirige verso i malcapitati ad alta velocità.Una bentley,come quella che guidava Rhona in Doomsday!
Prende la mira e spara con la mitraglia posta sul cofano della macchina.In breve i nemici finiscono bucarellati,e poi esplodono in una sinfonia macabra di carne,sangue e ossa.
Alle sue spalle arrivano le truppe dell’esercito di liberazione popolare.
Vista la fine dei loro amici,le altre guardie cercano di fermare l’avanzata dei nemici,ma dagli sportelli anteriori di Christine escono due missili.Precisi e letali volano contro il posto di blocco,annientandolo.

Sono dentro Trastevere,e mo so cazzi tua!

La battaglia è lunga e sanguinosa.Lucy si diverte come una bambina a bordo della sua macchina a falciare i nemici.I suoi uomini si battono con orgoglio e potenza.

I capi che per molto tempo hanno torturato,stuprato,ammazzato,vengono presi e consegnati al tribunale del popolo,creato in fretta e furia per l’occasione
“Per troppo tempo qui ha governato la legge del criminale e dei farabutti.Ora ,con il pieno potere datomi dal nostro Caro Leader,giustizieremo queste persone.Nondimeno saremo molto clementi.Ci basta uno solo di loro.Come diceva il buon Mao:Colpirne uno per educarne cento..Decidete voi ,chi deve essere!”Ordina Lucy ai farabutti,agli uomini d’onore delle batterie,delle bande,esaltati dalla tv e glorificati da tanti sottoproletari.Eccoli mentre si scannavano per non morire.
Il rumore dei mitra delle guardie rosse pone fine a quel imbarazzante spettacolo,davvero indegno.

 

4

Nel sogno Lo Straniero è con lui a Isola del Giglio.La sua barca è pronta.Lei è a bordo.
“Era morta…”Dice meravigliato Kornilov
“No,non più.Zentropa l’ha guarita”

Qualcuno ,regolarmente,lo sveglia prima che egli possa andare da lei.
Alla riunione vi è L’ammiraglio,l’ammiraglio ispettore capo,l’ammiraglio di divisione.
e gli ufficiali stanno lavorando in altre stanze

“L’ammiraglio sogna.Crede davvero che abbiamo tanti mezzi,ma dove?Ormai la nostra epoca è tramontata.Abbiamo ancora armi e potremmo usare solo un’altra volta gli aerei,ma poi?Brutte notizie arrivano da Roma e non solo.D’altronde questo fetente è qui perchè suo fratello era un importante uomo politico e un altro è la nostra fonte primaria.Capo dell’opposizione che sta nascendo nella Repubblica di Stalingrado.Dovremmo colpire duro ora,che possiamo.Sarà difficile..”Kornilov smette di pensare tra sè e sè.L’Ammiraglio lo sta chiamando.

“Un attacco aereo?”Chiede quel ridicolo omuncolo convinto di essere un grande condottiero.
“Certo,ora sarebbe necessario…”Kornilov non finisce la frase
“Non c’è abbastanza carburante,i missili sono quasi del tutto finiti..Forse un attacco suicida,forse.Potremmo distruggere il quartiere generale e ammazzare tutti capi..”
“A me interessa solo una,Lucy Skywalker si fa chiamare ora.Me la rammento,ai tempi quando insegnava immersioni a Porto Ercole.Quella la dobbiamo fare schiattare!”Sbotta l’Ammiraglio.
“Vendette private?Ora?E lei mette in pericolo la vita delle persone per dei suoi problemi ?Noi dobbiamo riprendere il dominio in Italia.Non possiamo perdere tempo con le sue storie!”Zuckerberg si incazza assai eh!Kornilov lo sostiene,ma come?Qui abbiamo una colonia che si sta ristrutturando in senso socialista e questo pensa a una donna?

Però L’Ammiraglio ha la sua ragione.Prima della fine del mondo egli era un istruttore di immersioni.Piacione,superficiale,usava il lavoro per concupire le sue giovani allieve.E ci riusciva spesso e volentieri.Un giorno per una sua distrazione una sua allieva ci rimette la vita.L’unica a denuciarlo è stata Lucy.
Da quel momento lui la perseguita e l’aggredisce più volte,fino a quando in un tentativo di violenza ci rimette l’occhio destro.Cova un odio profondo nei confronti della ragazza.Saputo che ella è la generalessa delle truppe comuniste,vuole al più presto imprigionarla e torturarla fino alla morte.
“Ammiraglio!Ammiraglio!Pericolo,è in corso un ammuttinamento!”Grida un giovane marianio.
“Vabbuò,ja!Che dovimm ‘fa?”Chiede pigramente l’ammiraglio
La prima esplosione gli fa capire che la situazione è assai pericolosa.
“Gridano:”Zentropa!Zentropa!”Spiega a loro un ufficiale,Kornilov li confonde tutti quei maledetti marinai.

Ora li sentono!Sono gli uomini sequestrati e costretti con la forza a lottare nelle truppe delle Guardie Bianche.
“Lo straniero ce l’ha detto!Lui ha visto Zentropa!Zona incontaminata,pacifica,cominceremo una nuova vita!”Urla il Masaniello di turno.
“Gli aerei!Ma stanno bruciando!”Grida L’Ammiraglio,solo ora ha capito il significato della parola “ammuttinamento”
“Faccia qualcosa,imbecille!”Tuona Zuckerberg,ma il povero italiota è completamente tramortito dalla paura.Così lo sionista chiama i suoi uomini del Mossad per reprimere quella rivolta
Uno scontro feroce,duro,con i sovversivi che usano ogni arma e non si fermano davanti a nulla.La nave brucia e per spegnere gli incendi i soldati,marinai,agenti segreti sionisti devono vedersela con un ‘orda di uomini imbestialiti,senza remore di alcun tipo.
“Zentropa..allora esiste!Aveva ragione quel danese!”Pensa Kornilov ,e mentre decapita teste e amputa di arti i sovversivi ,usando un’ascia,si perde nel terribile e meraviglioso sogno di una vita nuova,con lei..Lontanti da tutti , a Zentropa.

Castel Sant Angelo-Roma

Le truppe sono allineate.Le statute decapitate,le rovine dell’antico castello ,sonmo gli unici spettatori.Lì si è ritirato l’ultimo Papa Re.Un tempo giornalista da strapazzo,bigotto,sempre in prima linea nelle lotte per la reazione,contro il progresso.Le ridicole guardie svizzere che dovrebbero difenderlo sono in misura davvero minoritaria rispetto ai soldati rossi.Una fortezza piena di storia,ora devastata dalla guerra.
L’avanzata delle truppe comuniste non conosce ostacoli,le guardie sono spazzate via dalla faccia della terra.Il Papa Re fatto prigioniero
“Quindi tu credi in un mondo oltre questo?”Chiede Lucy al prigioniero
“SI!”Risponde gonfiando il petto di orgoglio religioso l’uomo
“Dove c’è sto Dio misericordioso?Gli Angeli ,e tutto il resto?”
“Certo!Un posto dove noi vivremo per sempre nella gloria del signore!”
“E allora ,scusa,che aspetti?Non capisco come mai voi ,che siete in contatto con gli amici immaginari di Fantasilandia,non vogliate accelerare i tempi e andarvene a fanculo subito”Dice Lucy
“Come osi bestemm”Il papa re non finisce la frase.Lucy gli getta addosso del liquido infiammabile e poi lo fa flambè!
Diario Politico di Davidovic V Berjia

Le missioni procedono con successo.Lucy ha liberato le zone ancora in mano alle guardie bianche e alle forze della reazione.Ursus sta compiendo magistralmente il suo lavoro nelle altre zone pericolose.Stiamo raggiungendo la vittoria.E poi?Poi verrà la parte difficile.Basta essere ottimi guerrieri?Avere un grande esercito?L’uomo non ha bisogno anche di pace.E di elevarsi,di formarsi una sua cultura?Vorrei occuparmi di un vero progamma educativo,educare il popolo alla passione culturale per tutto ciò che è arte.Dare la possibilità a tutti di apprendere un’attività artistica,oltre che militare e di disciplina politica.
La fine del mondo è toccata alla mia non generazione.Non siamo nati per combattere ,per sacrificarci.Prima della svolta,la mia generazione si struggeva rammentando cartoni animati o pessime americanate come i Goonies,dio mio!Sciocchi che ho sempre detestato.Ma quanti ora sono in prima linea?Quanti?Molti.
Hanno risposto alla nostra chiamata.Non esistono generazioni migliori o peggiori,esistono le occasioni che ci portan ad essere o una o l’altra.

 

Vistosi in difficoltà ,le quinte colonne interne decidono-attraverso l’intervento di Lerner- di affidare il loro capo alle guardie rosse.
Il ministro delle difesa è un uomo spezzato e distrutto.Quel farabutto di un occhialuto ha imparato bene la lezione da quella maledetta generalessa.
Ogni giorno personalmente conduce l’interrogatorio.Colpi inferti con un asciugamano bagnato,che non lasciano lividi.Privazione del sonno,del cibo.

“Dunque la nave è nel golfo di napoli.Si chiama Garibaldi.Da lì partono gli aerei”Dice Davidovic in riunione agli altri membri del direttivo.
“Chi potremmo mandarci?”Chiede quel verme traditore di Lerner,che farà una brutta fine più avanti,ma voi l’avete già letto nel primo capitolo.
“Ci andremo direttamente noi.Parte già da oggi il viaggio.Avvisate il generale Skywalker e Ursus.”

 

LONDRA

Trafalgar Square è completamente invasa dai morti viventi.Il caos regna sovrano nella città.Auto abbandonate e in fiamme,autobus ,gente che corre terrorizzata e morti che divorano i vivi.
Rhona ,spaventata,armata di fucile e motosega si fa spazio sparando alla testa degli zombi e affettandoli,ma è prossima a lasciarsi andare,alla fine…Ripensa a quella ragazza conosciuta a Roma,cosa poteva essere,e come lei-spaventata da quel sentimento inatteso-sia scappata a Londra,in cerca di normalità.Invece ha trovato solo i morti.E la distruzione.
Entrando in un negozio di tecnologie avanzate cerca di mettersi in contatto con qualcuno.I rumori dell’apocalisse giungono da fuori
Nervosamente cerca un iphone,un ipad,un computer con una buona connessione.
Una mano l’afferra alle spalle.L’odore di marcio è forte.Lo zombi sta per morderla,ma lei riesce a liberarsi dalla morsa del mostro.Con un calcio alla testa lo fa volare sul pavimento.Poi prende il fucile e spara al morto.Poi si abbandona per terra piangendo e urlando.

 
La rivolta sulla Garibaldi è stata domata.A gran fatica,ma domata.
Sul ponte Kornilov guarda la foto che ritrae L’Isola del Giglio.Si ricorda di un lontano week-end in quel di Porte Ercore.Lui non è mai stato un uomo buono.Un gran torturatore,un figlio di puttana,uno che per l’espansionismo del suo paese ha creato false prove,sostenuto rivoluzioni fasulle,creato gruppi terroristici.Lui e Zuckerberg.Sempre insieme,anche ora.Però quelle giornate di pace a Porto Ercore e sull’Isola,se le ricorda..Sarebbe stato fantastico,se per tutta la vita fosse esistito solo quel John

“Pensavo ai bei tempi”Dice il suo amico sionista
“Quali?”
“Bè,ti ricordi quando abbiamo buttato giù i palazzi a New York,ad esempio.La grande svolta che il mondo,il nostro mondo,aspettava.Tanto la gente non riuscirà mai ad accettare la verità,ti ricordi?Così è stato.Vivevamo tempi confusi,ma santo cielo..Quante avventure.Io e te.Sempre insieme.”Zuckerberg dà una pacca sulle spalle a Kornilov in segno di grande cameratismo.
“Si,ed ora?”
“Questa nave potrebbe non farcela,sai?La guerra va male.Hanno ucciso il nostro uomo tra i comunisti,le guardie bianche sono disperse e distrutte.Non va bene.La rivolta a bordo non ci voleva.”
“Andiamo al porto di Livorno?Li vicino,più o meno..è sempre Toscana,potremmo raggiungere Grosseto e poi un’isola.”
“Parlate di Porto Ercore?”Interviene L’ammiraglio
“Forse”
“Signori,vi piaccia o no:qui comando io.Rispondetemi!”
“Si”
“Io lavoravo in quelle zone,avevo casa.Poi lei mi fece perdere tutto!Tutto!Pretendo la mia vendetta!”
I due uomini pensano che dovrebbero ammazzarlo,ma chi si occuperebbe di raggiungere il porto di livorno.Quel tizio aveva fatto il capitano su una nave da crociera,poi l’istruttore di immersioni,era comunque un lupo di mare.Devono per forza sostenerlo.

PARTE SECONDA

Lotta dura senza paura

ROMA-QUARTIERE GENERALE DELLE FORZE DI LIBERAZIONE

Lucy cerca di rilassarsi,dopo la missione per liberare la sua città dalle forze nemiche.Non c’è quasi più nulla della vecchia città che conosceva un tempo.La gente si ostina ancora a parlare di quartieri,vie,posti,ma la fine del mondo ha portato via ogni cosa.La rinascita sarà durissima.Londra?Forse lei ora starà con qualcun altro.Pensa che l’avrà già dimenticata.Come mai la gente scorda e dimentica tutto facilmente e lei no?Ricorda la sua casa,ricorda Porto Ercole,ricorda le sue amicizie,e i suoi amori.Tutto.Vorrebbe avere la testa piena di cazzate come Davide,che lui sopravvive così.Non sa cosa possa mancargli…
Bussano alla porta.
“Avanti”Dice
Entra Davide.
“Ciao,volevo farti i complimenti.Missione perfettamente riuscita.”
“Grazie!”
“Si,ehm..Prego.I nostri nemici se la passano male.Quanto pare aspettavano rifornimenti in armi e carburante da parte delle forze alleate americane,israeliane,europee.Non averrà nulla di tutto questo.La guerra si vince anche così,e..
“Non ti manca niente,a te?”Lo interrompe bruscamente Lucy
“Come?”
“Non ti manca mai nulla,non pensi….”
“A prima?”
“Si,a prima.”
“Bè,ecco…”l’uomo si guarda intorno,imbarazzato.
“No,forse ho sbagliato..
“No,non hai sbagliato.Solo che non mi piace pensarci,cioè:vorrei non pensarci,ma sai..La notte o durante il giorno.Mi manca andare in montagna,camminare.Ecco,quello molto.Oppure andare in un ristorante con qualche amico a mangiare,mi mancano i miei amici.Non ho loro notizie,non so nulla.Si saranno salvati?Poi,mi manca tantissimo il mio cane..”La voce del piccolo occhialuto si spezza.Cerca di riprendere il controllo.
“No,scusami..Solo che..No,davvero:scusami”
“La notte prima di dormire penso a lui.Ricordo quando lo portavo al parco,quello della mia città.Sai,quello di Monza è il più grande d’Europa. Certe volte mi dimentico come era fatto,ma io ho poca memoria..E soffro per questo.Mi piaceva accarezzarlo,e ci parlavo.Questo,quello che stiamo facendo quante volte ..Si ,parlavo spesso con lui di queste cose. E’ morto.Vorrei che una persona o un animale morto durasse pochissimo nella nostra memoria,per cancellare il dolore.”
“Ma cancelleresti anche l’amore che hanno dato e portato nella tua vita,no?”
“Già.E te?Stai pensando a Rhona?”
“Non ci vuol molto ,vero?Lo sanno anche i muri”
“Forse non si sentiva pronta,cioè…”
“Forse.Ma questo lo posso capire.Quello che non posso sopportare ,e mi ammazzerebbe,sarebbe se per lei fosse stata una cosa da poco.”
“Ma no,voi donne avete tutta quella cosa del sentimento e secoli di letteratura rosa ,e insomma ora sarà a Londra a piangere e pensare :”Che cazzata,scappare da Lucy..”Vero,sarà così!”Dice Davide
“Seee…come no!”
LONDRA

Rhona spara al morto vivente che sta cercando di banchettare con una bambina di nove o dieci anni.
“Come stai tesoro?(how are you,darling”)”Chiede la donna
“Mi ha morso al braccio (He bites my arm)”
Oh,santo cielo…Infetta..Cosa fare?Rhona non se la sente di sparare alla bambina,ma cosa può fare?
“Andrà tutto bene!Calma ora,ecco…”
“Shoot me!I’ve see on tv.To my head,now!”Dice la bambina
“Manco pe’ er cazzoa,ao!”Risponde Rhona.
Il colpo di fucile arriva da lontano,così le pare.La testa della bimba si disintegra.
“Chi è stato????Chi cazzo..”Vede degli uomini,divise militari.
“Venga con noi signorina”
Rhona durante il tragitto controlla il suo iphone,aspetta un messaggio da parte di Lucy,aspetta che venga a salvarla.E si danna l’anima per il modo in cui l’ha lasciata,fuggendo da Roma.

 

“Qualcuno,uno sconosciuto,è entrato in contatto con noi.Ha beccato le nostre frequenze e si è intrufolato”Dice un giovane soldato a Davidovic V Berjia
“Cosa vuole?”
“Parlare con la compagna Generalessa,Compagno Presidente!”
“Me?”Domanda sorpresa Lucy
“Hai anche uno spasimante?Ma la smetti di praticare la bisessualità,sai che non la tollero!”Ridacchia Davidovic
“Non tolleri niente che faccia godere la gente,sessuofobo che non sei altro..Bè,ma non sai..”
“Mi ha detto che vi conoscevate fin dai tempi di Porto Ercole”
“Porto Ercole?”Immagini di una bellissima vita ,fatta di mare e pace,irrompono nella mente della giovane donna.Giovane….
“Ok,vengo”

Lucy prende in mano il microfono e pigia il bottone per colloquiare con lo sconosciuto,chi sarà mai?Qualche suo amico,allora non tutti sono morti!
“Eccomi…”
“Ciao”Risponde lo sconosciuto.
“Sai chi sono?”
La voce non le giunge nuova,ma chi è…
“Non riesco…”
“Non riesci?O non vuoi?”
“Non voglio?”
“Non vuoi.Oppure per te è facile rovinare la vita alla gente e poi dimenticare tutto.Per me non è così!”
“Cosa vuoi,chi sei?Non abbiamo tempo da perdere…”
“Antonio Sciortino,non ti ricordi?Porto Ercole?”
L’istruttore di immersioni
“Si,ora ti ricordo”
“Bene,molto bene.Mi sono imbarcato su questa nave,una nave da guerra sai?Mio fratello mi ha sempre aiutato e mi ha trovato un posto,qui.Ma non potevo fare il capitano,e lo ero pure stato,no..In cucina mi hanno mandato.In cucina a fare il cuoco.Dopo anni di galera,di vita difficile,era la soluzione migliore.Ma ora ne ho una bella assai.Ti bombarderò il culo ,cara mia.Ti aspetto,sai?Stiamo andando a Livorno.L’ultima corsa,avete vinto.Niente benzina e allora addio alle motovedette e agli aerei.Ci sono ammuttinamenti,scontri,ma non mi interessa.Ora siamo in viaggio,arriveremo a Livorno.Poi io sarò a Porto Ercole,i miei amici Kornilov e Zuckerberg,facciano quello che vogliono ma io,sarò li.Ti ammazzerò.Mi hai cavato un occhio…
“Volevi violentarmi,non lo ricordi?Ci sarò anche io.Ho avuto rivali peggiori”
“Davvero?Non lo so.Però ti devo anche ringraziare sai?”
“Perchè?”
“Conosci,una certa…Erika?E una Roberta?Una Elisa?Non sono mica tutte tue carissime amiche,vi chiamate così tra di voi?Bè,diciamo che con loro ho fatto quello che volevo fare a te,e poi le ho ammazzate.AHAHAHAAHAHHAHHA!”l
Lucy toglie la linea,rimane ferma.La rabbia,il dolore,son troppo forti.
Per due interi giorni pensano un piano per distruggere quella nave.Altri cinque per recuperare il materiale.Sono pronti allo scontro.
“Io vado,tu devi rimanere qui.Ok?La nostra gente ha bisogno del suo Caro Leader a Roma,non devi rischiare..”Spiega Lucy a Davide
“Si,ho capito!Noi occhialuti non siamo uomini di azione e quindi…”
“Quindi,rimani qui!”
“Ok,ok,rimango qui..Anche se devi ammettere che come alunno imparo in fretta.Insomma saprei anche..”
“Certo,sei un vero guerriero,caro!Ma rimani qui.Cosa non capisci nella frase:rimani qui?”
“Ok,ok.Nessun problema.Ok”
“Non ci sono quelle persone,bambini e ragazzi che son scomparsi da questa città,dopo aver incontrato uno sconosciuto?Indaga su questo”
“Va bene,va bene…Però…Osserva il cielo,se hai bisogno di un amico ok?”
“Certo,lo farò.Generale Bernacca!”
Lucy si allontana,raggiungerà i suoi.
La Garibaldi non è attraccata al porto,si trova un po’ fuori nel mare aperto.6 motovedette della capitaneria di porto fanno maldestramente da guardia.
A bordo di una di esse,un marinaio fuma distrattamente una sigaretta.Livorno gli ricorda un’estate lontana e un amore estivo,sorride malinconico a quel ricordo.
Il bagliore nel cielo è violento.Il mare,buio e scuro,improvvisamente si illumina a giorno.Una ventina di imbarcazioni e una trentina di moto d’acqua sono davanti a loro.
“Monica…”Sussurra il poveraccio,mentre nervosamente cerca di caricare il suo mitra.Il collega anche lui terrorizzato ha solo il tempo di urlare:”ATTENTO!”
Lucy si sta dirigendo a bordo di una moto d’acqua ad alta velocità contro i due malcapitati.Impennata e il mezzo si trova a bordo della motovedetta.Il povero soldato malinconico,ridotto in poltiglia dallo scontro con la moto d’acqua.
Lucy spara con la pistola al collega sfortunato del morto.
La battaglia è cominciata.

Le altre motovedette sono arrivate e cercano disperatamente di affondare le imbarcazioni nemiche.Lucy dirige la barca che ha conquistato verso il fianco sinistro della grande nave da guerra ,poi si butta.L’impatto è duro e devastante.
Dalla nave intervengono i marinai a bordo e sparano sulle forze progressiste guidate da Lucy.Qualcuno dei soldati è colpito e cade in mare morto,ma i rimanenti danno battaglia

“Stiamo affondando!”Qualcuno urla a bordo della Garibaldi.Gli uomini corrono in tutte le direzioni da poppa a prua,il panico regna sovrano.

“Dove è Sciortino?Dove Kornilov?”Grida Zuckenberg.Ma non riceve risposta.Chiama i suoi uomini a raccolta ed è pronto allo scontro con quei maledetti comunisti!

Lucy salta da una nave all’altra,veloce e spietata.Le carcasse di imbarcazioni in fiamme illumina la notte.
“Eccola,spara”Urla da una motovedetta,l’ultima rimasta .Un soldato a un suo collega.Lei si trova bordo di un’altra nave.Si lascia scivolare sulle ginocchia ,prende la pistola e mentre i proiettili della mitragliattrice la sfiorano,lei spara ai soldati.Uccidendoli.
“Cosa succede?”Chiede furibondo Zuckerberg ai soldati che stanno sparando dal ponte alle imbarcazioni sottostanti.
“Tutte le motovedette perse”Risponde il giovane marinaio.

“Cosa hai intenzione di fare?”Chiede Frank a Lucy
“Immersione,non vedi?Con queste!”Dice lei,mentre mostra due bombe al suo carissimo amico.
“La farai affondare,ha già un grosso problema sul lato sinistro..Imbarca acqua”
“Bè,diamo una mano al naufragio,no?”
Calma assoluta,totale.Gli abissi marini sono la sua seconda casa,o forse addirittura la prima.Si trova ora sotto la nave.Posizione le bombe e torna in superficie.Potesse rimanere sempre là sotto.

“Esploderanno?”Chiede Frank
“Certo,sono bombe.Però,pensavo,non ti piacerebbe fare un arrembaggio stile fottuti pirati,o corsari…sai il film di Renny?”
“Un’idea pericolosa e stupida…..Ma io amo le idee pericolose e stupide!”
Mentre i marinai sono impegnati a respingere,maldestramente,l’attacco dell’armata rossa,anzi della marina rossa, un uncino trova sostegno in una balaustra della nave.Lucy si sta arrampicando sopra.

“Forza di qui,di qui!”Urla un marinaio,richiamando i suoi compagni a rafforzare la difesa.
Si trova davanti la nostra generalessa.Cerca di colpirla sparandole con la pistola ,lei evita le pallottole spostandosi velocemente a destra e sinistra.Poi da un calcio alla mano che tiene l’arma.Il marinaio perde la presa e fissa la pistola che vola in aria e poi ricade nelle mani di Lucy.
“Di:aaaa!”Mormora lei sparando in testa al tizio.

Zuckerberg e i suoi uomini si sentono soli e abbandonati.Cercano di organizzare la difesa ma non possono nulla.Il mare è di fuoco,carcasse della flotta bianca che tristemente affondano.

Lucy cammina sul ponte della porteaerei.Intorno nemici che scappano,che sparano contro di ella,ma le pallottole la sfiorano,mentre tranquilla e determinata cammina verso i poveretti destinati a una pessima fine.Improvvisamente un dolore lancinante alla schiena.Si ritrova a scivolare lungo e distesa.
“Avanti,ti faccio vedere come noi del Mossad sistemiamo le comunistelle come te”L’uomo alto,pelato,classica faccia da cazzo,saltella come un simpatico pistola davanti alla Generalessa,che si alza guardandolo schifata.”Idiota,perchè non hanno il senso della misura”,pensa Lucy
Con due balzi si trova in aria,all”altezza della testa dell’uomo.Un colpo violento alla tempia sinistra,ma viene bloccato.L’uomo gli afferra la gamba per spezzargliela,ma lei con una giravolta,lo colpisce in testa facendolo cadere.Un colpo di bazooka sparato da una nave della sua flotta le fa perdere l’equilibrio.Cade di schiena.L’agente del Mossad ne aprofitta per saltarle adosso.Quando dal cielo un rombo assordante conquista l’attenzione di tutte le fazioni in lotta!Un elicottero,mezzo scassato si trova sopra alla nave
“Oh,mio Dio!”Grida Lucy
“Cosa?”Chiede frastornato l’uomo
Davidovic si trova a bordo del mezzo e cerca di dominare ,con la sua scarsa forza,una potentissima mitragliattrice.Il caos s’impadronisce della portaerei.Una pioggia di proiettili alla cazzo di cane falcia ,per puro caso,un fottio di nemici.Anche l’agente del mossad viene crivellato e ridotto a brandelli,purtroppo pure Lucy rischia di fare la stessa fine.
“Occhialuto del cazzo!Ma perchè non sei rimasto a casa con i tuoi libri di merda!”Urla la donna mentre a zig -zag cerca di evitare i proiettili.
Poi,grazie a dio,la munzioni finiscono e..
Davidovic si getta dall’elicottero,sparando a ripetizioni con un fucile.
“Questo cretino vuole ammazzarsi”Dice Skywalker mentre si lascia cadere in ginocchio.Le urla alle sue spalle la costringono a girarsi.Un uomo,un altro agente del Mossad,colpito in pieno dalle pallottole del fucile di Davide.
“Ehi,ci sa fare la pulce!”Ridacchia Lucy.
L’occhialuto atterra con falsa leggiadrie e reale goffaggine sul ponte della nave.
“Non dovevi stare a casa?”Gli domanda sorridendo la Generalessa.
“Non c’era niente in tv,e sai..Rischiare di farsi ammazzare è sempre meglio di niente,no?”Risponde lui.
Ora camminano a fianco a fianco,come due del Mucchio Selvaggio.
“Hai una sigaretta?”Chiede lei
“Si,eccola”Lui le offre un sigaro
“Cazzo,ti tratti bene?”
“Si.Bè ,sei pronta?”
“Pronta!”
“Anche io ..BORN TO RAISE HELL…BORN TO RAISE HELL WE KNOW TO DO AND WE DO IT REAL WELL!!!”Si mette a cantare Davide
“Oh,cazzo..Ma lascia stare i Motorhead”
Poi correndo e caricando i fucili si dirigono verso le ultime,numerose,agonizzanti forze nemiche,(immaginateli mentre avanzano,sparano,zompano,con in sottofondo questo http://www.youtube.com/watch?v=8VXy4Z6IkWQ)
Tre marinai e un agente del Mossad si lanciano contro Davide,lui memore delle lezioni di Lucy,si lascia scivolare e spara con due pistole che recupera al volo dalle mani di due nemici morti ,colpendo a morte i marinai.La corsa si ferma sotto il “pacco”del sionista
L’uomo ride:”E ora pulce?”
“Mai sentito farinelli?”Chiede Davide sparando ai gioielli di famiglia del mossadiano fetente.Poi ,mentre l’uomo crolla in ginocchio,lo colpisce violentemente con un calcio roteante,volante
“sI!!!!SIIIII!!! “Urlacchia contento
Lucy evita diverse pallottole volando da una parte all’altra,sparando al volo ai soldati e agli agenti del Mossad.
“Tutto bene?”Chiede Davide mentre arriva di corsa
“Si,prendi”dice Lucy gettandogli al volo un fucile .Davide lo prende e ricambia buttandole una pistola.Lei la prende e poi al volo si gira ,scaricando il caricatore contro un marinaio che si era finto morto per spararle alle spalle.
Zuckerberg è spaventato. Solo lui e dieci suoi uomini sono rimasti vivi,dal mare arrivano proiettili e sulla nave quei due maledetti avanzano portando la morte tra i nemici.Senza pietà,crudeli,spietati,angeli della vendetta .
“Fratello non temere che corro al mio dovere..Trionfi la Giustizia Proletaria!Trionfi la Giustizia Proletaria!Trionfi la Giustizia Proletaria!””Canta Davide
“Cristo sto facendo la guerra con a fianco il Festival di Sanremo?”Chiede Lucy.
Due fortissime scosse fanno perdere l’equilibrio ai due
“Oh,Cristo..le Bombe!”Urla Skywalker
“Che cazzo di bombe,ma che cazzo stai dicendo?”
“Ho messo delle bombe sotto la nave,e…Bè,le ho pure aperto un bel squarcio sul lato sinistro,ecco..”
“Non dirlo…”
“Ok,ma ti conviene imparare a nuotare in fretta ok?”
“Perchè?Sei una donna,hai naturalmente le boe di salvataggio,mi attaccherò…”Non finisce la frase lei lo colpisce allo stomaco con una gomitata.
Non sapendo cosa cazzo fare,Zuckerberg tenta di scappare salendo sull’unica aereo rimasta sulla portaerei,(le altre son state distrutte durante l’ammuttinamento),
“Prima di farci un bel bagno però..”Lucy prende un bazooka dalle mani di un soldato morto,trova il missile lo carica
“Senti occhialuto,sei capace di mirare un aereo?”
“Non sono cieco,cazzo ho ben quattro occhi!Casomai non ci avessi fatto caso!”Ribatte lui
“Ok ,fammi vedere”Lucy getta la volo l’arma a Davidovic,il quale come al solito la prende maldestramente in mano,clicca sul grilletto e il missile parte
“Noooo,cazzo!”Urla Lucy.Il missile procede a zigo e zago,alla cazzo di cane.
Zuckerberg ride,poi…
“BUUUUUUUFOTTUTOBUM,TESTA DI CAZZO!”Urla Davidovic V Berjia
Lucy gli batte il cinque
“Ok,quindi..Ci buttiamo?”Dice lei
“Come?Una scialuppa,no so…”Lei lo afferra e si getta di forza fuori dalla portaerei.
“Deeevo sentire il mio avvocato!”Urla Davide.

Con rumori sinistri di distruzione e morte la nave affonda inghiottita dagli abissi.

 

2

Starnutisce forte Davide
“Cazzo,due secondi in acqua..”
“Sono un uomo di montagna,cara mia!Di fottutissima,rocciosissima,montagna!Ok?
Frank e Ursus ride,pure Paul Ws Anderson se la ride,alla maniera dei cavalli,ma pure loro ridono quando vedono gli occhialuti eh!
“Kornilov e Sciortino si son salvati,ma sappiamo dove stanno andando.”
Spiega Frank
“Porto Ercole”Mormora Lucy
“Esatto.Sciortino,sicuramente”
“Finto il mondo,finiranno anche i miei nemici.Andiamo a sistemare anche questo stronzo,va!”Lucy si stiracchia ,come se fosse annoiata da queste cose.
“Ti serve una…eee…eeee.ciùùùùù”La risposta di Davidovic giunge chiara e ricca di germi.
“No,hai già fatto fin troppo.Grazie.Te lo dico sul serio,ok?”Dice lei
“Cerca di tornare sana e salva,ok?”
“Ok,e per cosa?”
“Forse da Londra,arriverà una persona.Frank l’ha contattata.Non ho capito come,ma ce l’ha fatta!”
“Telefonando,potrei dire”
Lucy si sente il sangue ridere nelle vene,il cuore che pompa sangue e gioia,corre contro al suo amico abbracciandolo
“Grazie Frank!Ho un motivo in più per sbrigarmi”.

Così Skywalker lascia ,cavalcando Paul Ws Anderson, la sua base.Direzione:Porto Ercole.
PARTE TERZA

PORTO ERCOLE

Pagherete caro,pagherete tutto.
Un silenzio inaturale,popolato da urle silenziose,e umanità spazzata via senza nemeno il tempo di pentirsi copre Porto Ercole.
Lucy cammina spaesata,prigioniera dei vecchi ricordi e della situazione che si trova a vedere con i suoi occhi.Nessun vociare di turisti e abitanti,battelli che vanno e vengono.La vita insomma…
Il Palazzo dei Governanti,mezzo distrutto,come se qualche malato di mente l’avesse bombardato.Un rumore furtivo,alle sue spalle..Si gira e vede un’ombra qualcuno che fugge.Per istinto la segue,dove sta correndo?Segue la sagoma correndo a perdifiato tra i vicoli,stanno salendo.Si ricorda:la chiesa di Sant’Erasmo.
Ecco,ora la vede!Una giovane donna.Lucy,la ferma davanti alla porta della chiesa.
“Cosa succede qui?”Domanda
La ragazza non favella,troppo terrorizzata,timobonda.
“Ti ho chiesto,cosa cazzo succede qui?Ho visto Il Palazzo ..chi l’ha bombardato?”
“Io.Io..Io non sono di qui!Lui mi ha detto che da questa parte sarei andata a Zentropa!Invece…Siamo chiusi nella Rocca,perchè qui è pieno di morti viventi..LUI RIDE!”
“Di chi parli?”
“LARS!EGLI ..è..è..MALVAGIO!Mi..Ci ha ingannati..qui non c’è nessuna salvezza,solo morti e ..Ssshhhhh…Hai sentito?”
“No”
“Questo lamento?Le voci…loro sono qui..sono..dovunque..La gente di questo posto è diventata tutta come loro!”
Lucy pensa ai genitori,alla sua vita allegra in quel posto.Le lezioni di immersione..Di immersione?Sciortino!
“Hai forse visto un uomo..Alto ,capelli ricci neri,abbronzato,vestito forse da militare…”
“No,ma i militari ci sono..Stanno nella zona dello Sbarcatello,hai presente quella fortezza a sei punte…”
“Si,si la conosco.Di fronte all’Isolotto,dopo la discesa della spiaggia delle Viste.Militari?”
“Quelli sono peggio dei morti…Ma non senti…”
Ora le pare di aver udito qualcosa.Un rumore:sordo e pesante
“Viene da li dentro,dalla chiesa”
La ragazza si allontana impaurita
“C’è qualcuno qui?Sai se forse dei sopravissuti..”
La ragazza non fa altro che indicare spaventata l’entrata.
Pum!Pum!Pum!
“aiuto…aiuto..”Una voce,flebile,lontana…Forse solo immaginata.
Lucy d’istinto apre la porta…
Mani bramose di cibo,bocche putrefatte in cerca di carne,ecco cosa nasconde quella maledetta porta..I morti però son vestiti in modo assurdo…I Governanti spagnoli.
Escono alla luce del giorno cercando cibo,dopo secoli che la morte li aveva protetti dal demone della fame.
La ragazza spaventata cerca di scappare,ma dalla strada sbucano altri cadaveri ambulanti,questi dai vestiti dovevano essere dei turisti e abitanti della zona.La afferrano per le braccia e la trascinano via.Lucy la sente urlare.
Prende la spada giapponese che si è portata apresso e comincia ad infierire sui morti.Decapita,amputa.Quelli avanzano,ma lei con determinazione colpisce quelle sataniche creature.Una mano le afferra la caviglia cade per terra.La ragazza ,sbranata e sbrindellata è già diventata una dei loro,cerca di mordere Lucy,la generalessa infila la canna della pistola in bocca alla giovane morta vivente e spara.La testa esplode.Poi scarica il caricatore sulle teste dei morti rimanenti..Si rialza e corre in paese:ha lasciato Paul Ws Anderson da solo.
Mentre corre,le pare di sentirli i morti alle sue spalle.Corre sempre più velocemente,con la coda di un occhio vede abbandonata una bicicletta.Una bmx,chi cazzo la usava?La prende e con un balzo si ritrova a pedalare velocemente.
Militari,quel misterioso individuo ,Lars, cosa succede in quel posto?
“Ferma!Ferma o sparo!”Urla un uomo.Un soldato.Non fa in tempo a frenare che una jeep le taglia la strada,facendola rotolare sul cofano e poi cadere in terra.

 

2-la fortezza Forte Stella

“Chi è lei?”Chiede un uomo,un tenente quanto pare
“Generale Lucy…”
“Generale?Lei?E di quale esercito di massaie …”
“Nessuna massaia”
“Signore!”
“Lei come gradi è sotto di me,esigo di parlare con…”Lo schiaffo la zittisce
Sente l’odore del sangue in bocca
“Se prima volevo solo ammazzarti,ora hai appena vinto il gran premio:Morirai morendo”Dice con tono di voce cattivo la donna.
“Certo,certo,stiamo tutti tremando!”Ridacchia l’uomo.
Due soldati semplici la prendono e la portano via.
“Porte Ercole è la nostra terra.Qui noi manteniamo in vita la gloriosa tradizione del militarismo,delle regole,della disciplina.Solo il soldato sopravvive alla fine,non i civili.I nostri nemici sono tanti… (“Mai quanto i miei”Pensa beffarda Lucy)per questo la legge marziale è l’unica legge che ci protegga dai morti.E da quelle bande che ci rubano i civili,i nostri schiavi!”Il vecchio Generale tuona a fatica ,arrigando una piccola folla di soldati dalle divise lacere.Nessuna traccia di schiavi.Forse un tempo anni fa.
“La prigioniera appartenente all’esercito nemico dei comunisti,i veri e unici responsabili della fine del mondo,venga giudicata da una giuria di militari e condannata alla fucilazione.
Lucy sente una mano che la sta palpando,sulle prime vorrebbe spaccare la faccia a quel maniaco,ma poi si accorge che quella mano sta tagliando il nastro isolante che le blocca la mano.Un soldato,forse giovane.Nato e cresciuto nei giorni neri dell’apocalisse.Le sorride.Lei ricambia.Lui avvicina la sua coscia destra a Lucy…Le sta offrendo la pistola.Lei afferra l’arma,butta per terra il soldato che l’ha liberata e poi spara allo sparuto drappello di soldatini che la circondano.Riesce ad ammazzarne diversi.Evita per miracolo proiettili che la sfiorano graffiando la sua pelle.
Il vecchio Generale chiama le truppe d’assalto e quelle entrano.Dieci marcantoni,possenti,robusti..
“E mo so cazzi”Mormora Skywalker.
Si alza,getta via la pistola…
“Avanti il primo!”Urla
Un tizio muscolosissimo,capelli rasati e faccia minacciosa le si avventa contro.Lei lo lascia avvicinare poi con eleganza,facendo una piroetta ,volteggiando nell’aria, lo evita.Toccando il pavimento afferra una pistola dalla mani di un soldato morto.E spara alla schiena del rincoglionito che ancora corre .corre,ma dove cazzo correva?
Si avvicinano due tizi ,identici..Gemelli.

“I Barbarians…Sono tra i miei uomini migliori!Nessuno è riuscito a fermarli”
I due si lodano da soli facendo guizzare i muscoli pettorali e mettendosi in posizioni plastiche da body builder..
“Ma che cazzo fate!Dovete menà,mica stamo a ‘ffa i campionati di body buildinghe!”Urla il Generale.
I due si gettano contro Lucy .Lei si dà una forte spinta di reni e si alza dal pavimento fino ad arrivare all’altezza delle teste dei gemelli Barbarians.Due calci violenti sul muso dei due bambolotti gonfiabili.Le loro testa si sfasciano,come se fossero di cartone.
“Belle merde ,i tuoi campioni!”Urla Skywalker al Generale.
Tre delle truppe d’assalto cercano armati manganello si gettano contro Lucy.Una raffica di mitra..Il soldato che l’aveva salvata prima,ha eliminato quei tre bastardi.
“Traditore!Fermatelo!”Ordina ai tre sopravissuti il Generale,ma quelli se la danno a gambe.Poi si sentono che urlano .Gride terrificanti.Braccia,gambe,teste,volano nel luogo dove si trova Lucy e il soldato amico.
“Ahahahahahha!Eccolo,la mia arma segreta:Machete!Finiscili”
“Machete?Figata!”Grida Lucy,che è una bravissima soldatessa,ma ahimè talora ha gusti cinematografici che mi lasciano inorridito,detto con massimo rispetto eh!

L’uomo entra.Faccia da assassino spietato,lunghi baffi,capelli lunghi e neri raccolti in un codino,eccolo Machete
Lucy dà un calcio al manico di un manganello,appartenente a un membro delle truppe d’assalto,l’afferra al volo
“Brutti tempi,quelli dove una ragazza deve maciullare i suoi eroi!”
Machete corre facendo girare per aria la sua arma di distruzione.
Lucy va incontro al nemico.Scivolata,manganello alzato direzione ginocchio.Pam
Sente l’osso che si spezza.Machete frana a terra.Si rialza ,zoppicando,ma non si lamenta.Un vero duro,minchia!
Tenta di colpire alla testa Lucy,ma lei si abbassa e gli tira quattro violente manganellate al ventre dell’energumeno
L’uomo crolla per terra.Lucy afferra al volo il machete.
“Matame”Dice con voce calma,non rassegnata,ma pacifica di chi accetta la sua fine ,Machete
Lucy con un colpo violento al collo lo decapita.
“Crepa vecchio di merda!”Urla il soldato sparando con un m-16 al vecchio Generale.
La testa ,il torace,i vecchi e appassiti coglioni,del vecchiaccio esplodono,si spappolano.
“Andiamo via da qui”Dice Lucy

“Nella Rocca, ci sono dei ragazzi e ragazze.Prigionieri.Lars è un folle,a volte lo sentiamo piangere per ore,altre volte ci picchia,altre volte ancora è dolcissimo con noi.Malvagio,ecco..Mia sorella è con lui,a me han rapito i militari.”Spiega il giovane

3

Porto Ercole è pieno di morti viventi.Davvero ci stanno tutti in quel posto?Lucy e il soldato sparano ai cadaveri ambulanti
Molti si portano a presso,trascinandoli stancamente,i trolley da viaggio..Alcuni indossano una muta da immersione.
Lucy spara alle bombole dell’ossigeno di uno zombi-sommozzatore-subacqueo,il quale esplode in mille pezzi.Lei ride divertita!
Un nitrito..Possibile?
“Paul!!!!!!!!!!”Grida Lucy
Lo stallone bianco corre come verso la sua padrona.Travolgendo,calpestando
distruggendo,orde di morti viventi.
Con un balzo la giovane donna è in groppa la suo cavallo,aiuta il giovane soldato a salire .Sparando a destra e manca eliminano zombi a tutto spiano.
“Anche da noi sono scomparse delle persone.Zentropa,questo sappiamo.Si trova qui,dunque?A casa mia?”Chiede Lucy
“Abitavi qui?”
“Tanto tempo fa”
“Cosa facevi?”
“Immersioni.Era bellissimo,tanta gente non si rende nemmeno conto di quante cose bellissime si trovano qui negli abissi.”
“Hai ragione.Mi piaceva anche a me nuotare.”
“E poi …Volevo fare cinema,sai?”
“Attrice?”
“No,regista.Come il mio idolo Katryn Bigelow”
“Point Break”
“Si,si.Non solo,volevo..”Lucy sente le lacrime correre sulle sue guancie.Tempi che non torneranno più.
Arrivano alla Rocca.Anche lei è stata bombardata,devastata.
“Tommy!Tommy sei tornato!”Una voce gioiosa.Un giovane .Alto,biondo,pallido.
“Ciao Alessandro”
Tommy corre ad abbracciare il suo amico.Per tutta risposta quello lo accoltella mortalmente
“Portatemi lei”Un uomo imponente,poco distante dà l’ordine
“Vieni con noi,sei non benvenuta!”Ridacchia l’uomo.
All’interno della Rocca c’è una lunga tavolata.
Lars siede a capo tavola.Mangia e beve con estrema violenza.Gli occhi ridono,divertiti e sadici.
“Non capisco,questa vostra stupida mania di sopravvivere.Vedi,tutta questa gente?Illusi.Uno racconta a loro una balla e quelli ci credono!Però…Zentropa esiste,perchè no?Una zona che si sia salvata da tutto questo?Non importa.La cosa importante è che IO SO LE COSE.Non questa stupida gente.”Ho perso la famiglia,piagnucolano!”E allora?Anche io.Mia madre sul letto di morte,mi disse che mio padre era un altro.Un tedesco di merda,nemmeno ha voluto ricevermi.Come si può mentire a un figlio per così tanto tempo?Eppure lo fanno.Non lo so,dovrei rimpiangere quel mondo?Quei tempi?No.Qui metto in pratica quello che mettevo nei miei film,mi diverto , mi prendo gioco del mio pubblico.Loro lo sanno,e sono lieti.Non tutti,questi e tanti altri…Poveracci…Idioti,come un mio film…L’hai visto?Non rispondermi,non me ne frega un cazzo.”
“Davide stravede per questo?Bè stravede anche per Nolan…Poveraccio!”Pensa Lucy,oh quella che non ha ancora compreso la propaganda spielberghiana,pensa in quel momento-telepaticamente-Davide
“Puoi fermarti qui..E Venerarmi.Oppure andartene.Ci sono morti dovunque..Ne ho mangiati un po’..Non male.”Lars si alza.Una montagna di sadico piacere nel vedere gli altri stare male,ma anche l’unico vero,autentico,potente,genio cinematografico degli ultimi 30 anni.
“Credo che ti ammazzerò,poi piangerò un po’ sulle mie disgrazie,e poi amerò profondamente i miei ragazzi.Non ho ancora deciso in che ordine farò queste cose!”Dice Lars avvicinandosi a Lucy.
Lei evita miracolosamente il colpo di piccozza sulla testa
“Hai scritto una recensione di Antichrist,dove si capisce che non HAI CAPITO UN FOTTUTISSIMO CAZZO FOTTUTAMENTE CAZZUTO!”
“Vaffanculo poser delle mie palle!Grida Lucy gettando la sedia contro il danese.Lo colpisce ,ma lui non sente nulla.
“Non hai capito la poetica,l’universo che ho voluto rappresentare,solo con il batman di nolan sei arrivata oltre!”E vai di piccozza Lars!Vaiiii!
Lucy evita i colpi.Con violenza colpisce al volto e allo stomaco il danesone.
Quello però procede lo stesso.
“Maddo ti sparerei con un cannone sul set di un mio film,maddo…Così capiresti cosa vuol dire esser un genio,un impostore,un bambino spaurito,un assassinoooo”Lars ferisce di striscio la donna al braccio destro.
Lei decide di averne fin sopra i capelli di quel tizio e ripetutamente e velocemente lo colpisce al volto con una serie di calci volanti.Nulla
“Va bene,mi son stancato.Questa violenza mi fa venire voglia di piangere,vattene..Vatteneeeee”Urla piangendo Lars.Lasciando sola Lucy.
4
Il porto.Dove c’era la barca.Dove c’era suo padre.Lo sente ridere.Non vorrebbe.Ma non può farne a meno.
I ricordi tornano a tormentarla.Si vede mentre gira un videomusicale con il suo gruppo,si rivede la prima volta che è uscita con una donna e non per una serata tra amiche,rivede i suoi amici,e poi arriva lei:Rhona
Risente le sue mani,la sua bocca,quanto è durato?Poco,troppo poco.Ma non così poco da esserselo dimenticato.Come potrebbe?Ora lei tornerà.Come cazzo ha fatto Frank a contattarla?
Lucy ride felice.La vita continua anche quando il mondo finisce.Perchè finisce un mondo,e nascono altri.
Mentre è persa nei suoi pensieri,delle mani l’afferrano -uscite dall’acqua-e la trascinano dentro il mare.

Orribili esseri con la muta da sub,zombi sommozzatori.Lei tenta di lottare nell’acqua,ma è difficile.Le creature stanno per attaccarla,quando un branco di barracuda si avventa su alcuni di essi.Una lotta tra predatori crudele.Lucy ne aprofitta per attaccare con il coltello i morti viventi e anche i barracuda..è rissosa eh!E le piace stare in mezzo alla bolgia!
Da sopra il mare arrivano a velocità delle pallottole.Lucy è leggermente colpita alle spalle da due di esse.I morti e i barracuda ,colpiti sprofondano negli abissi.Lucy risale
“Finalmente ci incontriamo”Dice Sciortino.Puntandole un m-16 all’altezza della testa.

5

A bordo del motoscafo di Sciortino .
Lucy è prigioniera,da quanto ha capito deve raggiungere Isola del Giglio.Li si trova un suo amico Kornilov.
“Impazzito!Colpa di un danese,un tipo strano..E dell’amore”Ridacchia il porco.Lucy sente ancora le sue mani addosso.Maledetto!
“Ah.L’isola è piena zeppa di morti eh!Tanti,e pippistrelli mutanti..Un vero inferno,il mio amico coglione vive barricato nella sua barca.Magari ci spara ,magari no!Si trova alla spiaggia delle Canelle.Noi però andremo in un altro posto tesoro.Lo scoglio del corvo”

 

“Mi hai rovinato la vita in mare e in mare me la riprenderò”Dice Sciortino mentre si prepara per l’immersione.La corrente è molto forte,solo per sub esperti.
“Dovevo ammazzarti l’altra volta”Ribatte Lucy
“Non l’hai fatto e io mi son divertito a fare a pezzi le tue amiche.Ora farò lo stesso con te!”
L’abisso li inghiotte e la forte corrente non facilita per nulla lo scontro.Armati di coltelli i due si attaccano e finiscono sballottati da una parte all’altra in balia delle correnti.Faticosamente Lucy cerca di salire in superficie.Sciortino la ferisce a una gamba di striscio ,lei risponde colpendolo di traverso al torace,una lieve ferita.In superficie.Va verso la riva.Lui la prende da dietro.Le punta la lama alla gola.
“Sei mia ora, devo finire quello che ho cominciato l’altra volt…”Improvvisamente si blocca e urla.L’acqua alle sue spalle si tinge di rosso…Qualcosa sta divorando L’uomo .Lucy colpisce con violentissime coltellate la testa del manigoldo ,aprendola,poi lo lascia sprofondare.Con la coda dell’occhio vede la creatura:è gigantesca,titanica,ha tantissimi tentacoli e ad ognuno di questi tieni legati degli esseri viventi..Lucy non potrebbe girarlo,ma il grande occhio giallo con la pupilla nerissima come la notte più minacciosa,le sta facendo l’occhiolino.

“Il dio degli abissi rispetta chi ama il mare e le sua natura maligna ed affascinante”Dice un uomo a bordo di una barca:Kornilov.
Epilogo.

Cara moglie,io prima ho sbagliato
Di a mio figlio che venga a sentire
cosa vuol dire combattere per la libertà

Ivan della Mea,Cara Moglie.
“Lei,amava questi posti e ora…Morti viventi,mostri….Il tizio mi parlava di Zentropa,dove l’avrei rivista..Ma d’altronde io,si io,non ho mentito per tutta la mia vita.L’impero americano.Un macello di libertà,democrazia,eppure tutti a vederci come un esempio.Per forza,eravamo bravi a mentire.Molto bravi.Ma quando la menzogna la vivi sulla tua pelle.Non è così bello.”La barca a vela a motore prende il largo dall’Isola del Giglio.
Frank guida il motoscafo con a bordo Davidovic.L’Isola del Giglio è stata un’avventura massacrante.Una battaglia cruenta contro i morti viventi.
Davide ancora sta male a pensare ai suoi uomini divorati vivi dai pipistrelli mutanti ,a come per culo lui si sia salvato I morti che sbranano i cervelli dei suoi soldati,una battaglia spietata.Lui con motosega e fucile fa a pezzi gli zombi e colpisce i pippistrelli,Frank molto abile conduce gli uomini alla vittoria.
Poi la scoperta:hanno rapito Lucy.
Frank ha messo un …Davide non ha capito un cazzo,ma ha che fare con un braccialetto che indossa Lucy.

“Eccola!”Grida Davide,caricando un AK-47
“Cosa hai intenzione?”Urla Frank mentre vede l’occhialuto mettersi a prua ,pronto a saltare
“L’angelo sterminatore!”Ordina Davidovic
“Cazzo!”Frank frena velocemente
Davidovic vola verso la barca sparando a ripetizione contro Kornilov.
Il volo finsce con un :”cazzooooooo” di davide mentre va sbattere maldestramente contro il fianco sinistro dell’imbarcazione.
Lucy lo prende al volo prima che possa cadere in acqua.
Frank vede la nave andarsene ,ha poco carburante,non può raggiungerli.

Kornilov punta l’m 16 contro i due.Sorride
“Così tu sei il capo dei comunisti?Hai fatto fuori i miei uomini per mezzo di questa donna?”
“Si,con piacere.La nostra Repubblica Socialista,sta avanzando.Voi siete tramontati.Che effetto fa?”Risponde sprezzante Davide
“L’effetto che voi due siete disarmati e io no”
“Questo ancora per poco”Lucy getta con velocità un coltello al polso dell’ex agente della c.i.a capo delle guardie bianche
l’M -16 cade sul pavimento della barca.Kornilov ,Lucy e Davide si gettano per afferrarlo.
La mano di Lucy arriva prima sul grilletto,sopra alla sua si pone quella di Davide.Sparano contro Kornilov.Bucandolo,spappolandolo,decapitandolo.
Riducendo la testa un ammasso di poltiglia maciullata.

“Ok,è finita”Dice Davide.
“Non proprio”Ride Lucy
“Perchè?”
“Ho messo una bomba prima,mentre Kornilov non mi guardava eh…”
“Oh cazzo!”
L’esplosione è potente,ma mai quanto il volo che i due fanno.

Giunti a riva stanchi e morti,sopratutto Lucy che ha trascinato l’occhialuto spaventatissimo per un po’di tempo.

“Fine.Credo che la Repubblica non corra più pericoli”Sospira Lucy
“Lo credo anche io.Ce l’abbiamo fatta ,siamo due eroi.”
“Due eroi?”
“Certo!”
“Perchè tu?”
“Io?Lucy che vorresti dire…”
Lei si stende sulla sabbia e comincia a ridere!

“ALL I WANT IS SEE YOU SMILE
IF IT TAKES A LITTLE WHILE”Canta Davide
“Oh,cazzo …I Fleetwood no massacra…DON’T STOP THINKING ABOUT TOMORROW!DON’T STOP IT’LL SOON BE THERE..”
Cantano felicissimi i due.
Come è finita la storia?
Ecco,come la sapete già.Lucy Skywalker rivedrà Rhona,rapita da una banda di criminali a milano,e questa volta non se la lascerà scappare.Le due si sposeranno,vivranno una bellissima storia d’amore.Fino alla morte di Lucy

Davidovic cadrà vittima di un vile attentato per mano del suo segretario R.S.Lerner,ma sarà vendicato dalla sua compagna e sorella di numerose avventure

Rhona abbandonerà La Repubblica di Stalingrado.Si fermerà in un posto tranquillo con l’amico Frank.Vivrà a lungo.Morirà sussurrando agli angeli il nome della sua amata.

Frank si fermerà nello stesso posto con Rhona.Insegnerà musica ai bimbi del villaggio.Sarà ricordato come un bravo uomo

Ursus….

 

“Quanto tempo è passato?”Chiede Ursus a Frank.
“20 anni”
“Già.Tanti,non credi?”
“Troppi”
“Le cose sono cambiate,qualcuno mette in discussione l’operato di Davidovic.Dicono che il comunismo sia stato troppo duro..”
“Che ne sanno loro?Cosa sanno di lui?Sanno di quella volta che pianse vedendo la sedia accanto a sè,quella di Lucy,vuota perchè lui l’aveva mandata nel gulag?O di come si indignava per le ingiustizie?Era cattivo,ma chi lo dice?Lui come tutti gli uomini sensibili sapeva che per la tenerezza è la strada della violenza quella che serve..Ci ha liberato,uniti..Ti ricordi i primi tempi a Roma?E ti ricordi tutte le volte che si dava da fare per noi?”
“Lo so,ma sai..Tutto cambia,il contesto storico.Questa epidemia…Avete avuto molti morti?”
“Si,anche Simone e i suoi figli.Sai quelli che a Milano…”
“Si,li ricordo.Achille?”
“Vivo.Eccolo”
Un uomo basso ,occhialuto,si avvicina ai due
“E’ stata dura.Abbiamo perso troppe persone”
“Rhona”
I due non rispondono

La tomba è semplice
La foto della donna indio-irlandese e della generalessa,sulla lapide ,le vede sorridenti.Felici.

“Come sono belle”Dice Ursus,Generale dell’Armata Rossa,mentre le lacrime scendono sulla sua guancia.
“Già.Non ha sofferto.Ha solo detto:Lucia.Il suo vero nome.Ora saranno insieme.Sono il vento che sentiamo e gentilmente ci accarezza la pelle,la pioggia che scende delicatamente sul nostro viso e la terra che ci regala i suoi frutti.Non credo nella morte,sai?Le persone eccezionali,quelle che contando davvero …Loro,vivono!”Frank ha la voce rotta dal pianto
“Vecchio sentimentale.Certo che ne abbiamo vissute di avventure!Davide,Lucia,Rhona….Ogni notte penso a loro.L’entusiasmo per la politica di Davide…”
“E per le stonature urlate!”Ridacchia Frank,asciugandosi gli occhi.
“Aahahaha,certo!Certo!Mi mancano,sai?”
“Si,anche a me…Ma tu che stai facendo ora?”
“Oh,sto dando la caccia a Lars”
“Lars”
“E’ tornato?”
“Si.Sai,con la storia dell’epidemia..Zentropa è tornata in circolazione”
“Gli darai la caccia,ma gli uomini…”
“Quali uomini,Frank?”
“i soldati…”
“Sono troppo vecchio,ci vuole gente nuova..Con idee nuove”
“Quindi gli darai la caccia da solo?”
“Perchè?Hai in mente qualcosa di diverso?”
“No,sai…Ormai alla mia età…”
“Alla tua,età…”
Frank guarda la tomba:Lucy e Rhona e poi volge lo sguardo al piccolo monumento in ricordo di Davide.Sono lì.Sono con lui.Li sente ancora mentre ridono,soffrono,combattono,gioiscono e piangono.Sono lì.Non si arrendono,perchè dovrebbe farlo lui?

“Bè,si dovrei ..Sai,c’è l’orto….”
“Si,per carità l’orto…”Sorride Ursus

“Ho preparato i cavalli:Tre”Dice Achille
“I figli di Paul ws?Come loro padre..”Dice Ursus
“Tre cavalli?”
“Si,li ho portati a posta da Stalingrado.Uno per me,uno per Achille,uno per..”
“ME!”Ride Frank.

Così si conclude la storia di Lucy,Davide,Rhona,Frank,Ursus,Achille e Simone.
Il tempo prende per mano le nostre vite e alcune le trasforma in leggenda,altre in mito,altre diventano immortali e passano i confini delle ere,delle epoche e dei mondi,perchè finita una storia ne comincia un’altra.E ora da qualche parte,in una terra sconosciuta,tra gente disperata ed eroica,aspettando l’uomo nero e la sua epidemia che ha sterminato per la seconda volta il mondo,tre uomini hanno affrontato pericoli al di sopra delle loro forze,superandoli.Fino allo scontro finale con il loro nemico comune.Il vento porta la loro leggenda delicatamente nelle case della gente,e nei loro cuori.
Lasciando che i bambini si addormentino sicuri e felici,sognando di cavalcare e lottare insieme a Lucy e Davide.

Fine.